Berlino, David-Bowie-Straße dovrà aspettare. Per ora i fan devono accontentarsi di una targa

Era gennaio, quando la morte di David Bowie ha sconvolto i suoi fan di tutto il mondo. A Berlino, città in cui il Duca Bianco aveva trascorso un periodo particolarmente importante della sua carriera, si erano immediatamente cercati dei modi per rendere omaggio a questo grande artista. Una delle proposte era stata di dedicargli una strada di Berlino. La raccolta firme, effettuata tramite una petizione, si proponeva di cambiare il nome di Hauptstraße in David-Bowie-Straße. Purtroppo, almeno nell’immediato, non sarà possibile portare avanti questa iniziativa, a causa di una legge berlinese in base alla quale, per intitolare una strada a qualcuno, devono prima trascorrere cinque anni dalla sua morte. Per ora i fan dovranno accontentarsi di una placca commemorativa posta davanti all’appartamento in cui ha vissuto la star a fine anni ’70.

La petizione per David-Bowie-Straße. Hauptstraße 155, zona Schöneberg, è l’indirizzo della casa in cui David Bowie visse a Berlino tra il 1976 e il 1978, insieme a Iggy Pop. Questa è la motivazione che ha spinto i fan a chiedere di rinominare la strada in omaggio al cantante. Ma, come si diceva, una legge berlinese piuttosto cervellotica prevede che debbano passare cinque anni dalla morte. Da qui la necessità di ripiegare su una placca celebrativa, la cui esatta collocazione non è ancora certa. Inoltre, come riportato da Berliner Morgenpost, esiste una normativa vigente nel quartiere di Schöneberg e in altri distretti della città che dà la precedenza alle donne, per quanto riguarda l’intitolazione di strade.

La reazione dei fan. I fan vogliono che David Bowie venga degnamente ricordato. Morto prematuramente all’età di 69 anni, subito dopo il lancio del suo ultimo album, Black Star, Bowie ha vissuto a Berlino una parte molto prolifica della sua carriera musicale. La petizione per rinominare una strada in suo onore sta, intanto, continuando a raccogliere sottoscrizioni: sono quasi in 13.000 ad aver firmato, e ora l’obiettivo è raggiungere le 15.000 adesioni. Non è ancora chiaro se e quando sarà possibile realizzare il progetto, ma quello che è certo è che i fan non vogliono arrendersi. Reinhold Kleber, della fanzine davidbowie.de, ha dichiarato: «per ora va bene la placca, ma continueremo a darci da fare perché la strada possa portare il nome di Bowie».

HEADER-SCUOLA-DI-TEDESCO

Foto di copertina: fiori e candele per David Bowie in Hauptstraße 155 – © Ian Weddell CC BY SA 2.0

Related Posts

  • In che circostanze fu scritta Heroes, il brano che divenne l'inno della Berlino separata in due? Riconosciuta internazionalmente grazie al successo del film Christiane F., dove è il segno di una fuga estatica verso il nulla, di un pezzo di città isolato nel mondo, che non può fuggire da nessuna…
  • Da quando è stata diffusa la notizia della scomparsa di David Bowie lo scorso 10 gennaio, in molti hanno ricordato e omaggiato l’artista, a partire dai semplici fans fino ad arrivare a personalità di spicco a livello mondiale. A questi si è unita la voce del Ministero degli Affari Esteri…
  • Da Hauptstraße a David-Bowie-Straße: i berlinesi vogliono cambiare il nome della strada di Schöneberg dove visse David Bowie tra il 1976 e il 1978. La raccolta di firme sta avvenendo su Change a questo indirizzo. Al momento in cui scriviamo sono 3.926 i firmatari. L'obiettivo è 5.000 firme. Perché firmare. Non solo…
  • Il 10 gennaio 2016 David Bowie ha lasciato il pianeta Terra. Un’icona che ha marcato con un’impronta indelebile non solo la musica, ma l’arte a 360 gradi. Pensare a Bowie senza citare Berlino è quasi impossibile. Il Duca e la città si sono legati indissolubilmente. L’artista era ammaliato in particolar modo…
  • Solo venerdì scorso, 8 gennaio, David Bowie aveva festeggiato 69 anni con l'uscita di un nuovo album, Blackstar, il 27esimo della sua carriera, trainato dall'omonimo singolo. Oggi purtroppo l'annuncio del suo decesso avvenuto ieri, 10 gennaio, dopo una battaglia contro il cancro durata un anno e mezzo. A darne conferma…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply