La guida per fare la ragazza alla pari in Germania scritta da chi l’ha già fatto

Quando la mia vita all’estero è iniziata e ho mosso quindi i primi passi dentro ai corsi di lingua “Che ci fai tu qui, perché sei in Germania?” era una domanda ricorrente. Io che all’epoca ero a Bremen, in Germania per amore, ero stupita dal numero di ragazze provenienti da tutto il mondo, Madagascar, Utah, Taiwan, Sao Paulo, venute in Germania come ragazze alla pari.

Fare la ragazza alla pari è un modo diverso per vivere un’esperienza all’estero a costo zero.

L’amore per i bambini e la voglia di confrontarsi con esperienze del tutto nuove costituiscono i due tasselli che la potrebbero rendere davvero un’esperienza unica. A volte è l’amore per le lingue, per quella finestra sul mondo che una persona di un’altra nazionalità porta con sé, altre volte è il serio contributo che può apportare nel ménage familiare, a spingere alcune famiglie ad accogliere una ragazza (o un ragazzo, of course) in casa loro per un arco di tempo che da va dai 3 mesi a un anno, in cambio di una collaborazione con i bambini e in qualche aiuto domestico.

Una sorella maggiore, come “alla pari” dovrebbe far suggerire, che come tale, oltre al vitto, l’alloggio e la partecipazione a tutte le attività della famiglia, riceve una “paghetta”, un piccolo contributo economico. Una baby-sitter, cuoca all’occorrenza, una compagna di giochi, un’attenta organizzatrice della routine dei piccoletti di casa, a stretto contatto con una famiglia, una lingua, una cultura, che – attenzione, attenzione – potrebbe trovarsi da qualsiasi parte nel mondo.

Non immaginatevi un posto da bambinaia. Il lavoro è tutelato da un contratto, le ore sono concordate, spesso i bimbi sono a scuola per la maggior parte della giornata e il tempo richiesto alla baby-sitter è quello della merenda nel pomeriggio. All’inizio vi è un’attenta ricerca, un oculato scambio di email, un colloquio conoscitivo su Skype, si ha tutto il tempo per stabilire i criteri con cui selezionare le famiglie e farsi da loro ispirare.

Difficoltà della ricerca? Moltissime, sia da parte delle ragazze, che dalle famiglie. Ci si sceglie dopo tanto, tantissimo cercare, affinché l’avventura sia effettivamente quella auspicata. Da entrambe le parti si cerca il meglio, non ci si accontenta. Ma, ad un certo punto, la famiglia tanto cercata arriva e con l’incertezza dell’ignoto ma presentimenti positivi, infine, si parte.

Io andai a Berlino e subito fui accolta come una figlia dalla famiglia che più era riuscita a dipingermi un quadretto familiare positivo: mamma, papà, una bambina di due anni e due gemelline di tre mesi.

Nel corso di quei mesi che ricordo come pieni d’amore, mentre la mia conoscenza del tedesco varcava nuove frontiere, venivo sempre più inglobata dagli aspetti della società tedesca più disparati. Dai corsi di ginnastica per neonati, agli incontri con la figura della Hebamme (levatrice), tutto era una scoperta: l’alimentazione poi non così bio, la cena delle 18.00 e i biscotti al cioccolato delle 20.30, l’onnipresente Apfelsaft, i pomeriggi agli Spielplatze fatti di sabbia e scivoli alti tre metri, le feste al Kindergarten a base di Kartoffel Salat und Bratwurst, vacanze al mare del nord, a Rugen, con -8 gradi.

E poi Berlino, difficile non innamorarsene. Cercai un tandem-partner con cui imparare il tedesco in cambio del mio italiano e trovai un’amica, l’amica, compagna di mille avventure ancora presente. Scoprii la vivacità di Berlino, i suoi locali, i mercati, le persone, una Berlino crocevia di mille passaggi.
I genitori ne giovarono in serenità: la garanzia di sapere le bimbe al sicuro, un po’ di tempo libero, riprendere qualche attività accantonata, la possibilità di controllare grazie alla presenza di un estraneo quel nervosismo a cui talvolta in famiglia ci si lascia andare, con rispetto e armonia, impagabili per tutti.
Io ne ho giovato da tutti i punti vista: la lingua prima di tutto. Poi, ho viaggiato, ho scoperto, mi sono lasciata accogliere dalla Germania e dai suoi abitanti, ho conosciuto tante persone, ricevuti nuovi spunti, ho anche imparato a farmi da parte quando avrei voluto intervenire e a parlare apertamente quando qualcosa non mi andava bene, ma quel che più rimarrà è che ho imparato a non giudicare, a capire e adattarmi.

Mi chiedono: e se non avesse funzionato? Se così fosse stato, se mi fossi accorta che la famiglia aveva degli aspetti che avevo sottovalutato, che il dialogo non appianava le divergenze e la prospettiva di stare in determinate condizioni mi fosse sembrata stretta, semplicemente me ne sarei andata.
Invece io alla fine dei sei mesi, non sarei mai voluta andarmene. Ciò che al mio arrivo era un posto di lavoro, era diventata a tutti gli effetti la mia nuova a casa. Ma è la bellezza della vita: arrivi, crei, poni le fondamenta del tuo nuovo mondo e quando è ora te ne vai, lasciando ricordi, parole, cene improvvisate a base di carbonare, una bimba che parlicchia italiano, momenti unici di 3 adulti esausti con un bicchiere di vino in mano e sento adesso che ovunque andrò, avrò sempre una casa dove tornare, a Berlino.

Per scorprie come e dove proporsi il sito di riferimento è aupairworld.it

LEGGI ANCHE I bambini di Berlino raccontati in 10 punti da una babysitter italiana

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Ci siamo. Finalmente, dopo mesi e mesi di riflessioni, è arrivato il momento che tanto aspettavi: ti sei trasferito a Berlino. Che si tratti di un periodo breve o di un progetto senza biglietto di ritorno, si tratta di una scelta da vivere con entusiasmo e ottimismo, ma anche dopo aver ponderato eventuali ostacoli e…
  • Quella che vedete qui sotto è la fila per vedere e, magari affittare, un appartamento  a Berlino,  Glaßbrenner Strasse, zona Prenzlauer Berg, scattata questo pomeriggio. Non è un caso isolato. Sulla Bild a dicembre c'era una foto analoga (la vedete sotto), per un appartamento a Neukoelln per 650 euro e tante…
  • Berlino è la migliore città per famiglie. È questo l'esito di uno studio di House Trip , portale per affitti di case vacanze sulla falsariga di AirBnb, ripreso dal quotidiano The Indipendent. Al secondo posto Valencia, al terzo Budapest, al quarto Lisbona e al quinto Madrid (la penisola iberica quindi ha…
  • È iniziato venerdì 3 febbraio il processo a due sospetti pedofili che dal 2002 al 2009 avrebbero molestato centinaia di bambini. Gli uomini sarebbero al centro di una rete di pedofili dl nord della Germania che aveva a Berlino il suo quartiere generale. Il loro ruolo era normalmente di intermediari.…
  • Ho deciso. Parto per questa emozionante avventura. Dopo aver conseguito la maturità, sento che la realtà universitaria italiana mi sta stretta. Grazie ad una buona conoscenza del tedesco, decido di iscrivermi all’ università in Germania, precisamente all'Università Libera di Berlino, Freie Universität, presso la facoltà di Ebraismo. Dopo aver sbrigato le…

Federica Borrelli

Giovane avventuriera nel cuore, studentessa sulla carta, vive di città in città, innamorandosi della vita, dei luoghi, delle persone.

9 Responses to “La guida per fare la ragazza alla pari in Germania scritta da chi l’ha già fatto”

  1. voolare

    Scrivi molto bene, brava!

    Rispondi
  2. francesca

    Articolo molto bello.. potrebbe essere un’idea fare la ragazza alla pari… 🙂

    Rispondi
  3. Marta

    Ciao, innanzitutto bellissimo articolo 🙂 volevo chiederti se per fare la ragazza alla pari bisogna avere una buona conoscenza di partenza della lingua inglese di quella tedesca e aver giá fatto esperienze lavorative con dei bambini. Io ho 18 anni e vorrei partire dopo la fine del quinto superiore, è troppo presto? Se non lo è, quando dovrei cominciare a cercare una famiglia? Grazie, Marta 🙂

    Rispondi
    • Alice

      Ciao Marta! Sono capitata su questo sito e su questa pagina perchè anche io ho in mente il tuo stesso progetto: partire subito dopo la maturità, perciò sto cominciando a informarmi meglio nel dettaglio, ma sono ancora in alto mare. Ci sei riuscita? Mi piacerebbe sapere se e come hai fatto. Se ti va scrivimi via mail (alice.pulia@libero.it). Mi faresti un grandissimo favore! 🙂

      Rispondi
    • Blue

      Brava! Io sto finendo il mio anno da ragazza alla pari ad Hamburg, sicuramente il rapporto con la famiglia e con i bambini non e’ lo stesso che avevi tu, ma nonostante tutto credo ne sia valsa assolutamente la pena! Un pezzetto del mio cuore rimarra’ per sempre ad Amburgo <3

      Rispondi
  4. Francesca

    Ciao 🙂 posso chiederti a quale agenzia ti sei affidata per trovare la famiglia?
    Sto cercando un’agenzia affidabile, ma purtroppo è pieno di truffe. Grazie!

    Rispondi
  5. Kelly

    Ciao, bello l’articolo. volevo sapere come si può iniziare questa esperienza, il motivo è che vorrei andare in germania per imparare meglio la lingua e capire come è la cultura. Potresti darmi un consiglio su quale è la migliore agenzia per fare questa esperienza, perchè ne ho trovate diverse ma non capisco quale sia affidabile. Ciao e grazie =) =)

    Rispondi
    • Anna

      Kelly un’agenzia molto buona, gratuita e seria (pagano solo le famiglie).
      http://www.au-pair-vij.org/
      oppure tieni d’occhio Scambieuropei, spesso hanno offerte per soggiorni alla pari.
      Soprattutto se vai senza agenzia o usi piattaforme tipo aupairworld parla con le ragazze precedenti e cerca di capire bene che tipo di famiglia ti ospitera’.

      Rispondi
  6. Michela

    Complimenti..e mi sei stata d’aiuto

    Rispondi

Leave a Reply