Al Visionär Film Festival di Berlino c’è un film americano sulla repressione femminile e la vecchia aristocrazia italiana

Nel festival “visionario” di Berlino, una pellicola che racconta di una ragazza alla ricerca della propria identità, ingannata da una bellezza abbagliante e presto vittima di una realtà tanto bella quanto oscura e mortifera.

In occasione del Visionär Film Festival sarà proiettato il film Noble Earth, di Ursula Grisham (USA, 2017). La trama è sufficientemente rarefatta da lasciar parlare le immagini, non solo le meravigliose riprese di paesaggi stupendi del Bel Paese, ma anche i volti, gli sguardi, il modo di porsi degli attori. Noble Earth è una storia d’amore e, allo stesso tempo, di una ragazza che cerca sé stessa e che dovrà scontrarsi con un mondo per lei sconosciuto, all’apparenza meraviglioso ma nei fatti letale e nocivo come un veleno. Il film sarà proiettato al cinema Il Kino domani, 4 maggio, alle 20.30.

La trama

L’americana Emma (Daisy Bevan) incontra l’italiano Tancredi (Elia William Cittadini) a Firenze, avventurandosi in una sfrenata passione che ella nutre sempre più nei confronti dell’elettrizzante universo che egli rappresenta: giornate senza fine tra diafane colline e spiagge inondate dal sole. I due si fidanzano, ma presto Emma si ritrova intrappolata nelle dinamiche famigliari e impara le rigide regole di condotta imposte alle donne nell’alta società fiorentina. Proprio quella bellezza che aveva tanto entusiasmato Emma si manifesta nella sua reale superficialità e finisce per soffocarla. Noble Earth si configura come un attento e tuttavia lirico studio della noia e della repressione, concentrando il focus dal tema generale della “situazione donna” a un contesto più particolare e specifico: le dinamiche personali all’interno di un ambiente sociale raramente mostrato sullo schermo, quello dell’aristocrazia fiorentina contemporanea. Il sito ufficiale del film sceglie di descriverlo con le icastiche ma eloquenti parole di Tomaso da Lampedusa: «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi». La contorta e burrascosa dinamica delle relazioni interpersonali codificate e delle leggi immutabili di etichetta e di apparenza ipocrita, così come la bellezza e la raffinatezza estetica, si rivelano in realtà soltanto la patina superficiale di un mondo che non cambia e che languisce nel tedio e nell’inerzia. La pellicola ha debuttato in prima mondiale a Raindance con grande successo di pubblico e critica e ha vinto il Best Film – Emergence all’Oaxaca Film Fest.

Trailer del film Noble Earth, il 4 maggio a Berlino al cinema Il Kino.

 

Una giovane donna alla ricerca di sé, tra i pericoli delle false apparenze, della bellezza vuota di significato e delle relazioni umane

In occasione della 25° edizione del Raindance Film Festival, quando Noble Heart debuttava in prima mondiale, Ursula Grisham ha fatto la seguente dichiarazione, riportata qui tradotta in italiano: «Sono stata attratta da questa storia perché penso che ci siano modi sottili e quasi inavvertibili con i quali le donne si sottomettono ed è importante esplorare questi dettagli al fine di decostruire l’immagine ricorrente della donna intesa come vittima. Emma entra in un mondo fantastico e non si aspetta di trovare alcunché di minaccioso al di là della raffinata facciata che si trova davanti. Sebbene siano radicati nella ricerca di un’identità, i motivi del suo soggiorno in Italia sono prima di tutto estetici. Il tedio è dunque l’unica conseguenza logica del suo viaggio. Io volevo esplorare questo sentimento in tutta la sua complessità. Per catturare il milieu della disponibile nobiltà fiorentina nella forma più autentica possibile, la produzione ha ingaggiato persone del posto e ha fatto riprendere luoghi reali. La famiglia e gli amici di Tancredi sono per la gran parte interpretati da autentici nobili fiorentini che hanno deciso di partecipare al progetto: anche questa generazione, infatti, sta cercando di sviscerare quel sentimento di noia che è ormai diventato parte imprescindibile e caratterizzante della loro esistenza».

Noble Earth

4 maggio 2018 alle 20.30

Presso Il KinoNansenstraße 22, 12047 Berlin

Qui per acquistare i biglietti

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: la protagonista Daisy Bevan del film Noble Earth in un primo piano della pellicola. Tratto dal trailer Vimeo del film.

Leave a Reply