7 supermercati aperti la domenica a Berlino fino a tardi

Sono circa cinque anni che la legge berlinese ha deciso di disciplinare in maniera particolare l’apertura degli esercizi commerciali. Mentre precedentemente questi ultimi potevano rimanere aperti incondizionatamente dal lunedi al sabato, con limitazione dell’orario di lavoro solo la domenica, adesso ciò è stato considerato incostituzionale. Secondo il ricorso presentato dalla Chiesa cattolica, rimanere aperti la domenica è come anteporre il profitto e il guadagno al “sacro” diritto del riposo domenicale, del giorno del Signore. Non solo per motivazioni cattoliche, ma anche perché la domenica deve essere un giorno di recupero fisico e spirituale per il lavoratore. La «Bundesverfassungsgericht», la Corte Costituzionale tedesca –  che ha sede a Karlsruhe – ha accolto tale ricorso, che in definitiva va contro l’apertura dei negozi a Berlino nelle quattro domeniche di Avvento, nei periodi festivi e la domenica in generale. Nella sentenza i giudici di Karlsruhe hanno rimarcato, con sorpresa di molti osservatori, che la persona umana va posta al di sopra degli interessi economici. Una questione che diventa delicata, perché non tocca soltanto supermercati, negozi di vestiti, di souvenir etc, ma anche gli Spaetis (ne abbiamo parlato anche qui).

Chi vive a Berlino sa bene l’importanza fondamentale di questi piccoli negozi aperti fino a tardi. Sono come un incrocio tra tabacchi, drogheria, negozio di bibite, ma anche di cibo e tante altre cose, che trovi ovunque e dove trovi tutto ciò che ti serve, a prezzi molto molto bassi e particolari (per esempio puoi trovare una birra, tipo una Peroni per darvi un’idea, a 0.80 cent accanto una bottiglia d’acqua piccola a 1.50 euro. Provate a indovinare quale sia la scelta finale della bibita!) . Diciamo anche che sono parte fondamentale della sopravvivenza berlinese, e il fatto che il provvedimento di legge tocchi anche loro, è fonte di grave e seria preoccupazione da parte di tutti gli abitanti della capitale tedesca. La loro chiusura equivale ad un lutto pesantissimo, un cuore spezzato irrimediabilmente in mille pezzi! E non solo per noi, ma anche per alcuni dei negozianti, che  sono molto spesso loro stessi i titolari dei negozi  e  che nei giorni festivi e nelle domeniche, scelgono autonomamente di rimanere aperti, perché sanno di essere l’unica “ancora di salvezza”. A Neukoelln, uno dei quartieri più carini e frequentati di Berlino, tale legge è gia entrata in vigore, gettando ovviamente la comunità del quartiere nello sconforto e la paura.

Nonostante tutto, a Berlino, ci sono dei supermercati che sono riusciti a sfugire a tale legge e che possono offrirci il loro servizio anche la domenica. Infatti la legge prevede delle piccole eccezioni per quegli esercizi commerciali che si trovano in prossimità di aree turistiche come le grandi stazioni ferroviarie e metropolitane (come Südkreuz, Ostbahnhof, Hauptbahnhof) e distributori di carburante. Anche se non è ancora sicura la sorte che toccherà in futuro a questi shops.

Ecco la lista dei 7 supermercati aperti a Berlino la domenica, anche fino a tardi, che potrete trovare aperti quando sarete disperati senza birra, sigarette o schifezze chimiche in una piovosa “sera domenicale x” a Berlino!

  1. Rewe presso la stazione di Ostbanhof, aperto la domenica dalle ore 7-24
  2. Ullrich presso la stazione di Zoologischer Garten, aperto la domenica dalle ore 11-22
  3. Edeka presso la stazione di Friedrichstraße, aperto domenica dalle ore 8-22
  4. Kaiser’s presso la stazione di Hauptbahnhof (stazione centrale), aperto domenica dalle ore 8-22
  5. Edeka presso la stazione di Lichtenberg, aperto domenica dalle ore 8-22
  6. Edeka presso la stazione di Südkreuz, aperto domenica dalle  ore 8-22
  7. Denn’s Biomarkt presso la stazione di Gesundbrunnen, aperto domenica dalle ore  8-22

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • di La Biene Non toccateci gli Spätis! Una giornata decisamente bella quella di oggi, a passeggiare per la cittá con gli occhiali da sole e la giacca leggera portata aperta; dopo una puntatina al mercato, lentamente e quasi divertita dall ´aria ancora calda, cammino felice per la via di casa,…
  • Il prossimo 15 aprile, alle 18.30, partirà, con una lezione di prova gratuita, il Laboratorio di Fumetto in Lingua Italiana, "Sapere raccontare una storia a fumetti". L'idea del laboratorio è quella di avvicinare soprattutto gli appassionati lettori di fumetti a Berlino, dunque coloro i quali hanno da sempre sognato di…
  • Cultura al posto del tabacco. Si chiama Hamburger Automatenverlag ed è una splendida iniziativa di una casa editrice d'Amburgo: sostituire vecchi distributori automatici di sigarette in piccole librerie di strada. Romanzi, fumetti, collezioni di poesie, guide turistiche...la selezione è varia e comprende soprattutto opere realizzate da giovani scrittori nati ad Amburgo. I libri…
  • di Manolo Marcenò* A Berlino salutavo gli amici. Dove vai? Vado in Irlanda. Ma che sei matto? Me ne andavo da quella Berlino frociona, hipster, da quella Berlino del "ci sono troppi italiani", da quella Berlino delle pizzerie, dei kebab alle 5 di mattina, degli "Späti", delle Bäckerei... Me ne andavo…
  • Vieni a prendermi a Koootti… - di Elisa Leonzio (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”, racconto scritto in occasione della Passeggiata Letteraria) Era stata davvero un’idea insensata. Darsi appuntamento a Kottbusser Tor o, come l’aveva chiamata lui allungando la o all’inverosimile, a Koootti. «Sto male! Vieni a prendermi alla…

Leave a Reply