5 ragioni per visitare il suggestivo Complesso industriale con le miniere di carbone Zeche Zollverein, patrimonio Unesco ad Essen

La miniere carbonifere di Zeche Zollverein sono un’icona dell’architettura industriale moderna.

Il grande complesso industriale di Zeche Zollverein, situato nella regione della Ruhr a Essen,  è a tutti gli effetti considerabile un monumento dell’industria mineraria. L’impianto è oggi uno dei più importanti poli industriali responsabili della conservazione della cokeria, nonché punto di riferimento storico della Ruhr. Modelli, filmati ed eventi arricchiscono il percorso di visita all’interno dell’impianto. Di seguito elencate le cinque ragioni principali per fare visita al suggestivo Complesso industriale.

Impianto carbonifero di Zeche Zollverein © MichaelGaida, CC0, Zollverein

1. Sono l’impianto di carbon fossile più grande al mondo

Le miniere Zeche Zollverein sono uno dei più grandi e moderni impianti d’estrazione di carbone al mondo. Il complesso è stato creato dagli architetti Fritz Schupp e Martin Kremmer tra il 1927 e il 1932. Fritz e Kremmer progettarono l’enorme installazione nel bacino della Ruhr, a nord di Essen, dove per 135 anni il carbone veniva estratto e lavorato sino a quando, nel 1993, l’impianto chiuse i battenti a causa della crisi dell’acciaio. Nel 1932 il pozzo, profondo 1.040 metri, era più attivo che mai. Venivano estratte giornalmente fino a 13.000 tonnellate di carbone e, durante i periodi di picco economico, vi lavorarono oltre 5.000 minatori. L’impianto si occupava anche del lavaggio del carbone e della produzione di aria compressa. La composizione architettonica della struttura e l’armoniosa combinazione di funzionalità ed estetica rappresentano un perfetto esempio di ingegneria moderna.

2. Le miniere sono oggi patrimonio Unesco e ospitano al loro interno anche la Torre Eiffel tedesca

Nel 2001 la miniera è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO e, a partire da quell’anno, l’ampio complesso industriale è diventato con il passare degli anni di grande richiamo, nonché un interessante sede di arte e cultura. Il simbolo di tutta l’area della Zeche Zollverein è la torre di avvolgimento di 55 metri che è stata rinominata con il nome di Torre Eiffel tedesca. Ovviamente nulla a che vedere con la ben più celebre e maestosa torre francese, ma proprio questo nome gli è valso un certo prestigio all’interno della regione della Ruhr.

Torre di avvolgimento di Zollverein © 2818784, CC0, Miniera

3. All’interno del Complesso è stata creata un’area adatta al parkour

Il Zollverein World Heritage Site ha creato all’interno della cokeria un’area di pubblico accesso dove poter svolgere parkour. L’UNESCO ha permesso a tutti gli amanti della disciplina e non di provare un’esperienza sportiva insolita in quello che è un luogo pieno di storia. L’impianto di parkour di 600 m² inserito all’interno dello stabilimento di Zollverein comprende due aree. La prima sezione è costituita da strutture più basse, aste e pareti che ricoprono una superfice di circa 170 m². Attraverso gradini di cemento e rampe, gli atleti raggiungono la seconda parte del complesso che copre un’area di 290 m². L’attrazione è gratuita ed è accessibile da tutti a partire dagli 8 anni.

4. Sono possibili anche visite in 3D dell’impianto

Recentemente sono state inaugurate anche visite guidate in 3D all’interno delle miniere di Zollverein. La strada del carbone viene promossa attraverso filmati tridimensionali che mostrano la storia e lo sviluppo della struttura nel corso degli anni, dalla sua fondazione alla chiusura avvenuta ormai 25 anni fa. Le proiezioni illustrano chiaramente i vari processi e le fasi lavorative  del carbone. Vengono anche riprodotti gli autentici suoni della macchine, dai tamburi del setaccio agli elevatori a tazze e macchine da presa.

5. Le miniere sono diventate il centro culturale e artistico di Essen

Dal 2010 la cokeria Zeche Zollverein ha svolto il ruolo di centro culturale e artistico della città di Essen. L’industria è diventata un punto di riferimento per spettacoli artistici e di danza. Non solo, oltre alla danza molte aree dello stabilimento sono state restaurate per ospitare mostre nel campo del design contemporaneo e ogni anno viene assegnato il rinomato premio “Red Dot Award” al migliore artista. in particolare il 2018 è stato un anno speciale per la miniera. Infatti, il museo regionale minerario della Ruhr di Essen ha promosso una grande esposizione collettiva sul patrimonio mondiale della cokeria, una mostra interamente incentrata sulla storia del carbone in Europa e sulle sale dell’impianto di miscelazione di Zollverein.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto copertina: © Mannimuc, CC0, Industria

 

 

 

Leave a Reply