Berlino, Capodanno con pistole, auto in fiamme e guerriglia urbana

I festeggiamenti di Capodanno, a Berlino, sono particolarmente sentiti e spesso si trasformano in un’orgia di botti, fuochi pirotecnici e feriti. Ma quest’anno la notte di San Silvestro, specialmente a Neukölln ma anche in altre zone di Berlino, è degenerata in un’autentica guerriglia di strada.

Oltre ai classici botti e razzi spesso sparati – come riporta Vice Germania – ad altezza d’uomo, a “celebrare” l’arrivo del 2017 sono scese in strada anche persone armate di pistole: il fotografo di Vice, colpito al naso con un pugno da qualcuno che non gradiva la sua presenza, ha ad esempio immortalato nei pressi della fermata U-Bahn di Hermannstraße un uomo che ne impugnava sorridente due puntandole verso il cielo. Ma non è tutto: poco dopo la mezzanotte del 1 gennaio un gruppo di vandali ha distrutto e incendiato un’auto a Emser Straße. Come si può vedere in questo video girato da un testimone e pubblicato da Bild e B.Z., diverse persone si accaniscono su una Chevrolet rossa al centro della strada prendendola a calci, sfondandone i vetri, saltando sul tettuccio e infine bruciandola dopo averla utilizzata come piattaforma per fuochi pirotecnici.

Le indagini

Polizia e vigili del fuoco, allertati dai passanti, sono intervenuti solo quando l’auto era ormai diventata una carcassa. Già nella notte di San Silvestro le autorità hanno arrestato due berlinesi , un 19enne e un 22enne. I due giovani, entrambi con precedenti penali e inizialmente sospettati di essere a capo dell’atto vandalico di gruppo, sono però stati rilasciati per insufficienza di prove. La Chevrolet rossa, è emerso dalle prime indagini, è un’auto rubata nell’ottobre 2016. Dalla giornata di lunedì 2 gennaio sulla pagina Facebook della polizia di Berlino compare un annuncio in cui si chiede agli utenti di segnalare foto o video che possano aiutare a identificare il gruppo di vandali.

Polizei
© Polizei Berlin

Foto di copertina © Polizei Berlin

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply