66esima Berlinale: a meno di un mese dall’inizio svelati i primi film in concorso

Dall’11 al 21 Febbraio si rinnoverà l’appuntamento con il festival del cinema di Berlino, la Berlinale, che giunge quest’anno alla sua 66esima edizione. Ad un mese di distanza dall’apertura della kermesse sono stati resi noti alcuni titoli dei film in lizza per aggiudicarsi l’Orso d’oro.

Ad aprire il concorso sarà il nuovo film dei geniali fratelli Cohen: Hail,Cesar! ambientato in una Hollywood patinata, colta nella suo momento di massimo splendore. Il cast è di quelli da far girare la testa: Josh Brolin, George Clooney, Alden Ehrenreich, Ralph Fiennes, Jonah Hill, Scarlett Johansson, Frances McDormand, Tilda Swinton e Channing Tatum. Sicuramente un inizio col botto per questa edizione del festival berlinese.

Ad oggi sono state rese note solo alcune pellicole che faranno parte della manifestazione, cui se ne aggiungeranno altre nelle prossime settimane. L’intero programma sarà consultabile sul sito ufficiale a partire dal 2 febbraio. Di seguito l’elenco suddiviso per categoria:

Competition:

Boris sans Béatrice (Boris without Béatrice)

Canada di Denis Côté (Vic+Flo Saw a Bear)

Con James Hyndman, Simone-Elise Girard, Denis Lavant, Isolda Dychauk, Dounia Sichov

Prima mondiale

Genius

United Kingdom / USA di Michael Grandage

Con Colin Firth, Jude Law, Nicole Kidman, Laura Linney, Guy Pearce, Dominic West

Prima mondiale

Alone in Berlin

Germany / France / United Kingdom di Vincent Perez (The Secret)

Con Brendan Gleeson, Emma Thompson, Daniel Brühl, Mikael Persbrandt

Prima mondiale

Midnight Special

USA di Jeff Nichols (Mud, Take Shelter)

Con Michael Shannon, Joel Edgerton, Kirsten Dunst, Adam Driver, Jaedan Lieberher, Sam Shepard

Prima mondiale

Zero Days – documentario

USA di Alex Gibney (Taxi to the Dark Side)

Prima mondiale

Cartas da guerra (Letters from War)

Portugal di Ivo M. Ferreira (Na Escama do Dragão)

Con Miguel Nunes, Margarida Vila-Nova

Prima mondiale

Ejhdeha Vared Mishavad! (A Dragon Arrives!)

Iran, di Mani Haghighi (Modest Reception, Men at Work)

Con Amir Jadidi, Homayoun Ghanizadeh, Ehsan Goudarzi, Kiana Tajammol

Prima internazionale

Fuocoammare (Fire at Sea) – documentario

Italy / France di Gianfranco Rosi (Sacro GRA, El Sicario – Room 164)

Prima mondiale

Hele Sa Hiwagang Hapis (A Lullaby to the Sorrowful Mystery)

Philippines / Singapore con Lav Diaz (From What Is Before, Norte, the End of History, Melancholia)

Con John Lloyd Cruz, Piolo Pascual, Hazel Orencio, Alessandra De Rossi, Joel Saracho, Susan Africa, Sid Lucero, Ely Buendia, Bernardo Bernardo, Angel Aquino, Cherie Gil

Prima mondiale

Kollektivet (The Commune)

Denmark / Sweden / Netherlands di Thomas Vinterberg (The Hunt, Submarino, It’s All About Love)

ConTrine Dyrholm, Ulrich Thomsen, Helene Reingaard Neumann, Marta Sofie Wallstrøm Hansen, Lars Ranthe, Fares Fares, Magnus Millang, Anne Gry Henningsen, Julie Agnete Vang

Prima internazionale

L’avenir (Things to Come)

France / Germany con Mia Hansen-Løve (Eden, Goodbye First Love, Father of My Children)

With Isabelle Huppert, Roman Kolinka, Edith Scob, André Marcon

Prima mondiale

Quand on a 17 ans (Being 17)

France con André Téchiné (Les Témoins)

With Sandrine Kiberlain, Kacey Mottet Klein, Corentin Fila, Alexis Loret

Prima mondiale

Smrt u Sarajevu / Mort à Sarajevo (Death in Sarajevo)

France / Bosnia and Herzegovina con Danis Tanović (An Episode in the Life of an Iron Picker, No Man’s Land)

With Jacques Weber, Snežana Vidović, Izudin Bajrović, Vedrana Seksan, Muhamed Hadžović, Faketa Salihbegović-Avdagić, Edin Avdagić

Prima mondiale

Zjednoczone Stany Miłosci (United States of Love)

Poland / Sweden con Tomasz Wasilewski (Floating Skyscrapers)

With Julia Kijowska, Magdalena Cielecka, Dorota Kolak, Marta Nieradkiewicz, Łukasz Simlat, Andrzej Chyra, Tomek Tyndyk

Prima mondiale

Berlinale @ Alessio Bragadini
Berlinale @ Alessio Bragadini CC BY-SA 2.0

Nella sezione Berlinale special saranno invece inseriti i lavori di filmmakers contemporanei, documentari e formati particolari. Al momento ci sono solo tre produzioni confermate tra cui spicca il nome di Michael Moore:

The Music of Strangers: Yo-Yo Ma and the Silk Road Ensemble – documentario

USA di Morgan Neville (Twenty Feet from Stardom)

Prima europea

The Seasons in Quincy: Four Portraits of John Berger – documentario

United Kingdom di Colin MacCabe, Christopher Roth, Bartek Dziadosz, Tilda Swinton

Prima mondiale

Where To Invade Next – documentario

USA di Michael Moore (Fahrenheit 9/11, Bowling for Columbine)

Prima europea

Questi per ora i titoli annunciati ma ne seguiranno sicuramente altri. La 66esima edizione del festival si preannuncia eccezionale e noi di Berlino Magazine saremo li per raccontarvela! Stay tuned!

Sito ufficiale Berlinale 2016

Pagina facebook

Related Posts

  • 57
    Si è conclusa anche questa 66esima edizione della Berlinale. Come ormai saprete a vincere l’orso d’oro è stato un docu-film italiano, “Fuocoammare” del regista Gianfranco Rosi, ambientato a Lampedusa. Un bellissimo spaccato della vita degli abitanti dell'isola e dei migranti che mettono a rischio le proprie per attraversare il canale di…
    Tags: per, in, film, berlinale, festival, regista, berlino, attori
  • 52
    Dal 2 al 4 ottobre 2015, presso il Kino Babylon di Mitte, approda a Berlino l'Italian Film Festival. L'ultimo film in programma, previsto per le 19:30 di domenica, è Una piccola impresa meridionale, diretto e interpretato da Rocco Papaleo con Riccardo Scamarcio e Barbora Bobulova. Papaleo si troverà eccezionalmente a Berlino e dopo la…
    Tags: in, film, per, regista, festival, berlino, kino, evento, cinema
  • 49
    Dal 2 al 4 ottobre 2015, presso il Kino Babylon di Mitte, approda a Berlino l'Italian Film Festival. Uno degli ospiti più attesi non è un attore o un regista, bensì uno dei più famosi cantautori italiani: Daniele Silvestri. Sabato sera alle ore 21 sarà infatti proiettato Localeuropa - Musica…
    Tags: per, festival, cinema, regista, documentario, kino, film, in, evento, berlino
  • 47
    Come già alla scorsa edizione del Festival, la star indiscussa della Berlinale 2017 è l'orso di Berlino, protagonista di tutte le locandine curate dall'agenzia pubblicitaria svizzera Velvet Creative Office. La scelta di ritrarre l'orso nel manifesti del Festival non è affatto casuale: l'orso rappresenta infatti il simbolo della capitale tedesca. Le sei…
    Tags: berlino, in, festival, berlinale, cinema, orso, per
  • 46
    Dai giochi di luce del Festival of Lights ai grandi festeggiamenti per la riunificazione tedesca, l'autunno a Berlino è ricco di manifestazioni. Ecco cosa fare a Berlino a ottobre 2014, tutti gli eventi da non perdere. Mostre Al Deutsches Historisches Museum inizia il 1 ottobre la toccante mostra fotografica The Eyes…
    Tags: per, in, festival, cinema, eventi, berlino, film

Paco Romito

Barese e fiero figlio degli anni 80, non porto spalline e capelli cotonati ma chiedetemi il titolo di qualche film o telefilm (all'epoca non si chiamavano ancora SERIE) di quegli anni e non solo annuirò compiaciuto, vi canticchierò anche la sigla. Ho giocato per 10 anni a football americano, non è rugby, anticipo la domanda. Uno sport che mi ha insegnato moltissimo sul lavoro di squadra e sul sacrificio ma anche sul fatto che i quarterback cuccano solo negli USA. Sono a Berlino da gennaio 2015 e intendo restarci.

Leave a Reply