Bergmannstraßenfest, il festival della strada più bella di Berlino

Si sa che Berlino in estate si trasforma in una grande festa a cielo aperto, dove ogni occasione è buona per organizzare cortei, festival musicali, feste di strada, il tutto per godersi al meglio la città in quei pochi mesi in cui le temperature permettono di stare all’aperto senza problemi. Per divertirsi basta uno Spaeti dove prendere qualche birra da consumare in un parco o semplicemente per strada. E proprio questa è la filosofia che sta alla base della Bergmannstraßenfest, che quest’anno sarà il weekend del 24-26 giugno, lo stesso della 48 Stunden Neukoelln e a pochi giorni dalla Fete de la Musique.

Cos’è la Bergmannstraße. Un’elegante strada nel cuore di Kreuzberg distretto 61, a pochi passi dalla fermata di Mehringdamm, famosa per i molti locali e ristoranti che la popolano (ne abbiamo ad esempio parlato qui). Ma non solo: la Bergmannstraße ospita anche tanti negozi di abbigliamento, sia più classici che in stile urban ed alternativo. E’ quindi il posto perfetto per fare una passeggiata di sabato pomeriggio per poi rimanere magari a mangiare qualcosa.

218130841_6070da1f0d_z

Foto: DSC_3052.JPG  © Valerio Pillar CC BY SA 2.0

Cos’è la Bergmannstraßenfest. Per un weekend di giugno la Bergmannstraße diventa pedonale e ospita una miriade di banchetti di cibo dalle culture culinarie di tutto il mondo più una serie di palchi. Il motto dell’evento è infatti “Kreuzberg jazzt in der Bergmannstraße”, si tratta quindi di un appuntamento musicale all’insegna del jazz. I quattro palchi, sui quali si esibiranno circa 50 gruppi, si trovano a Mehringdamm, sulla Obere Nostitzstraße e sulla Zossener Straße. In più è presente una Theatebühne sulla Nostitzstraße dove verranno proposti spettacoli per grandi e piccini. Infine, sulla Chamissoplatz, verrà montata una “Gourmet-Zelt”, ovvero una tenda del gourmet.

“Bergmannstraßenfest” © Steffen Zahn – CC BY SA 2.0

Bergmannstraßenfest

Kreuzberg jazzt in der Bergmannstraße

24 – 26 giugno 2016

Venerdì dalle 16, sabato e domenica dalle 11 sempre fino circa alle 22

Lungo la Bergmannstraße

Entrata gratuita

Evento Facebook

banner3okok (1)

Foto copertina: “Bergmannstraßenfest”  © Steffen Zahn – CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Sono stati i colori delle boutique vintage e i profumi delle bancarelle di cibo etnico a fare da sfondo alle note, per lo più jazz e soul, che hanno risuonato per tre giorni a Kreuzberg, nella nota Bergmannstraße. La suggestiva via berlinese che dal 1994 ospita una festa a celebrazione della…
  • di Daniele Lauri Con il sogno di aprire un coffee-shop, ho girato (in bicicletta) la capitale tedesca in lungo e in largo con l’obiettivo di mettere a fuoco il mercato del caffè espresso di Berlino. In questo peregrinare ci sono state conferme, delusioni e spesso piacevoli sorprese. La mia voleva…
  • «Quando non sai cos’è allora è jazz» così si pronunciava uno dei personaggi del film “La leggenda del pianista sull'oceano” di Giuseppe Tornatore, ispirato al libro “Novecento” di Alessandro Baricco. Lo sa molto bene invece l'organizzatore dell'Italian Jazz Festival, che dal 26 al 28 Novembre si rinnoverà a Berlino per il sesto…
  • Venerdì 6 maggio Lunar Love, quinto album della band italiana Mop Mop, verrà presentato al Prince Charles di Berlino. Mop Mop, alias Andrea Benini con il suo combo composto da Alex Trebo, Pasquale Mirra, Salvatore Lauriola, Guglielmo Pagnozzi e Danilo Mineo, è un progetto musicale italiano nato nel 2000 e basato su un jazz dalla matrice funk e…
  • Quando tre grandi musicisti decidono di fare un progetto insieme il risultato non può che essere interessante. Per esempio, prendete un batterista di fama internazionale, un clarinettista pluripremiato e un importante producer e avrete Ambiq, lo straordinario gruppo berlinese a cavallo tra jazz ed elettronica che due settimane fa si…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

Leave a Reply