A Berlino arriva Smokings, il gangster doc italiano alla Tarantino

Un documentario/thriller su una storia più che mai attuale: quella dei fratelli Messina e del loro commercio di sigarette contro la Philip Morris prima e lo Stato Italiano dopo. È quanto si racconta in Smokings, l’eccezionale film di Michele Fornasero che dopo essere stato premiato al Festival dei Popoli e al Visions du Réel International Film Festival arriva a Berlino domenica 14 febbraio all’interno della rassegna del CinemAperitivo del cinema Babylon seguita da un dibattito con il suo regista Michele Fornasero. Non è solo la storia (vera) ad essere eccezionale e avvincente. Per quanto si parli di un documentario, l’intera pellicola è girata “alla Tarantino” tanto da essere catalogata su più riviste come un gangster-movie. Sarà un appuntamento da non perdere.

Trama. Se in tutto il mondo si cerca di promuovere una nuova era “no-smoking”, i fratelli Carlo e Giampaolo Messina, proprietari dal 2007 di una piccola fabbrica di sigarette alle porte di Torino, combattono per vendere liberamente milioni di sigarette. Il loro business era partito già nel 2000  quando, entrambi residenti in Russia, iniziarono la vendita di sigarette attraverso il sito Yesmoke che rendeva possibile acquistare, economicamente, stecche di Marlboro, Camel e Lucky Strike tanto da fare arrivare la società a fatturare 100 milioni di dollari l’anno. Philip Morris gli fece causa per concorrenza sleale, chiedendo un risarcimento di 550 milioni di dollari. I Messina li ignorarono il fatto finché, nel 2004, grazie all’appoggio del governo americano, il loro business fu definitivamente fermato. Fu così che venne l’idea di aprire una nuova fabbrica che producesse sigarette. La loro iniziativa trovò vari ostacoli e fu così che citarono in giudizio lo Stato Italiano, con un esito più che mai negativo. Il 27 novembre 2014 infatti i fratelli Messina sono stati arrestati con l’accusa di contrabbando di tabacchi lavorati ed evasione per 90 milioni di Euro…

Cosa è il CinemAperitivo. È una rassegna di film italiani che ogni domenica alle 16.00 occupa una delle sale del cinema Babylon. Ha vita da 12 anni. Dopo ogni proiezione (sempre con sottotitoli o tedeschi o inglesi) è offerto un aperitivo e una discussione con moderatore e, normalmente, un ospite. Curatori della rassegna sono Mara Martinoli e Andrea D’Addio, rispettivamente responsabile cinema e direttore di Berlino Magazine. Se volete rimanere aggiornati con tutti gli appuntamenti del CinemAperitivo cliccate qui.

SmoKings (e dibattito con il regista Michele Fornasero)

In lingua italiana con sottotitoli inglesi

Domenica 14 febbraio  2016 ore 16.00

Presso il cinema Babylon
Rosa-Luxemburg-Str. 30, 10178 Berlino

Biglietto 9 € acquistabile alla cassa

Evento Facebook

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • Italiani Veri, il documentario che racconta l'amore dei sovietici per la canzonetta italiana sarà proiettato anche a Berlino. Italiani Veri è un film-documentario che cerca di indagare il grande successo della musica leggera italiana in Unione Sovietica. Già al principio degli anni '60, la Russia era stata incantata dalla voce di…
  • Piantala con questi mostri, Michele. I mostri non esistono. I fantasmi, i lupi mannari, le streghe sono fesserie inventate per mettere paura ai creduloni come te. Devi avere paura degli uomini, non dei mostri. Faceva dire Niccolò Ammaniti al padre di Michele, in Io non ho paura, il romanzo del 2001…
  • È uno dei più importanti film della storia del cinema italiano e internazionale. Merito senza dubbio di Luchino Visconti (regista) e Cesare Zavattini (soggettista) e di tutti il gruppo di sceneggiatori (Suso Cecchi d'Amico, Francesco Rosi  lo stesso Luchino Visconti), ma anche e soprattutto di Anna Magnani, qui capace di…
  • Si rinnova anche questa domenica l'appuntamento con il CinemAperitivo, iniziativa realizzata in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura e il Cinema Babylon a Mitte, che porta nelle sale del cinema berlinese una serie di proiezioni tutte italiane. I prossimi due film sono "Caro Diario" e "La Stanza del Figlio" di Nanni Moretti:…
  • "Qualsiasi società sarebbe stata contenta di avere Pasolini tra le sue file. Abbiamo perso prima di tutto un poeta. E poeti non ce ne sono tanti nel mondo, ne nascono tre o quattro soltanto in un secolo" Alberto Moravia, orazione durante i funerali di Pasolini Oltre ad essere un poeta,…

Leave a Reply