A Berlino si fa viaggiare gratis un’altra persona sui mezzi attaccandosi un adesivo

Richiamare l’attenzione sulla povertà che coinvolge molti individui della società salvando qualcuno dalla multa per avere viaggiato senza biglietto.

E’ questa la ragione per cui l’associazione NaturFreunde Berlin, gli amici della Natura di Berlino, ha deciso di dare vita ad un’iniziativa più che mai particolare: spingere i possessori di abbonamenti ai mezzi del tipo Umweltkarte (settimanale, mensile o annuale).

Com funziona

A Berlino gli abbonamenti denominati Umweltkarte danno la possibilità di far viaggiare per tutte le ore del sabato della Ddomenica nonché ogni giorno feriale dalle 20.00 alle 3 del mattino, non solo il possessore del biglietto, ma anche un secondo passeggero o tre bambini sotto i 14 anni. I biglietti Umweltkarte sono gli abbonamenti più diffusi, sia che si tratti di abbonamento settimanale che mensile o annuale. Sono quelli a prezzo intero, senza sconti (studenti, disoccupati o funzionanti solo dalle 10 del mattino). Molti loro possessori non sanno che con questi, nelle suddette fasce orarie si può portare con sé qualcuno. Ebbene, casomai questo diritto non fosse usufruito da nessuno, NaturFreunde Berlin spinge affinché ci si attacchi uno speciale adesivo da qualche parte sulla giacca in modo da rendere l’informazione evidente anche a quel passeggero che sta magari sul mezzo senza titolo di viaggio. Se dovessero arrivare i controllori si potrà dire che si sta viaggiando assieme.

Dal Nordrhein-Westfalen a Berlino

Lanciata nel 2012 nel sud ovest della Germania, l’iniziativa ebbe un discreto successo, anche se il grande problema fu che molti controllori non erano convinti da molte coppie formatesi lì sul momento e furono molti i casi di lunghe dispute verbali. La Bvg, l’azienda dei servizi pubblici berlinesi, fa già sapere che i propri mezzi “sono già troppo pieni”, ma poco possono fare per fermare l’iniziativa (che ha preso il nome di Ticketteilen, condividere il biglietto). I promotori giustificano il tutto dicendo che tanta gente povera rinuncia ad avere rapporti sociali per il costo del biglietto dei mezzi. “La loro mobilità è limitata”. Nel farlo cita anche i giovani che non possono permettersi di uscire con gli amici. Mi sembra una scusa un po’ risibile e dietro al tutto vedo più una storia di guerrilla marketing da parte dei NaturFreunde (che oltre ad alcune iniziative di solidarietà organizzano tour legati alla natura)  Lo stato sociale in Germania funziona abbastanza bene e viene da dire che chi non ha diritto a sussidi o comunque almeno allo sconto sui mezzi é perché non lo vuole, però ciò non toglie che per quanto i servizi pubblici funzionino molto bene, il prezzo è comunque abbastanza alto, soprattutto se comparato al costo della vita berlinese. In ogni caso chiunque voglia ricevere gli adesivi Ticketteilen si può o compilare questo modulo online o scrivere a geschaeftsstelle@naturfreunde-berlin.de o passare direttamente nei loro uffici di Warschauer Straße 58a/59a (Friedrichshain). Sono gratuiti, anche riceverli via posta non costa nulla

LEGGI ANCHE I CONTROLLORI IN BORGHESE DEI MEZZI A BERLINO

 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

2 Responses to “A Berlino si fa viaggiare gratis un’altra persona sui mezzi attaccandosi un adesivo”

  1. Niente tornelli e controllori in borghese: a Berlino il biglietto lo pagano tutti (o quasi) – enerd.it

    […] girando i controllori del momento ed altrettanto fu fatto su Twitter. Sulla stessa falsariga fu l’iniziativa lanciata lo scorso febbraio di attaccarsi uno speciale adesivo sulla giacca quando si è in possesso di un abbonamento che dà […]

    Rispondi
  2. La mobilità onesta (e smart). L’esempio di Berlno |

    […] girando i controllori del momento ed altrettanto fu fatto su Twitter. Sulla stessa falsariga fu l’iniziativa lanciata lo scorso febbraio di attaccarsi uno speciale adesivo sulla giacca quando si è in possesso di un abbonamento che dà […]

    Rispondi

Leave a Reply