Brutta aggressione omofoba a Berlino

graffiti omofobi

Nella notte fra martedì e mercoledì il ristorante italiano Mondo Pazzo nel quartiere di Schöneberg è stato imbrattato con graffiti omofobi.

Come afferma il giornale Die Berliner Zeitung, nella notte fra martedì e mercoledì il proprietario del ristorante nella Schlüterstraße, vicino a Kurfürstendamm, ha visto il suo locale imbrattato con graffiti omofobi. Il sindaco del quartiere Reinhard Naumann, apertamente gay, ha pubblicato le foto su Facebook, condannando la codardia del gesto: «Con disgusto e indignazione ho appreso di questo attacco indicibile al ristorante ‘Mondo Pazzo’ e quindi ai suoi impiegati e ai suoi ospiti. Mi auguro che la polizia e i pubblici ministeri identifichino rapidamente i colpevoli.» Il sindaco ha quindi invitato i concittadini a dimostrare solidarietà.

Anche la candidata FDP Darija Bräuniger si è espressa riguardo al fatto dicendo:«Uno passeggia serenamente per il quartiere e poi ci si ricorda invece di quanto possa fare schifo il mondo. Dobbiamo continuare a frequentare questo ristorante, al fine di dimostrare che una società tollerante e aperta non si lascia intimidire.» Entrambi i politici hanno proposto di organizzare una piccola raccolta fondi per i costi di pulizia.

Nonostante il quartiere sia noto per la sua nutrita comunità gay, le aggressioni aumentano.

Sono tanti i locali e ristoranti del quartiere che espongono orgogliosamente bandiere arcobaleno. Tant’è vero che anche il celebre scrittore omosessuale Christopher Isherwood, autore di una serie di racconti intitolata Addio a Berlino, trovò casa nel quartiereLo scorso weekend ha avuto luogo la cosiddetta Lesbisch-Schwule Stadtfest, una festa che coinvolge tutta la zona. Molteplici sono state le denunce arrivate alla polizia durante i tre giorni.

In effetti, come riportato dal giornale Die Tagesszeitung, le aggressioni omofobe vanno aumentando di anno in anno. Il rapporto del 2017 non è ancora disponbile, ma per il 2016 i dati registrano un aumento del 5,3% rispetto all’anno precedente (107 aggressioni nel 2015, 113 nel 2016). Le autorità berlinesi comunicano che la maggioranza dei reati si è verificata nei quartieri di Kreuzberg, Schöneberg e Mitte. Oltre al lavoro della polizia, esistono però anche delle organizzazioni che si occupano di aiutare le vittime. Sembra infatti che in molti casi la tendenza sia quella di rivolgersi direttamente a questi centri, piuttosto che alla polizia. E infatti il progetto Maneo, un’associazione che combatte la violenza omofoba, parla di più di 260 casi di aggressione nel 2015, un numero ben più alto di quello riportato dalla polizia.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Reinhard Naumann, Facebook

Corinne Santucci

Nata nel 1993, milanese d'origine, ma berlinese di adozione. Amo raccontare storie. Vivo di letteratura e di poesia, ma anche di buon vino (le tre cose sono strettamente correlate). Scrivo per esplorare, per evadere dalla realtà quotidiana. Tranquilli, non scordo mai di dare da mangiare ai pesci.

Leave a Reply