Atlas of Berlin, è di un italiano l’app che vuole rivoluzionare il turismo a Berlino

Un’atlante digitale che raccoglie i luoghi imperdibili di Berlino, fornendone un’accurata review e preziose informazioni a cui si può accedere dal proprio smartphone in combinazione con Google Maps: è Atlas of Berlin, il progetto di un giovane architetto triestino, Daniele Ronca.

Il progetto. Appassionato di storia dell’architettura e fotografia, Daniele ha creato una mappa della città, raccogliendo edifici, luoghi e itinerari, soprattutto quelli meno battuti e mainstream. Iniziato con l’idea di aiutare amici e conoscenti a scovare i posti più belli della città, Atlas of Berlin è poi diventato una passione. L’obiettivo di Daniele Ronca è creare un autentico atlante di Berlino, che dia suggerimenti architettonici e culinari, racconti aneddoti e luoghi nascosti, indichi mete e percorsi interessanti basati sulla posizione dell’utente. Un modo per aiutare sia gli specialisti che i meno esperti a scoprire tutte le meraviglie – architettoniche e non – della capitale tedesca. Ad esempio, se volete scoprire qualcosa di nuovo, vale la pena visitare l’area dell’Expo del 1957, le fabbriche di Peter Behrens o il penitenziario della DDR. Berlino offre opere dei maggiori esponenti internazionali dell’architettura: da Renzo Piano a Oscar Niemeyer fino all’architetto personale di Adolf Hitler, Albert Speer.

Atlas

Il crowdfunding. Atlas of Berlin è già disponibile online e il progetto, in fieri, è costantemente aggiornato. L’applicazione localizza i punti d’interesse specificandone l’architetto e l’anno di costruzione. Al momento sono oltre 200 i luoghi da visitare. Nel lungo periodo si prevede di arricchirli con foto e ulteriori descrizioni. Ma creare una mappa esaustiva di una città come Berlino richiede tempo e risorse, soprattutto perché si rende necessaria la collaborazione di content editor e fotografi. Così Daniele ha avviato un progetto di crowdfunding attraverso la piattaforma Indiegogo che possa aiutare a decollare il progetto. Il sogno dell’autore? Riuscire, più avanti, a estendere il progetto ad altre capitali europee e alle innumerevoli città ricche di tesori architettonici.

Berlin

Immagine di copertina © echiner1 CC BY-SA 2.0

banner fondo articolo

Related Posts

  • Agli inizi del ‘900, in opposizione alla costruzione selvaggia del periodo imperiale, un gruppo di architetti esponenti della corrente modernista si adoperarono per rispondere alla grande richiesta di unità abitative, al grido di «luce, aria e sole». Nacquero così sei insediamenti urbani che lasciarono un segno profondo nell'architettura del XX secolo, e…
  • «Karl-Marx-Allee e Strausberger Platz rappresentano quanto di meglio la RDT (Repubblica Democratica Tedesca) sia mai riuscita a realizzare da un punto di vista architettonico»: così scrive Stephan Schilgen nell’introduzione al volume illustrato CENTRAL BERLIN. DDR limited. The special life and style at Strausberger Platz, Karl-Marx-Allee in East Berlin. Il volume…
  • Sarà Berlino ad ospitare la 9° edizione del World Architecture Festival. Dopo quattro lunghi anni in trasferta a Singapore, il Festival che celebra le architetture mondiali in gara ritorna alle origini con un'edizione europea. La primissima edizione del WAF fu infatti organizzata a Barcellona nel 2008. La scelta di Berlino. Paul Finch, direttore…
  • Sulle rive del lago Obersee, decisamente fuori dai circuiti artistici del Mitte, si trova la Haus Lemke ora spazio espositivo all'interno di un'abitazione privata. Progettata da uno dei maestri del Movimento Moderno: Mies van der Rohe, rappresenta la sua ultima opera prima dell’esilio negli Stati Uniti, realizzata nel '32, durante…
  • Lasciamoci l'estate alle spalle e diamo il benvenuto a un autunno ancora mite e a tanti eventi culturali nella capitale berlinese! A ottobre il calendario si riempie di feste, concerti, festival di cibo e d’arte e come sempre sarà difficile annoiarsi. Noi di Berlino Magazine siamo in prima linea quanto…

Leave a Reply