A Roma la mostra di Ostkreuz, la più importante agenzia fotografica di Berlino

OSTKREUZ

Arriva in Italia la mostra dell’agenzia fotografica tedesca Ostkreuz.

OSTKREUZ. La mostra dell’agenzia fotografica tedesca, nata per celebrare i 25 anni di attività di Ostkreuz, è stata inaugurata nel 2015 ed aperta poi anche a Parigi, Marsiglia, Schwerin, Monaco e Gera (Turingia). A Roma viene proposta negli spazi espositivi del Museo di Roma in Trastevere dal 24 giugno al 17 settembre 2017, mentre una sezione con i lavori di tre fotografi sarà collocata nel Foyer del Goethe-Institut Rom.

Ostkreuz
Aus der Serie „Mainzer Straße“ © Harald Hauswald / OSTKREUZ
Räumung besetzter Häuser in der Mainzer Straße, Berlin-Friedrichshain, Deutschland 13./14.11.1990

L’agenzia fotografica tedesca Ostkreuz

Nella primavera del 1990 sette fotografi di Berlino est sono a Parigi per partecipare a una mostra che riunisce i maggiori artisti della DDR. Tra loro Sibylle Bergemann, Harald Hauswald, Ute Mahler e Werner Mahler. In mente hanno l’esempio della Magnum Photos, di cui conoscono alcuni membri, e ora, tutti riuniti a Parigi, decidono di fondare una propria agenzia. La chiamano Ostkreuz, usando il nome di una stazione della ferrovia metropolitana che collega la parte est di Berlino con l’intera città, un modo per connotare la loro attività che, partendo da est, possono finalmente svolgere in tutte le direzioni.

Ostkreuz
Aus der Serie „Metalheads“ © Jörg Brüggemann / OSTKREUZ
Metalheads treffen sich jeden Samstag abend vor dem ehemaligen Cambridge Hotel, Bar do Bin Laden, Avenida 9 de Julho, Sao Paulo, Brasilien, November 2010

Le foto esposte

Nel complesso le foto esposte riproducono un variopinto mosaico di stili e approcci differenti, spesso caratteristici del periodo in cui sono nate, e per questo sono rappresentative dello sviluppo della fotografia nell’ultimo quarto di secolo a Berlino e in Germania, ma anche oltre questi confini geografici. I fotografi seguono tutti un percorso ben definito, indagano luoghi precisi o osservano l’ambiente circostante in cui vivono: la loro città, Berlino. Le tre serie fotografiche esposte nel Foyer del Goethe-Institut, esemplari dell’approccio stilistico dell’agenzia, sono: Il viaggio dei Gärtner di Sibylle Fendt, Corte Internazionale di Giustizia di Frank Schinski e Ciel de plomb di Maurice Weiss. Per tutti la chiave d’accesso ai luoghi sono le storie personali, come nel caso della Fendt che racconta il viaggio dei coniugi Gärtner. Questa coppia che, a bordo di un camper, parte da Mühlbach in Baden-Württemberg diretta verso la Russia per l’ultimo viaggio insieme, dato che alla moglie è stata diagnostica una forma di demenza. Altre storie personali, quelle di genocidi e crimini di guerra, si celano invece nelle immagini di Frank Schinski, e sono tutte raccolte in un unico luogo: la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja. La storia tedesca degli ultimi 20 anni la racconta invece Maurice Weiss con i suoi scatti di Berlino. Nel 1994 prende il via la trasformazione della città: i vecchi palazzi destinati a scomparire sotto facciate ultramoderne e tutti gli spazi lasciati liberi nella giovane capitale divisa vengono riempiti e occupati. Le polaroid di Maurice Weiss illustrano questo processo, proponendo il ritratto di una città tra due epoche.

Ostkreuz
Aus der Serie „Material“ © Tobias Kruse / OSTKREUZ

I fotografi in mostra al Museo di Roma in Trastevere

Marc Beckmann, Sibylle Bergemann (1941–2010), Jörg Brüggemann, Espen Eichhöfer, Annette Hauschild, Harald Hauswald, Heinrich Holtgreve, Tobias Kruse, Ute Mahler, Werner Mahler, Dawin Meckel, Thomas Meyer, Jordis Antonia Schlösser, Ina Schoenenburg, Anne Schönharting, Linn Schröder, Stephanie Steinkopf, Mila Teshaieva e Heinrich Völkel.

I fotografi in mostra al Foyer del Goethe-Institut Rom

Sibylle Fendt, Frank Schinski e Maurice Weiss.

Ostkreuz. La mostra dell’agenzia fotografica tedesca

Inaugurazione

Venerdì 23 giugno 2017

dalle ore 19:00 alle ore 22:30

Museo di Roma in Trastevere

Piazza S. Egidio 1/b, Roma

24 giugno – 17 settembre 2017

Orari: dal martedì alla domenica ore 10–20.

La biglietteria chiude alle 19.

Informazioni e prenotazioni: tel. +39 060608

Foyer del Goethe-Institut Rom

Via Savoia 15, Roma

24 giugno – 17 settembre 2017

Orari: lun 14–19 | mar mer gio ven 9–19 | sab 9–13.

Chiusura estiva: 31/07–28/08/2017.

Ingresso libero. Tel. +39 06 8440051

EVENTO FACEBOOK

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto copertina: © Goethe-Institut Rom

Related Posts

  • A Berlino c'è un museo che salva le vecchie insegne dalla distruzione. In un mondo a crescente tasso di virtualità nascono nuove forme di nostalgia. Quanto era bello il mercato di paese in cui andavamo con nostra nonna a comprare le scarpe? Dove sono finiti gli album di figurine dei calciatori Panini? Che…
  • A Berlino c'è un museo completamente dedicato agli appassionati di adesivi ed è un peccato perderselo. Collocato nel quartiere orientale di Friedrichshain, l'Hatch Sticker Museum è un museo della capitale tedesca che contiene migliaia di adesivi. La maggior parte delle opere esposte è rappresentata da sticker-graffiti, ovvero quegli adesivi che si vedono in giro per…
  • A Berlino prosegue la polemica sul museo di Herzog & de Meuron che sarà costruito al centro del Kulturforum. A febbraio 2015 il Ministro per la cultura Monika Grütters annunciò che entro la fine dell'anno l'amministrazione di Berlino avrebbe commissionato la costruzione del nuovo Museo di Arte Moderna. Un anno e 460…
  • Dopo un lungo periodo di chiusura, il 20 Marzo 2017 è stato riaperto il Mori-Ōgai-Gedenkstätte: un luogo da visitare per gli appassionati della cultura giapponese Chi era Mori Ōgai Mori Ōgai (1862-1922) è stato un medico, scrittore e traduttore giapponese. Figlio di una famiglia aristocratica, dotato sin da piccolo di una…
  • Dai grandi maestri della pittura tra XIV e XVIII secolo fino all'arte contemporanea con un focus sull'impressionismo: con il Museum Barberini la città Potsdam ha un nuovo, splendido museo, ospitato in un palazzo barocco con un tocco di stile italiano. Inaugurato a gennaio 2017 e situato a poco più di mezz'ora…

Leave a Reply