La magica Bonbonmacherei, lì dove scopri (gratis) come si creano le caramelle. E le compri anche

Hjalmar Stecher e Katja Kolbe sono tra gli ultimi mastri caramellai d’Europa. Nelle stanze della loro Bonbonmacherei, una caramelleria nascosta nello splendido cortile interno di Heckmann Höfe in Oranienburger Straße, a due passi da Alexanderplatz, tutto profuma di nostalgia e ricordi d’infanzia. La Bonbonmacherei, creatura di cui vanno fieri, è un piccolo stabilimento specializzato in cui producono oltre trenta tipi di caramelle con ricette tramandate da generazioni, cottura sul fuoco e macchinari che hanno quasi un secolo, per poi venderle al pubblico nel negozietto annesso.

Caramelle con il sapore di una volta. Come in una calzoleria o in un atelier tessile di alta qualità, Hjalmar e Katja hanno messo su un’impresa in cui metodi artigianali e produzione su piccola scala fanno la differenza. Le caramelle della Bonbonmacherei hanno un gusto e una qualità impensabili nei prodotti industriali disponibili al supermercato. Ed entrare nello stabilimento è un’esperienza magica per grandi e piccini, che coinvolge tutti i sensi. La cucina è infatti aperta al pubblico, che viene iniziato ai segreti di una produzione antica e avvolto da un odore irresistibile, prima di lasciarsi ingolosire dai tanti gusti disponibili allo shop. Un piacere che delizia il palato e scioglie il cuore, catapultando gli ospiti in uno stabilimento fatato in stile La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl. Solo che, al posto di fiumi di cioccolato, ci sono miriadi di caramelle.

I gusti. Arancia, limone, fragola, mela, liquirizia, lime, mora, cocco, zenzero, anice e finocchietto, panna e caramello, menta piperita, ananas, prugna, miele, vaniglia, lampone: sono soltanto alcuni dei gusti proposti dai due mastri caramellai. Una delle specialità della casa sono poi le Waldmeister-Blätter, Bonbon tipici di Berlino allo sciroppo di asperula odorosa, una pianta aromatica delle cui foglie ricordano anche la forma.

Le fasi della lavorazione. Ma quali sono le procedure per avere delle caramelle dalla qualità così elevata? Vediamo qui proprio i passaggi delle Waldmeister-Blätter. Prima di tutto si cuociono acqua, zucchero e sciroppo di glucosio in un paiolo di rame su un fuoco a 150 gradi. La crema così ottenuta viene versata su una lastra d’acciaio:

Bonbon2
Photo © bonbonmacherei.de

Solo a questo punto si procede ad aromatizzarla con i vari ingredienti e a sollevarla con l’aiuto di una spatola. Si mescola e si ottiene un impasto morbido e bollente di circa dieci chili:

Bonbon
Photo © bonbonmacherei.de

L’impasto viene suddiviso in porzioni, che vengono spianate e modellate dalla macchina fino ad acquisire la caratteristica forma a foglia:

Bonbon
Photo © bonbonmacherei.de

Le caramelle, a questo stadio, sono ancora tutte unite in lunghi blocchi che devono raffreddarsi, indurirsi e poi essere divisi in singole unità. Le caramelle vengono poi setacciate da frammenti e briciole e infine ricoperte con uno strato di zucchero:

Bonbon5
Photo © bonbonmacherei.de

Ed ecco le Waldmeister-Blätter nella loro forma definitiva, pronte a sciogliersi in bocca!

pronte
Photo © bonbonmacherei.de

La storia della Bonbonmacherei. Tutto comincia nel 1992, quando Hjalmar Stecher si lancia nel commercio di caramelle rifornendo numerosi negozi di dolciumi e catene berlinesi. Nel 1994 Stecher viene a sapere di una vecchia fabbrica di Braunschweig, in Sassonia, destinata alla chiusura. Decide di apprendere l’antica arte dolciaria e di portarne avanti la tradizione, acquistando le ricette e le macchine. Una di esse, il rullo per spianare, risale addirittura agli anni ’20 del secolo scorso. Nel 1995 si inserisce nell’attività anche Katja Kolbe; il laboratorio si trova all’epoca in un piccolo garage di Prenzlauer Berg. É qui che i due, per evidenziare la qualità della loro procedura artigianale, maturano l’idea di una cucina aperta al pubblico. Nel marzo 1998 l’idea prende vita e nasce ufficialmente la Bonbonmacherei Kolbe & Stecher, che si sposta a Berlino Mitte e si dota anche di un piccolo angolo per la vendita al dettaglio. Proprio quando il progetto comincia a decollare e anche i media si interessano alla “caramelleria nostalgica”, la Bonbonmacherei perde la sua sede: l’edificio che la ospita deve essere ristrutturato. Dopo un periodo di stallo, Hjalmar e Katja si trasferiscono finalmente nello stabilimento attuale, a Oranienburgerstraße. Da lì continuano a proporre il gusto e la poesia di una piccola tradizione della Alt-Berlin e di un mondo che non esiste più, tra produzioni su larga scala e mega centri commerciali senz’anima.

12laden
Hjalma e Katja nello shop della sede attuale, in Oranienburger Straße 32 – Photo © bonbonmacherei.de

 

Bonbonmacherei
Heckmann Höfe – Oranienburger Straße 32 – 10117 Berlin-Mitte
030/44055243

Mercoledì-sabato 12:00 -19:00
(pausa estiva: luglio agosto)

Foto di copertina © bonbonmacherei.de


15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Tanto da fare questo mese a Berlino: concerti, mostre, cinema, feste, spettacoli teatrali: la lista che segue verrà integrata giorno per giorno con tutto ciò di interessante di cui noi di Berlino Magazine verremo a sapere. Consultatela quindi anche più avanti: non sarà la stessa guida che trovate oggi. MOSTRE, FIERE…
  • Problemi con i vostri coinquilini? Non siete i soli. Sophia Halmonda ci racconta la fauna berlinese attraverso una guida per riconoscere ogni tipologia di coinquilino. Trovare una stanza in affitto a Berlino può rivelarsi impresa molto complicata: tra aumento dei prezzi, file chilometriche soltanto per prendere visione dell'appartamento, selezioni spietate…
  • Sei terapista occupazionale / ergoterapista di professione (in possesso di laurea in terapia occupazionale) e cerchi una nuova sfida? Perché non a Berlino? La terapia occupazionale, o ergoterapia, è una disciplina riabilitativa che permette di sviluppare, recuperare o mantenere le competenze della vita quotidiana e lavorativa delle persone con disabilità cognitive,…
  • Un nuovo font adatto per libri per l'infanzia "pensato per essere letto da un bambino, ma trattato da pari, alla Montessori. Alcuni adulti trattano i bambini in modo superficiale". Si chiama Isabel e a crearlo sono l'italiana Eleonora Lana e il cileno Juan Pablo de Gregorio, entrambi berlinesi d'adozione e con una passione comune…
  • Languageinternational.com, start-up che offre informazioni e prenotazioni di corsi di lingua in tutto il mondo, cerca un madrelingua italiano che sappia anche un'altra lingua straniera oltre all'inglese, per impiego nell'assistenza clienti. La loro sede si trova a Schönhauser Allee, zona Prenzlauer Berg. Il contratto di lavoro parte da 1600 euro lordi al…

Leave a Reply