Berlino, acido nitrico in strada. Diversi feriti

Fuoriuscita di 900 litri di acido nitrico a Lichterfelde, 15 feriti e strade bloccate.

E’ accaduto nelle prime ore della giornata. Una fuoriuscita di acido nitrico ha mandato in tilt la zona di Lichterfelde intossicando diverse persone.

L’incidente

Una fuoriuscita di acido nitrico ha interessato la zona di Lichterfelde, nel quartiere di Steglitz-Zehlendorf. Lo spiegamento di forze dei vigili del fuoco è stato notevole e la zona chiusa al traffico. Così come dichiarato dalla B.Z., 900 litri di materiali industriali provenienti da un’azienda circostante sarebbero fuoriusciti contaminando la strada. 900 litri di materiali tossici, al 56% si tratterebbe di acido nitrico. Quindici persone, otto delle quali trasportate subito in ospedale (così come dichiarato dal portavoce dei vigili del fuoco), avrebbero subito un’intossicazione ma prontamente soccorse dai paramedici.

Le conseguenze

Una quantità indefinita di acido avrebbe inquinato anche la rete fognaria, come spiegato dalle autorità stesse le quali affermano che al momento resta solo da capire come procedere per limitare i danni il più possibile. I dipendenti dell’azienda dalla quale proviene la fuga sono stati allontanati dallo stabilimento per questione di sicurezza. Grazie all’azione lampante dei vigili del fuoco l’emergenza è rientrata velocemente. Infatti alle 13.30 di questa mattina i fumi tossici dell’acido erano diminuiti. I vigili del fuoco affermano che al momento non vi sia pericolo di intossicazione per gli abitanti della zona.

Quanto è pericoloso l’acido nitrico?

Questo materiale incolore è largamente utilizzato nelle industrie quando si tratta di pulizia e disinfestazione. Il grado di tossicità dipende ovviamente dalla concentrazione dell’acido stesso. In caso di alta concentrazione l’acido ha effetti corrosivi, soprattutto se entra in contatto con pelle, occhi e vie respiratorie.

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Cover photo: © iMaxN – CC0 Creative Commons

Leave a Reply