Arriva il Porn Film Festival di Berlino: quest’anno ben 6 film italiani

Si apre il 26 ottobre a Kottbusser Damm, nel cuore di Kreuzberg, l’undicesima edizione del Porn Film Festival, la più longeva porno-rassegna europea ospitata dal 2009 nello storico Kino Movimiento. 150 film in catalogo, 30.000 euro il budget messo a disposizione dagli sponsor, 7.000 biglietti staccati nell’ultima edizione e 5 persone a selezionare e organizzare il materiale proveniente da ogni parte del mondo. Non solo proiezioni ma anche incontri, dibattiti, panel, seminari, mostre e feste, tutte unite da un importante denominatore comune: il sesso.

Le origini del festival. Nato come appuntamento in cui venivano proiettate soprattutto produzioni mainstream, con il tempo hanno acquisito sempre più spazio e visibilità cortometraggi e lungometraggi maggiormente alternativi e politici, che variano dai porno femministi, porno trans, etero, gay, intersex, fetish e classificazioni in continua evoluzione.

12806065_1142704152437007_2874809173507981226_n

I film italiani. Sei gli italiani in programma: Beyond Madness – Oltre la follia di Luigi Zanuso (alias Dario Lussuria, Luigi Atomico) divenuto regista di film pornografici estremi e disturbanti una volta passata la sessantina, dopo aver chiuso la sua attività di video-noleggio nel nord-est. N-Capace di Eleonora Danco, film sperimentale e controcorrente, premiato al 32° Torino Film Festival con una menzione speciale della giuria (“un ritratto lirico e penetrante dell’Italia di oggi”). E il documentario Porno e libertà di Carmine Amoroso che, attraverso materiale d’archivio e interviste a Riccardo Schicchi, Less Braun e Cicciolina, ripercorre la Golden Age del porno made in Italy. Nei corti: Undercover Mistress di Giulio Ciancamerla, a cavallo tra thriller psicologico e horror erotico contaminato da teorie gender, Smack della coppia di artisti Werther Germondari e Maria Laura Spagnoli e Insight di Lidia Ravviso, primo cortometraggio targato Leragazzedelporno, progetto nato nel 2014 con l’obiettivo di raccontare l’erotismo dal punto di vista delle donne con una serie di cortometraggi ispirati al lavoro Dirty Diaries dell’artista, regista e femminista svedese Mia Engberg. Tra l’altro il trailer del Festival (qui sotto) è stato girato a Bologna.

Anche l’Italia ha il suo festival del cinema porno. In Italia da quest’anno esiste un festival liberamente ispirato al Porn Film Festival berlinese: Fish&Chips Film Festival. Si svolge per quattro giorni a Torino (dal 19 al 22 gennaio l’edizione 2017) e propone di creare un momento per fruire e confrontarsi sui temi della sessualità in maniera creativa, laica, dissacrante e intelligente. Anche per la sua seconda edizione F&CFF si affiderà a una campagna di crowdfunding per raccogliere parte del budget necessario a portare avanti il progetto.

Pornfilmfestival Berlin 2016

Dal 26 al 30 ottobre 2016

Presso il Kino Movimiento

Kottbusser Damm 22, Berlin-Kreuzberg

Programma completo qui

banner3okok-1-1024x107 (1)

 Foto: screenshot dal corto Heartbreaker vs. Obscura (US 2015, 35 min., engl. OV) di Lily Cade

Leave a Reply