A Berlino la danza racconta il mondo degli analfabeti

Come possono le persone incapaci di leggere e scrivere trovare un modo alternativo per esprimere il proprio mondo interiore?

Un coreografo brasiliano, Clebìo Oliveria, mette sotto una lente di ingrandimento il mondo di quelli che lui definisce “analfabeti”. Un mondo che vive nell’anonimato, trascurato e occultato, a detta sua, dalla società e dalla classe politica. Il suo ultimo spettacolo (in scena da venerdì 24 ottobre a domenica 26), parla di questo universo nascosto fatto di vergogna, ansie e menzogne. Da qui il  titolo XXX-ein Versteckspiel, ovvero il gioco del nascondino.

La carica emotiva è travolgente. Sul palco del Dock 11 i ballerini, attraverso il proprio corpo e la danza, mettono in scena questa parte di società emarginata, immersa e sommersa dal mondo del testo, dell’istruzione standardizzata, dell’ambizione. A lavorare con Oliveria c’è un cast tutto italiano: Valentina Migliorati, Michela Rossi e Salvatore Siciliano sono i ballerini, la musica è di Matteo Nicolai.

clebio oliveira

Clebìo Oliveria, prima di arrivare a Berlino nel 2008, ha lavorato come ballerino per numerose compagnie tra le migliori del mondo. Ha iniziato a lavorare come coreografo prima per conto di alcuni ensemble, poi creando autonomamente i propri spettacoli, ricevendo numerosi riconoscimenti per il suo lavoro (è stato definito “miglior coreografo dell’anno” dal Jornal do Brasil e ha portato a casa premi come quello del ”Concorso Coreografico Nazionale” di Chicago). Dopo tre di permanenza a Berlino, inizia a produrre i suoi spettacoli. Alcuni di questi toccano tematiche sociali importanti: nel 2011 produce Milchstraße (ovvero, via Lattea) sul mondo del ciechi, ora torna in scena con “Ein Versteckspiel”.
Oliveria da sempre è interessato a questi mondi invisibili, ai tabù contemporanei, a quella parte della società spesso ignorata: la danza diventa con lui uno strumento di denuncia e sensibilizzazione, e anche di coinvolgimento sociale.

Ein Verckestespiel è uno dei progetti previsti da DOCK 11 EDEN, un centro dove educazione e pedagogia si fondono con l’arte, in tutte le sue forme: teatro, danza, letteratura, arti visive.

Lo spettacolo di Oliveria ha avuto la sua première venerdì 17 ottobre e ha registrato un buon successo, ma è possibile assistere alle repliche di XXX-ein Versteckspiel durante tutto l’ultimo weekend di ottobre.

 

Dove:

DOCK 11 GmbH
STUDIOS
Kastanienallee 79 – 10435 Berlino.

Quando

Venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 ottobre alle ore 20.30. Il prezzo del biglietto è di 14€, ridotto 10€.

 

Qui la pagina Facebook dell’evento

Qui il trailer di XXX-ein Versteckspiel

 

Related Posts

  • Danzatore solista, coreografo e direttore artistico dell'Ensemble Terrible, Martin Buczko è un apprezzato danzatore e coreografo ungherese. La sua formazione è stata piuttosto istituzionale "Ho studiato in quella che attualmente si chiama Hungarian Dance Academy. I sacrifici sono sempre stati tanti. Per essere ammesso all'accademia avevo cominciato a prepararmi privatamente da quando avevo…
  • Alle orecchie di molti “tango tedesco” appare un ossimoro. Eppure il legame tra questi due elementi è fatto di un filo doppio: non solo la Germania contribuì in maniera determinante allo sviluppo della musica per tango, ma fu proprio in Germania che quest'arte trovò una seconda patria, dopo i bassifondi…
  • La Clärchens Ballhaus (Augustrasse 24) è uno di quei luoghi in cui ci si diverte sempre. Certo, questo a patto che si sia pronti a ballare qualsiasi tipo di musica possibile (dallo swing alla mazurka, passando per rock'n'roll, salsa e l'immancabile 99Luftballons di Nena) e non si cerchi un posto cool sia in…
  • Certe volte succede che alcuni tuoi amici berlinesi ti raccontino storie che, per quanto sai bene che possono capitare ovunque, Berlino non ne ha assolutamente l'esclusiva, viene comunque da chiederti se ne avresti sentito parlare altrove. Febbraio scorso. Club Watergate . Marco, Lena e  Fabian sono andati a ballare al…
  • Salvatore Siciliano torna in scena venerdì 16 e sabato 17 gennaio al Theaterhaus di Berlino, e lo fa con il suo nuovo spettacolo di danza contemporanea intitolato “ORIKBEM”. «Orikbem è l’espressione più chiara di noi stessi, una stanza dove non serve il vestito della vergogna e dove ognuno può mostrare…

M. Rita Arfuso

Nata molto a sud nella lontana e mitica Calafrica ma pur sempre italiana, tra i vari saltelli per l'Europa arriva a Berlino poco tempo fa ma decide di restarci (il perchè lo sapete già, ve lo ripetiamo ogni giorno). Di lei si può dire che: amerebbe essere vegetariana ma è calabrese e le riesce molto difficile conciliare queste due cose. Amerebbe suonare uno strumento ma si fermò quando, da piccola, il padre le spiegò che i mancini suonano la chitarra al contrario: ci sarebbero voluti troppo tempo e volontà e lui non aveva né uno né l'altra. Infine amarebbe saper cucinare ma le sue prof femministe di Scienze Politiche le hanno insegnato che meglio evitare, non si sa mai.

Leave a Reply