Il Berghain vieta le foto: su ogni cellulare un adesivo. Ecco le pene per chi fa il furbo e lo leva.

Il Berghain continua a far parlare di sé. Che siano leggende, dicerie, o verità, resta di fatto che il club techno considerato numero uno al mondo riesca sempre a far parlare di sé. Dalla scorsa settimana il divieto di scattare foto al suo interno diventa imperativo. Non basta più la fiducia. Se anche riusciste a superare la difficile selezione (leggi Come entrare al Berghain: le false leggende ed i giusti consigli scritti da chi ci lavora) al momento dei controlli sul vostro cellulare verrà applicato un adesivo che copre l’obiettivo della fotocamera.

Se pensate di fare i furbi e che andare al Berghain senza fotografarcisi al proprio interno e vantarsela un po’ su facebook o instagram state sbagliando di grosso. Chiunque verrà notato (magari mentre manda un messaggio o sta al telefono) con un cellulare senza adesivo verrà allontanato dal personale del locale. Ma non è finita qui: il rischio è di essere banditi dal locale per i successivi tre mesi come già successo in passato ad altri “disturbatori” (in alcuni casi banditi per sempre).

Per ora lo stikers sará solo un pallino adesivo fosforescente (per ora il più utilizzato è rosso), ma pare che in futuro riporterà anche il logo ufficiale del club.

Per lo staff del Berghain osservare le regole é una questione di rispetto di tutto quello che per molti questo club offre: tanta libertá, ma come tale per esser ben gestita ha bisogno che ci siano regole alle quali non trasgredire. Questa nuova decisione é stata presa dopo aver trovato on-line selfies e foto fatte all’interno. Il Berghain diventa sempre piú un’entitá oltre che a un club e anche se dentro vi sembrerà di poter fare tutto quello che volete, lo staff é sempre vigile attento soprattutto per assicurarsi che tutto si svolga nel nome della musica, del divertimento e soprattutto del rispetto.

C’è chi però scherza sulla severità della norma. È il caso del tumblr Berghain Sticker Fun che per ovviare alle immagini oscurate dall’adesivo le racconta. Con esiti più che mai esilaranti…

Sticker Berghain

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

Related Posts

  • Mi chiamo Sven Marquardt, sono un forografo e lavoro da più di vent'anni nel clubbing berlinese Si intitola Best of Sven Marquardt ed è un video di 230 secondi dedicato al celebre selezionatore del Berghain, il club più celebre di Berlino. A realizzarlo è stato Oliver Würffell su commissione della Sony intenzionata…
  • Il Berghain? Il suo mito a Berlino si prepara ad essere soppiantato dal ben più spontaneo The Birdhain dove non c'è nessun selezionatore alla porta e nessuno controlla se vi si scattano foto sl suo interno. Del resto è una casa per uccelli. Ad averla creata è il communication designer Malte Jensen.…
  • "100 € per per farci entrare al Berghain". L'annuncio, apparso su Craiglist ad inizio agosto (ma ora rimosso), è opera di due turisti in visita a Berlino. Ecco il testo completo. "Offriamo 100 € a visita se puoi garantire a me e al mio amico in maniera affidabile e ripetuta l'ingresso nei…
  • Come entrare al Berghain? Difficile dirlo, meglio provare a spiegarvi come non entrare al Berghain Quando si parla di Berghain è difficile pensare ad un manuale su come vestirsi, cosa dire, se e quando guardare negli occhi i bouncer, a che ora arrivare o se e a chi è possibile chiedere…
  • I bouncer del Berghain sono notoriamente difficili da impressionare, si sa. E così, essere respinti di fronte alla dura selezione del club più famoso di Berlino è un'esperienza capitata presto o tardi a tutti quelli che hanno provato ad accedere al tempio della techno. Nel folle proliferare di guide, vademecum,…

2 Responses to “Il Berghain vieta le foto: su ogni cellulare un adesivo. Ecco le pene per chi fa il furbo e lo leva.”

  1. Gian

    Consiglio rilettura dell’articolo prima di postarlo, per evitare ripetizioni e frasi che non girano 😉
    Comunque confermo, gli stickers sono stati applicati anche due weekend fa.

    Rispondi

Leave a Reply