5 posti imperdibili dove visitare i resti del Muro di Berlino

Per chi visita Berlino per la prima volta o per chi nella capitale tedesca ci vive è un must-see. Stiamo parlando chiaramente del celebre Muro. Qui una guida, per visitare i 5 luoghi più significativi.

A quasi trent’anni dalla sua caduta sono ancora tanti i luoghi in cui possiamo vederne i resti. Dei 184 chilometri che un tempo segnavano il confine tra l’Occidente e il blocco comunista la capitale tedesca preserva ancora vari tratti in cui il Muro è stato mantenuto intatto, o quasi.

Bernauer Straße: memoriale e centro di documentazione

Bernauer Straße, la strada di confine tra i distretti di Wedding e Mitte, è forse il luogo più emblematico della storia del Muro. È infatti qui che i primi segmenti di cemento armato furono abbattuti nella notte del 10 di novembre 1989 ed è sempre qui che le demolizioni ufficiali iniziarono nel giugno dell’anno seguente. Nel centro commemorativo di Bernauer Straße il Muro è stato preservato con il terreno intorno in modo da mantenere non solo la parte interna (Hinterlandmauer) ed esterna (Betonmauer) del Muro ma anche la cosiddetta “striscia della morte” dove si trovavano originariamente i mezzi di controllo, le torri e i soldati di frontiera. Il centro di documentazione, a solo pochi passi dal memoriale, offre informazioni non solo sulla costruzione del Muro ma anche sulla vita di coloro che da un giorno all’altro si ritrovarono costretti a evacuare la propria casa e trovarono la morte nel tentativo di raggiungere l’altro lato della città.

Berlin_Bernauer_Straße_Mauerstreifen
Bernauerstrasse © Wikimedia

 

East Side Gallery

Se una visita a Bernauer Straße lascia spesso un senso di sconforto e di angoscia, la East Side Gallery offre un aspetto del Muro ben più speranzoso e allegro. A solo pochi metri dal fiume Sprea, l’East Side Gallery è considerata la galleria d’arte all’aria aperta più grande del mondo. Lunga ben 1, 3 chilometri, la parete del Muro è stata completamente adornata con graffiti realizzati da 118 artisti diversi, provenienti da 21 Paesi. Il Muro deve la sua “bellezza architettonica” al fatto che fosse collocato in una zona strategica, una strada che veniva frequentemente trafficata da diplomatici e vip sovietici ai quali si voleva risparmiare la sgradevole visione della striscia di confine.

East Side Gallery © hillman54
East Side Gallery © hillman54

 

Topographie des Terrors

Un tempo sede dei quartieri generali delle SS, il museo Topografia del terrore si trova proprio dinanzi a uno dei resti più lunghi del muro di Berlino. Il museo a ingresso libero consiste di centinaia di pannelli con documentazione del periodo tra il 1933 e il 1945. Nella parte esterna, invece, direttamente adiacenti al Muro, i pannelli informativi si concentrano sulla propaganda e sulla salita al potere del Terzo Reich.

Topographie des Terrors © Wikimedia
Topographie des Terrors © Wikimedia

Mauerpark

Il Mauerpark, o parco del Muro, è uno dei luoghi in cui i berlinesi hanno saputo colmare la desolazione lasciata dal Muro con la loro creatività ed entusiasmo. Mentre l’ampia superficie del Muro offre l’opportunità a molti writer per esercitarsi, il parco adiacente,  in passato appartenente alla “striscia della morte” è diventato un luogo di ritrovo per giovani artisti, cantanti, giocolieri e praticanti di ogni genere di sport. Il parco è anche adibito ogni fine settimana a mercatino delle pulci, perfetto per collezionisti o per chi è alla ricerca di un souvenir particolare.

Mauerpark © Wikimedia
Mauerpark © Wikimedia

 

Potsdamer Platz

Una doppia fila di sampietrini scorre come una lunga cicatrice attraverso la piazza, a fare da memento; dove meno di trent’anni fa si innalzava una barriera di più di tre metri ora si trova uno dei centri più movimentati della città, ricreato dal nulla. Del passato di Potsdamer Platz rimane solamente un frammento di Muro, ricoperto da graffiti e da resti di chewing gum. Sebbene né le dimensioni né la forma rendano il memoriale superstite degno di particolare nota, dare uno sguardo alla piazza, spalle al frammento di Muro, è forse uno dei modi migliori per cogliere insieme passato e presente di questa straordinaria città.

Postdamer Platz © Wikimedia
Postdamer Platz © Wikimedia

banner3okok (1)

 Foto copertina  © Dennis Skley CC BY-SA 2.0.

Related Posts

  • Sono passati cinquantacinque anni esatti dalla sua costruzione, e ventisette dalla sua caduta, ma il celebre muro che divideva un tempo Berlino è ancora lontano dall'essere dimenticato o metabolizzato. Persino oggi non sono tante le persone che ne parlano volentieri. Me ne rendo conto perché diversi berlinesi - di nascita o…
  • di Giovanna Barca* Il Muro di Berlino, uno dei più assurdi prodotti della storia mondiale, ha ispirato moltissimi romanzi e racconti sia da parte di chi l'ha vissuto in prima persona che di chi negli anni tra il 1961 e il 1989 è passato per la città divisa. Da una…
  • Il potenziale turistico del Muro di Berlino non è ancora scemato e mentre i suoi resti continuano a sgretolarsi, crescono, invece, i musei sulla sua storia come il Memoriale del Muro nella Bernauer Straße, il Museo a Checkpoint Charlie a cui va aggiunta la una mostra permanente, sempre a Check Point Charlie, il Mauer-Panorama di Asisi. Il nuovo si chiama Wall…
  • 1961-1989. Si intitola Berlin Wall Animations ed è l'eccezionale animazione realizzata da Till Nowak per la rete pubblica tedesca ZDF per spiegare, solo attraverso le immagini, la storia dei 28 anni del muro di Berlino, dalla cortina di ferro alla sua distruzione, passando per i primi mattoni e quella doppia…
  • D'estate Berlino si trasforma. Buona parte di quei 30 milioni di turisti registrati nel 2015 arrivano tra giugno e settembre. C'è di tutto per tutti i gusti, sette giorni su sette. Cosa è però tipicamente "berlinese"? Ecco cinque consigli di cose da fare che vi faranno sentire un local.  1-Andare al…

Leave a Reply