Berlino, chiude birreria gay-friendly di Schöneberg: «Troppe aggressioni ai clienti»

A soli due anni dalla sua inaugurazione, il Lieblingsbar è già storia. La birreria di Schöneberg, quartiere noto a Berlino e in tutto il mondo per la sua concentrazione di locali gay, si è vista costretta a chiudere i battenti per mancanza di avventori. La causa, secondo il gestore Thorsten Baumert, è nel tasso crescente di criminalità che affligge l’intera zona. «Sento sempre più spesso di persone», ha raccontato Baumert in un’intervista al magazine Siegessäule, «che non vogliono più venire al locale perché hanno paura. Loro stessi o amici sono stati aggrediti, picchiati, derubati o addirittura minacciati con un coltello».

Zona a rischio. La Kneipe di Eisenacher Straße, aperta come costola del bar di Kreuzberg Rauschgold, si trova secondo Baumert in un’area a rischio, tra alta concentrazioni di locali (e alcol) e traffico di stupefacenti. Gli esercenti della zona hanno provato a rivolgersi alla polizia (che ha intensificato il pattugliamento per un po’), a installare telecamere di sorveglianza e a formare una rete di solidarietà, ma con scarsi risultati.

Problema omofobia? Secondo Baumert, però, la prima causa delle violenze non sarebbe tanto l’omofobia quanto il proliferare della microcriminalità. A Berlino, ad ogni modo, nel solo 2016 (periodo gennaio-ottobre) si sono registrati 113 casi di aggressione contro omosessuali, lesbiche e trans. Un autentico shock, per una città che fa da sempre vanto della sua tolleranza verso ogni identità e orientamento sessuale. Anche la fama gay-friendly di Schöneberg, secondo Baumert, non è più del tutto meritata: «Auguro a questo quartiere che possa tornare presto a essere più bunt, (più colorato, variopinto). Schöneberg è conosciuto in tutto il mondo come simbolo della comunità gay. Spero che torni ad esserlo sul serio. Per il momento, a mio avviso, non lo è più davvero».

In copertina Eisenacher © Wikipedia – Beek100

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • 55
    Schöneberg è un grande quartiere posto nella zona sud-ovest di Berlino. Vi rientrano anche altri quartieri come Friedenau e Steglitz, che nati nel 1945 per ragioni di lottizzazione fra gli alleati. Come gli altri grandi quartieri di Berlino, può essere considerato una vera e propria cittadina, come in effetti lo era alla sua…
    Tags: come, in, è, per, berlino, quartiere, i, si, non, schöneberg
  • 54
    Nella notte fra martedì e mercoledì il ristorante italiano Mondo Pazzo nel quartiere di Schöneberg è stato imbrattato con graffiti omofobi. Come afferma il giornale Die Berliner Zeitung, nella notte fra martedì e mercoledì il proprietario del ristorante nella Schlüterstraße, vicino a Kurfürstendamm, ha visto il suo locale imbrattato con…
    Tags: i, quartiere, polizia, nel, si, berlino, è, per, mondo, in
  • 50
    La Berlino anni Venti non è poi così lontana da quella che viviamo oggi, se guardiamo alla sua capacità di attirare magneticamente visitatori casuali e nuovi abitanti. Ma cosa spingeva persone da ogni parte d'Europa e del mondo a giungere qui 80 anni fa? La città esercitava già allora un…
    Tags: anni, in, i, città, è, ad, berlino, gli, si, come
  • 42
    Carsten Müller, vicedirettore dell’ufficio stampa della polizia di Berlino, ci accoglie nell’atrio di uno degli edifici del vecchio aeroporto dismesso di Tempelhof, in Platz der Luftbrücke 6. Il presidio di polizia della capitale tedesca ha qui la sua sede già dal 1951. Müller lavora da undici anni nell’ufficio stampa di…
    Tags: in, si, è, per, non, polizia, berlino, i, criminalità
  • 40
    È un fatto universalmente riconosciuto che, dato un ragazzo gay in possesso di un gruzzolo di soldi alla ricerca di divertimento, la scelta della sua meta vacanziera cadrà probabilmente su Berlino. Sorvoliamo sul fatto che Berlino si sia affermata negli ultimi anni tra le mete turistiche preferite dagli italiani, si potrebbero…
    Tags: gay, in, berlino, è, si, più, non, per, città

Leave a Reply