La Germania obbligherà chi è sospettato di estremismo islamico a indossare cavigliere elettroniche

I timori per un nuovo Anis Amri, ovvero persone già identificate come pericolose, ma comunque non perseguibili dalla legge, hanno portato il governo tedesco ad una misura eccezionale.

Non sarà importante che ci sia stata già una condanna o un procedimento in atto: d’ora in poi i sospetti jihadisti che vivono in Germania potranno essere obbligati a indossare una cavigliera elettronica che monitorerà i loro spostamenti. Come riporta la DW, la decisione è stata presa dal governo tedesco lo scorso mercoledì 1 febbraio 2017.

Dalla Germania all’Is e ritorno. In precedenza il provvedimento era attuabile solo su persone in passato già condannate. Al momento sarebbero ben 570 i cosiddetti Gefährder ovvero soggetti pericolosi a cui potere applicare la cavigliera elettronica, di cui 90 però sono già in carcere. Secondo le stime del Bundeskriminalamt (BKA) numero è però destinato a crescere: sarebbero centinaia i combattenti dell’IS a lungo schierati in Siria e Iraq pronti a rimpatriare in Germania. “Con il declino dei successi militari dell’IS dobbiamo fare i conti con un crescente numero di rimpatriati jihadisti in Germania”, ha dichiarato il presidente del BKA Holger Münch.

La paura di un nuovo attentato. La Germania teme casi analoghi a quelli di Anis Amri, l’attentaore che la sera del 19 dicembre ha ucciso 12 persone e feritone 56. Il tunisino era già stato messo sotto osservazione dalle autorità tedesche, ma in mancanza di reati dimostrabili non era stata messa in atto nessuna azione cautelativa. Difficile dire se con una cavigliera elettronica si sarebbe potuto evitare l’attentato, certo è che le indagini sugli spostamenti passati del criminale nonché il suo rintracciamento sarebbe stato agevolato.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Si vanno definendo i contorni di quella che potrebbe essere tranquillamente definita la più bizzarra spy story del dopoguerra tedesco. Come riportano diversi quotidiani tedeschi e il Washington Post, un ex funzionario del Bundesamt für Verfassungsschutz (BfV), l'ufficio federale tedesco per la protezione della costituzione, si è rivelato essere una spia islamista. L'inquietante storia ha poi assunto…
  • Martedì sera si sono riunite nella Gedächtniskirche molte persone. Tanti i rappresentanti del governo federale tedesco e del Land, ma anche molti cittadini di tutte le religioni, tra cui un buon numero di musulmani, tutti insieme per commemorare le vittime del tragico attentato ai mercati di Natale di Breitscheidplatz. MuslimeGegenTerror. La reazione della comunità musulmana…
  • Questa volta l'impeccabile sicurezza tedesca ha fatto fiasco. Come riporta il Berliner Morgenpost, Recep  Ü, impiegato di origine turca negli aeroporti di Berlino, ha avuto per lungo tempo libero accesso alle zone di sicurezza aeroportuale, nonostante le autorità avessero scoperto i suoi legami con l'estremismo islamico.  I fatti. Recep Ü., di origine turca, addetto…
  • Delusione per CDU e SPD e grande successo per AfD nelle elezioni comunali in Assia dello scorso 6 marzo. Come riportato da Frankfurter Rundschau, il partito di destra euroscettico e anti-islam Alternative für Deutschland sale a terza forza politica regionale, confermando una tendenza di consensi in crescita. Il risultato delle comunali in Assia è…
  • Potrebbero essere le ultime parole famose, quelle che appena pubblicate vengono smentite dalla realtà dei fatti e, legittimamente, dileggiate da chiunque voglia fare triste sarcasmo, ma alla luce dei recenti fatti di cronaca accaduti in Germania e della conseguente preoccupazione di molti, vale la pena sottolinearlo: Berlino è una città sicura. Almeno…

Leave a Reply