“Berlino? Mi ricorda la mia Palermo”

Suoni dal Mali e dall’Italia. Stasera al Frannz di Schönhauser Allee 36 il doppio concerto della band africana dei Tamikrest e del siciliano Fabrizio Cammarata porterà una ventata di musica internazionale a Belino. Fabrizio Cammarata, trenta due anni, è uno di quei ragazzi che un  caro amico agente musicale di varie star della musica anche internazionale ha descritto una volta così: “E’ uno di quei musicisti per cui faresti di tutto, ha quel qualcosa in più che lo rende speciale e che sai che prima o poi se ne accorgeranno tutti”. Molti se ne sono già accorti, tanto che Fabrizio Cammarata ha già fatto varie tappe europee ed è ora impegnato in un progetto musical-filmico assieme al documentarista Luca Lucchesi (autore di questo bellissimo articolo su Micromega) di cui vi parleremo prossimamente.

In passato Cammarata ha aperto concerti di musicisti del calibro di Ben Harper, James Morrison, Devendra Banhart, Iron & Wine, Gang of Four, My Brightest Diamond, The Devastations, Depedro, Carmen Consoli ed Ely Guerr.. Lo scorso marzo Fabrizio ha inciso Skint and Golden assieme al chitarrista Paolo Fuschi. Scrive Ondarock: “Se stessimo parlando di un folksinger nato a Wichita o a Stratford-upon-Avon, sarebbe già sulla bocca di tutti, con Pitchfork in prima linea. Ma Fabrizio Cammarata è di Palermo e se questo dato geografico da un lato è il suo punto forte, dall’altro è un limite per il genere musicale che offre al pubblico italiano”.

A Berlino Fabrizio sarà però da solo: “Mi piace Berlino, ha un’anima visibile e manifesta, come manifeste sono le sue ferite, per quanto spesso si sia provato a nascondere questi segni, in buona fede, senza che nessuno ci sia riuscito. In questo mi ricorda Palermo, la mia città. Ecco, ho bisogno di posti così, che mi sopraffacciano con le loro storie”.

Sito ufficiale: www.fabriziocammarata.com

Tamikrest + Fabrizio Cammarata

11 Novembre 2014

Frannz – Schönhauser Allee 36

biglietti 20.50 euro alla cassa

Related Posts

  • "Berlino? Splendida, soprattutto d'estate. CI ho vissuto tra il 2002 e il 2006. Adoravo uscire in bicicletta, attraversare Mitte e raggiungere Prenzlauer Berg con tutta la calma del mondo per poi tornare a casa alle prime luci dell'alba, potendo scegliere ogni volta una strada diversa. Potevo optare fra decine di…
  • “Ti sei annoiata?” mi chiede di botto. “Quando io faccio uno spettacolo la prima cosa a cui penso è che lo spettatore non si deve annoiare”. Perfezionismo e velocità, allegria e serietà, caparbietà e leggerezza. Questi aggettivi trovano tutti posto in Salvatore Siciliano, un giovane coreografo di Cosenza, arrivato a…
  • Suoni dal Mali e dall'Italia. Stasera al Frannz di Schönhauser Allee 36 il doppio concerto della band africana dei Tamikrest e del siciliano Fabrizio Cammarata porterà una ventata di musica internazionale a Belino. Fabrizio Cammarata, trenta due anni, è uno di quei ragazzi che un  caro amico agente musicale di varie star della…
  • Per 10 giorni il Kino Babylon parla spagnolo: dal primo al nove novembre il cinema situato nel cuore di Mitte diventerà il quartier generale della terza edizione dello Spanisches Filmfest Berlin. 27 i film presentati, 3 i blocchi di cortometraggi, 7 le sezioni, 1 finestra aperta sul mondo dell’audiovisivo ('Proyectaragón',…
  • Come possono le persone incapaci di leggere e scrivere trovare un modo alternativo per esprimere il proprio mondo interiore? Un coreografo brasiliano, Clebìo Oliveria, mette sotto una lente di ingrandimento il mondo di quelli che lui definisce "analfabeti". Un mondo che vive nell’anonimato, trascurato e occultato, a detta sua, dalla…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

One Response to ““Berlino? Mi ricorda la mia Palermo””

  1. German

    Ho avuto il piacere e l’onore di sentire Fabrizio Cammarata nella nostra bellissima e sofferente Palermo e posso dire che si tratta di uno con il sound nel sangue. Un musicista vero, che esprime non con le parole ma con lo strumento musicale il carattere agrodolce dei siciliani.
    Consiglio a tutti di andare a vederlo.

    Rispondi

Leave a Reply