Berlino significa ascoltare

Sono le 15:30 del 7 ottobre, metro di Berlino, primo vagone della U5, la linea che collega Alexanderplatz con l’est di Berlino. Ho passato le ore del pranzo acquistando spezie turche e dell’ottimo pane al sesamo il cui odore attira su di me gli avidi sguardi dei passeggeri che mi circondano. Stanco della mattinata, appoggio la testa sul vetro che accompagna sempre il primo posto vicino alle entrate dei vagoni. Fermata Strausberger Platz. Le porte del vagone si aprono e davanti a me, in piedi, si ferma un bambino biondo, capello corto, jeans ed una maglietta con la fantasia di un cartone animato di cui non riconosco i protagonisti, sempre che sia davvero un cartone animato e non un fumetto o un disegno nuovo di zecca. Non è solo. Gli tiene la mano il papà, anche lui biondo, anche lui con i jeans e se ha una maglietta non si vede, visto che indossa una felpa azzurra. Dal polso si nota l’inizio di un tatuaggio che forse continua sull’avambraccio. Stanno parlando da prima, la loro conversazione sarà iniziata mentre stavano aspettando che passasse la metro.

Sono distratto, ma improvvisamente le mie orecchie captano l’affermazione del bambino. “Ich bin schwul!” (Io sono gay!). Il padre lo guarda negli occhi. Mi aspetto che rimanga basito davanti una tale affermazione, sono curioso e allo stesso tempo preoccupato di ciò che potrà rispondergli. Non c’è più nessun odore di pane intorno a me, nessuna altra conversazione tra passeggeri o rumori di porte che si richiudono. Ci sono loro ed io, anonimo spettatore alle prese con una suspense che cresce proporzionalmente al numero di attimi che si susseguono in attesa della risposta. Gli vedo aprire la bocca, lo sento emettere la prima sillaba, poi la seconda, la terza e così via, ecco che l’ha detto. “Ok, ma hai già il fidanzato?“.

Ecco, forse non c’era risposta più giusta. Li guardo e nel cuore sorrido. Li sento continuare a chiacchierare. Sembrano amici, ma sono padre e figlio. Il primo sta insegnando al secondo tolleranza e apertura mentale, non ad essere gay, ma a porsi delle domande, sia sugli altri che su sé stessi. Mi vengono in mente le scene degli italiani che in questi giorni si mettono in piedi nelle piazze leggendo libri, sentinelle di un “giusto modo di vivere” che è giusto solo per loro che guardano solo in un punto, peraltro rivolto verso il basso perché non hanno la forza di guardarsi intorno.

Foto © NervousEnergy CC BY SA 2.0

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Salire su un vagone della metro di Berlino del 1929, che passa regolarmente sugli attuali binari portandoti da un posto all'altro della città: è la nuova geniale trovata della BVG, la società che gestisce i trasporti pubblici berlinesi (U-Bahn, bus e tram, mentre le S-Bahn – le metro di superficie – fanno…
  • La metro di Berlino è più veloce di quella di Londra (vecchia e continuamente da rinnovare), è attiva per più ore di quella di Parigi (che non funziona 24 su 24 il weekend) ed è più capillare di quella di Madrid. Di Roma meglio non parlare. Nonostante tutto questo, la BVG, l'azienda che…
  • Letto, poltrona, televisione, quadri alle pareti: in uno spazio in disuso della linea U9 della metro di Berlino è stata trovata una camera da letto arredata di tutto punto. Dei suoi abitanti nessuna traccia. Le foto ritraggono una stanza perfettamente illuminata, con carta da parati e perfino una pianta. Guardandole si ha…
  • E' mattina. La luce che filtra dalle finestre (ma perché in Germania non esistono le serrande?) me l'ha fatto capire già da un po', ma con ostinazione riesco a guadagnare qualche altra ora di sonno, aspettando il primo - molto più spesso secondo - suono della sveglia. Il primo caffè…
  • La metro di Berlino? Dal 2006, anno dei mondiali di calcio in Germania, ogni weekend e giorno festivo funziona regolarmente anche di notte. Doveva essere solo una soluzione temporanea analoga a quella presa da altre città che ospitarono la competizione, una volta finita però il servizio di trasporto pubblico berlinese decise di…

5 Responses to “Berlino significa ascoltare”

  1. Andrea52

    E mentre tu ascoltavi tutto cio´,in Italia si scatena la bufera perche´ Alfano (non scrivo ne´ nome,ne´carica,un personaggio del genere non meriterebbe neanche la maiuscola nel cognome!),ordina ai prefetti l´ annullamento die matrimoni gay!! Non vado oltre,ormai dell´Italia ricordo solo figli e parenti e non mi interessa di commentare; purtroppo c´e´ ancora qualcuno,anche in questo sito,che deplora la scelta di andarsene di molti italiani (giovani o ,come me,50enni!)

    Rispondi
  2. Stefano

    …commento pretenzioso, Alfano!sta facendo solo il suo dovere cioe’ quello!di far applicare la leggeitaliana, eci mancherebbe essendo ministro dell’Interno. “Le leggi si rispettano” vale sempre, anche in Germania prima che si facesse una legge apposita non venivano trascritti nel registro i matrimoni gay (che x altro non hanno nulla a che vedere con l’accettazione dei gay, ma tant’e’). Quindi si critichi il parlamento, o l’arretratezza degli italiani che non vogliono tale legge, non uno che fa quello che la sua carica istituzionale gli impone di fare, al di la delle proprie idee e ideologie. Capisco che non sia cool, ma i paesi civili funzionano se le leggi si rispettano, non se solo gli altri lo devono fare,

    Rispondi
    • charlie

      In Italia non esiste una legge sui matrimoni omosessuali. Alfano ha fatto la richiesta ai sindaci di non registrare un atto avvenuto all’estero. Punto. E la registrazione è perfettamente legittima. Quindi, della due, l’una: o Alfano non conosce le regole, o vuole fare un atto che, in un’ Italia bigotta ed oscurantista, potrebbe portargli qualche voto oltre al misero 2% che gli appartiene.

      Rispondi
  3. Andrea 52

    Commento superficiale e di parte! Se le legi si rispettano,allora che Silvio (papocchio di Alfano) vada in cella,poi ,forse,possiamo riparlarne!!

    Rispondi
  4. Striped Cat

    @Luca
    bella descrizione di un momento ascoltato nella nostra amata Grossstadt…talvolta la sinfonia è un fruscìo.

    Rispondi

Leave a Reply