Berlino celebra Fabrizio De André con Principe libero, il film con Luca Marinelli

Fabrizio De Andrè Principe Libero Berlino

Fabrizio De André a Berlino: accadrà grazie alla proiezione di Principe Libero, film interpretato da Luca Marinelli e diretto da Luca Facchini

“Ero proprio terrorizzato. Tanto che mandai un messaggio a uno dei miei migliori amici, dicendo che c’era questa possibilità. Lui mi ha chiesto se ero impazzito. Poi piano piano mi sono avvicinato a questo progetto. Ho conosciuto Dori e lei ha pensato che io potessi far rivivere Fabrizio De Andrè in qualche modo. Così ho iniziato. Sono rimasto affascinato dalla sceneggiatura che conteneva tante cose della sua vita che io non conoscevo” così Luca Marinelli ha raccontato il suo approccio all’interpretazione di Principe Libero, il film uscito a fine 2017 che verrà presentato al cinema Babylon di Berlino all’interno della rassegna CinemAperitivo da Mara Martinoli domenica 22 aprile alle 16.00. Prima della proiezione ci sarà un collegamento via Skype con il regista Luca Facchini.

La trama di Principe Libero

Si tratta di un film biografico. La storia di Principe Libero è quindi quella di Fabrizio De Andrà a partire da quella sera del 27 agosto 1979 quando l’anonima sequestri rapi sia lui che la sua compagna Dori Ghezzi presso la tenuta sarda dell’Agnata, in Sardegna. Come scritto su Wikipedia: “La prigionia fa riaffiorare in De André tanti ricordi, a cominciare dall’infanzia e dall’adolescenza: il breve dialogo con un sacerdote suo insegnante, la prima chitarra ricevuta in regalo dalla famiglia, gli studi universitari di giurisprudenza che abbandonerà decidendo di dedicarsi alla musica, le notti brave per i caruggi di Genova insieme all’amico di una vita Paolo Villaggio, i primi incontri borghesi voluti dal ricco padre Giuseppe, dove avrà modo di conoscere colei che diverrà la sua prima moglie, Enrica “Puny” Rignon, e infine il casuale incontro con un altro esponente della scuola genovese, Luigi Tenco…”

La critica di Principe libero

“Sta tutto lì, tutto dentro una fiction che è un film, o un film che è una fiction, poco importa, anche se nasce per la tv, e che è prima di tutto una cosa che si è data regole sue prima che gliele dessero gli altri. Tutto che passa attraverso lo sguardo tormentato e amoroso di Marinelli, e sul suo sorriso sbilenco, sui volti degli altri protagonisti, da Valentina Bellé che è una Dori Ghezzi dagli occhi scuri a un Gianluca Gobbi che è un Paolo Villaggio somigliantissimo, eppure quasi sconosciuto rispetto a quello che conosciamo. Passa tra le note delle canzoni di Faber: quelle giuste, mai troppo scontate, mai troppo sbandierate, sempre al servizio del racconto e non il contrario. Passa, e compone un ritratto che magari potrà non piacerà agli integralisti della chiesa di De André (gli integralisti ha sempre da ridire) ma che è puro De André nella sua voglia di essere libero, e diverso, di indagare e conoscere quello che gli altri han tralasciato” così Comingsoon.it definisce il film.

Cos’è il CinemAperitivo

È una rassegna di film italiani che ogni domenica alle 16.00 occupa una delle sale del cinema Babylon. Ha vita da 12 anni. Dopo ogni proiezione (sempre con sottotitoli o tedeschi o inglesi) è offerto un aperitivo e una discussione con moderatore e, normalmente, un ospite. Curatori della rassegna sono Mara Martinoli e Andrea D’Addio, rispettivamente responsabile cinema e direttore di Berlino Magazine. Se volete rimanere aggiornati con tutti gli appuntamenti del CinemAperitivo cliccate qui

Fabrizio De André – Principe libero

di Luca Facchini (2017)

in lingua italiana con sottotitoli in tedesco

domenica 22 aprile alle ore 16

Presso il cinema Babylon

 in Rosa-Luxemburg-Str. 30, 10178 Berlino

Ingresso 10 euro

film + aperitivo + dibattito Skype post film con il regista Luca Facchini

Evento Facebook 

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply