A Berlino un nuovo, bellissimo murale rievoca la ferita del Muro. Le foto

«If walls could talk», se i muri potessero parlare, è il nome del contest per un nuovo, gigantesco murale realizzato a Bernauer Straße, strada di Berlino simbolo della tragedia del Muro e della separazione che per 28 anni ha funestato la città. E se i muri potessero davvero parlare, probabilmente esprimerebbero lo stesso messaggio della splendida opera vincitrice di questo concorso: un enorme, sanguinolento pezzo di carne tagliato in due fette da una lama affilata, sulla cui superficie campeggia l’emblematica scritta «Berlin 1961-1989», gli anni in cui il Muro fu rispettivamente eretto e demolito.

Xandrea1

Il murale. L’opera è risultata vincitrice tra 396 progetti provenienti da 60 Paesi in tutto il mondo. La piattaforma creativa Talenthouse ha scelto l’idea di Marcus Haas, originale e di impatto, e l’ha poi trasformata in realtà con l’aiuto del collettivo Xi-Design. Haas spiega che il pezzo di carne rappresenta la città di Berlino, la lama il Muro e le due fette in cui il pezzo è tagliato i due settori della città. Guardando l’opera più da vicino è possibile scorgere, tra i muscoli e le venature della carne, i vari quartieri della città. Il murale si trova a Bernauer Straße proprio di fronte al Memoriale del Muro di Berlino e dovrebbe restare fruibile solo per tre mesi. Qui ve lo proponiamo negli scatti della fotografa Giulia Filippi, ma merita sicuramente una visita dal vivo.

XAndrea3

XAndrea5

XAndrea4

Tutte le foto nell’articolo © Giulia Filippi

banner3okok (1)

Related Posts

  • Favole al megafono di Claudia Valentini (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”) Le otto di sera nei pressi del muro a Berlino sono piuttosto scure, anche ad agosto. Quel gigante di ferro e cemento sembra annientare soddisfatto gli ultimi raggi di luce per godersi in pace l’ombra della sua stessa…
  • di Giovanna Barca* Il Muro di Berlino, uno dei più assurdi prodotti della storia mondiale, ha ispirato moltissimi romanzi e racconti sia da parte di chi l'ha vissuto in prima persona che di chi negli anni tra il 1961 e il 1989 è passato per la città divisa. Da una…
  • Nonostante il freddo, il primo di stagione, il 9 novembre 2014 è stata una giornata splendida nella capitale tedesca. Le celebrazioni per i 25 anni della caduta del muro di Berlino si sono rivelate una grande e spettacolare festa a cui hanno partecipato migliaia di persone da tutto il mondo.…
  • È il 9 novembre 2014 a Berlino, una giornata speciale. Tutti ne parlano freneticamente e l’emozione è alle stelle: io ho la possibilità di viverla. Esco di casa e sento l’atmosfera di festa. Le vie della città sono addobbate con migliaia di palloncini bianchi. Mi fermo dinanzi al memoriale nella…
  • di Maria Palmieri* Inutile, ma obbligatorio dirlo: Berlino è una città particolare da fotografare (oltre che da vivere). I monumenti non sono poi così importanti, molto più interessante è la gente, ciò che accade, le sensazioni che suscita. È silenziosa e libera allo stesso tempo. La scorza è dura, ma non puoi non…

Leave a Reply