Berlino, un video mostra Anis Amri dopo l’attacco nel quartiere Moabit

Secondo informazioni della rbb, il 24enne tunisino Anis Amri, sospettato di essere l’esecutore dell’attentato di Breitscheidplatz, sarebbe stato ripreso da una videocamera poche ore dopo l’attacco nel quartiere berlinese di Moabit nei pressi di una moschea.

La stessa moschea è stata perquisita stamattina dalla polizia e già definita da altri ambienti islamici della capitale tedesca come “moschea dell’Isis a Berlino”. Il fotogramma che vedete più sotto è risalente alla notte tra il 19 e il 20. Il video della Rbb è un montaggio di più filmati raccolti nei giorni precedenti all’attentato.

size=708x398

amri

Cosa sappiamo di Anis Amri

La polizia è sulle tracce del 24 enne tunisino Anis Amri. Potrebbe essere ferito e armato. Su di lui pende una “taglia” di 100.000 euro che verrà corrisposta a chiunque fornisca informazioni che conducano all’arresto Nella conferenza stampa di martedì, la polizia di Berlino ha dichiarato di aver fermato l’uomo sbagliato. Il pachistano 23enne arrestato dopo l’evento di lunedì sera all’altezza della Colonna della Vittoria non è legato ai fatti. Stando alle ultime notizie, nell’abitacolo del camion che ha provocato la tragedia, sequestrato nella mattinata di ieri, la polizia ha trovato dei documenti di soggiorno che ricondurrebbero a un nuovo sospettato. Si tratta di un tunisino di 24 anni, Anis Amri, alto 1 metro e 78, occhi marroni e capelli neri, che pare abbia fatto uso di almeno quattro diversi nomi. Stando a quanto riportato da Die Welt, il sospettato risiedeva a Berlino ma si spostava anche nella regione del Nordrhein-Westfalen e sarebbe stato classificato come “soggetto pericoloso”. Anis Amri era arrivato in Germania a seguito dell’intensificarsi della crisi migratoria ma dal 2011 al 2015 avrebbe soggiornato in Italia, prima a Lampedusa, dove partecipò all’incendio del centro di accoglienza, poi in carcere all’Ucciardone per quattro anni. La richiesta di espulsione sarebbe stata respinta dalla Tunisia e così Amri si sarebbe spostato in Germania. Ad aprile 2016 aveva presentato richiesta d’asilo in Germania che però era stata respinta in estate. Da allora era “tollerato” sul suolo tedesco grazie al dispositivo giuridico della Duldung, un temporaneo differimento della procedura di espulsione. Il respingimento sarebbe stato rimandato anche perché Anis A. era privo di documenti e dalla Tunisia negavano che il giovane fosse un loro cittadino. Sempre secondo Die Welt quei documenti di identità sarebbero stati inoltrati “casualmente proprio oggi”, sebbene fonti tunisine neghino che il 24enne sia possa essere coinvolto in attività terroristiche.

Come aiutare le indagini

Ad agosto 2016 Anis Amri era stato fermato in possesso di un documento italiano falso presso Friedrichshafen. Le forze dell’ordine si sono messe sulle sue tracce indagando su scala federale. Secondo Sueddeutsche Zeitung Anis Amri era attivo nella cerchia del predicatore salafita Abu Walaa, arrestato lo scorso novembre. Non è ancora chiaro come sia riuscito a sfuggire alla polizia pur essendo stato dichiarato soggetto pericoloso. Ad ogni modo si erano perse le sue tracce dal mese scorso.  Al momento le forze dell’ordine pensano che il ricercato sia ferito e probabilmente armato. Chiunque avvisti Amri deve avvertire immediatamente la polizia e non mettersi in situazioni di pericolo. Le forze dell’ordine sperano inoltre in informazioni sulla sua residenza passata o sui suoi spostamenti. Il numero  da chiamare è eventualmente lo 0800-0130110.

Copertina © Screenshot –  rbb

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Un camion nero sfreccia lungo la Ku'damm fino all'impatto con il mercatino di Breitscheidplatz. È il video rilasciato poche ore fa dalla Bild dell'attentato di lunedì sera. A registrarlo è stato un automobilista tedesco in maniera del tutto casuale. Il camion viene da sinistra. Corre. Scompare lì dove inizia la…
  • Alle tre del mattino di oggi presso la stazione di Sesto San Giovanni, dintorni di Milano, un controllo di polizia ha condotto all'uccisione di Anis Amri, il sospetto attentatore del mercatino di Breitscheidplatz a Berlino. Secondo le prime ricostruzioni, Anis Amri sarebbe incappato in un controllo documenti. La risposta è stata…
  • A tre giorni dall'attacco che ha colpito Berlino la sera di lunedì 19 dicembre, riapre il mercatino di Natale di Breitscheidplatz. Dopo il lutto e lo sgomento, Berlino prova a ripartire. E lo fa riaprendo dopo meno di 72 ore il Weihnachtsmarkt in zona Ku'damm duramente colpito dall'attentato. In segno di rispetto non ci…
  • AGGIORNAMENTO 26 DICEMBRE 2016: I due fratelli sono stati rilasciati dalle autorità tedesche per insufficienza di prove. La Germania si sveglia con la notizia della preparazione di un nuovo attentato pronto a colpirla. Alle 00:45 di stanotte sono stati infatti arrestati a Duisburg due fratelli kosovari di 28 e 31 anni.…
  • La polizia di Berlino teme di aver arrestato l'uomo sbagliato. Lo riportano Die Welt e Die Zeit dopo le parole del capo della polizia di Berlino, Klaus Kandt. Le indicazioni fornite dal 23enne richiedente asilo pachistano, fermato dalle forze dell'ordine a due chilometri dal luogo della strage, sono state analizzate e sono ritenute veritiere.…

Leave a Reply