Berlino, maxi operazione antiterrorismo contro sospetti affiliati dell’Isis

A Berlino e in Germania enorme operazione antiterrorismo della polizia tedesca, che ieri mattina ha perquisito 190 appartamenti e uffici legati all’organizzazione salafita Die Wahre Religion (DWR, La vera religione), sospettata di appoggiare le milizie dello Stato Islamico con la sua opera di radicalizzazione. Durante le prime ore del mattino le unità speciali della capitale sono entrate contemporaneamente in azione in 18 luoghi diversi. Ulteriori raid si sono susseguiti in molte altre parti della Germania, coinvolgendo città come Brema, Francoforte e Amburgo e Länder come la Baviera e il Baden-Württemberg. Sempre ieri il Ministro degli Interni Thomas de Maizière ha vietato le manifestazioni Lies! (Leggi!), in cui DWR distribuisce in strada copie del Corano e fa propaganda fondamentalista e anti-occidentale. Il divieto, ha spiegato il Ministro, non vuole impedire ai musulmani di fare proselitismo ma soltanto estirpare quelle organizzazioni che agiscono in un contesto di odio e istigazione alla violenza.

Le operazioni berlinesi. A Berlino oltre duecento agenti incappucciati delle unità speciali hanno fatto irruzione in appartamenti e uffici situati in diversi Bezirke della città, tra cui Moabit, Neukölln, Friedrichshain-Kreuzberg, Tempelhof-Schöneberg, Reinickendorf, Mitte, Charlottenburg e Hohenschönhausen. Le retate hanno condotto al sequestro di copioso materiale: computer, smartphone, documenti ma anche coltelli e tirapugni. Non sono invece state trovate armi da fuoco. Come rilevano la Deutsche Presse Agentur e Berliner Zeitung, la maxi operazione non mirava tanto a realizzare arresti, quanto a sequestrare beni e documenti di DWR e a dare un segnale forte all’organizzazione salafita che, secondo le stime del Ministero degli Interni, avrebbe persuaso circa 140 giovani musulmani tedeschi a unirsi all’Isis in Siria e in Iraq. Due settimane fa un 27enne tunisino sospettato di legami con l’Isis era stato arrestato in un appartamento di Berlino, a Schöneberg.

Copertina: immagine di repertorio 

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • In Germania l'allarme terrorismo cresce. La giornata di giovedì 4 febbraio 2016 si è aperta con una retata, contemporaneamente a Berlino, nelle regioni di Nordrhein Westfalen e Niedersachsen, in cui circa 450 poliziotti e forze speciali hanno perquisito 4 abitazioni e 2 imprese per sventare un sospetto attentato terroristico di matrice…
  • A tre settimane dal suicidio del siriano Jaber Albakr nel carcere di Lipsia, la polizia criminale di Berlino ha arrestato un 27enne tunisino sospettato di avere legami con l'Isis. Secondo la procura di Stato il sospetto terrorista, Ashraf al-T, stava preparando un attentato nella capitale che avrebbe dovuto realizzarsi lunedì prossimo. Ashraf…
  • Ci sarebbe l'Isis dietro l'omicidio di un 16enne avvenuto ad Amburgo lo scorso 16 ottobre: lo afferma Amaq, l'agenzia di stampa portavoce dello Stato Islamico, secondo cui un «soldato del Califfato» avrebbe attaccato con un coltello un ragazzo e una ragazza sulle rive del fiume Alster, affluente dell'Elba che attraversa la città nel nord della…
  • In un momento in cui la tensione in Germania contro il pericolo di attentati terroristici è altissima, diventa anche rilevante il modo in cui viene gestito il terrore nel Paese. Lo scopo è non innescare meccanismi di terrore che sarebbero esattamente la sconfitta rispetto ad ogni strategia terroristica.  Emblematico è il…
  • Venerdì, ore 14.15, autostrada B83 tra Espenau-Hohenkirchen, zona Assia della Germania. Un toro scappato da una vicina fattoria di Fuldatal (assieme ad un altro toro poi recuperato e portato dal proprietario) si ferma in mezzo alla carreggiata. Blocca il traffico. Dopo circa un'ora arriva in soccorso la polizia. La soluzione? Sparare una ventina…

Leave a Reply