Un ex-campo di detenzione nazista si trasforma in complesso residenziale. Ora è possibile visitarlo

Lungo la riva nord-orientale di Rummelsburg, con l’entrata in vigore della legge prussiana sull’istruzione obbligatoria (1878) viene costruita, nel parco del vicino orfanotrofio “Friedrichs-Waisenhaus”, una casa lavoro (Städtische Arbeitshaus) delle più moderne e ampie strutture di questo tipo di tutta la Prussia.

La casa di lavoro nata per “ospitare” le classi sociali più basse (mendicanti, vagabondi e prostitute) rappresenta uno strumento di controllo molto forte per lo stato che, mediante la reclusione ed attraverso attività educative informali, raggiunge l’obiettivo di instradare i reclusi ad una vita regolare e laboriosa. I detenuti vengono utilizzati anche come forza lavoro supplementare nella produzione e nel lavoro all’interno delle fabbriche prussiane.

In un’ampia area di sette ettari, il commissario all’urbanistica Hermann Blankenstein, sviluppa un vero e proprio centro indipendente, con la sua chiesa, l’infermeria e un impianto per la produzione di pane, oltre agli edifici atti ad ospitare fino a 900 persone tra uomini e donne.

Durante il Nazionalsocialismo, l’impianto comunale per il lavoro forzato conserva la sua funzione; conosciuto come “campo di detenzione e lavori forzati di Berlin-Lichtenberg“, al suo interno vengono istituiti reparti speciali per omosessuali e soggetti mentalmente deviati. Nel tristemente famoso giugno del ’38, più di 10.000 persone saranno deportate nei campi di concentramento, a causa del “comportamento anti-asociale” uno dei punti di partenza di questa operazione fu proprio la casa di lavoro di Rummelsburg.

Gravemente danneggiate dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, le strutture verranno ricostruite e, anche dopo la divisione di Berlino, continueranno ad essere utilizzate dalla DDR come campo di lavoro forzato e prigioni. Si sviluppa, in questi anni, un concetto di educazione collettiva e seguendo il motto “Educazione attraverso il lavoro” i detenuti verranno impiegati nelle officine produttive di proprietà dello Stato che si trovavano intorno all’area delle prigioni, come la lavanderia industriale REWATEX o la fabbrica di apparati elettrici di Treptow. Centinaia di prigionieri tedeschi dell’ovest verranno condannati a lunghe pene detentive, in attesa di essere riscattati dal governo della Repubblica Federale Tedesca.

Alla fine dell’ottobre del ’90, dopo 3 settimane dal giorno ufficiale della riunificazione della Germania, la prigione chiude per sempre le sue porte, non prima di aver “ospitato” Erich Honecker, Segretario generale del Comitato Centrale del SED, detenuto per una notte nell’infermeria.

Le strutture verranno utilizzate solo più tardi come location per le riprese per le scene del film Männerpension nel ’94, una commedia scritta e diretta da Detlev Buck, per poi essere abbandonate definivamente.

E’ solo nel 2007 che la “Wasserstadt GmbH” vende l’area e i sei grandi edifici delle antiche prigioni vengono rimodellati per far spazio a ben 150 appartamenti di alta qualità, che fanno parte del progetto conosciuto come Berlin Campus.

Wir in Rummelsburg è l’associazione che sostiene l’analisi storica, la ricerca e la raccolta di documenti delle diverse epoche, di tutta l’area di Rummelsburg, con l’intento di costruire un ponte tra passato e presente. Il centro informazioni (Nachbarschaftszentrum) si trova nell’edificio dell’antico Lazzaretto (Altes Lazarett).

In occasione del Tag des offenen Denkmals sarà possibile visitare una parte della struttura, che ad oggi è un ben curato complesso residenziale; domenica 14 settembre, alle ore 12:00, viene offerta una visita guidata che, concentrandosi sul periodo della DDR del sito della ex prigione, darà la possibilità di leggere le stratificazioni che in questo luogo sono nascoste.

Informazioni dettagliate su appuntamento

Dove:

Indirizzo: Erich-Müller-Str. 7/9 10317 Berlino.

Quando:

Domenica 14 settembre, alle ore 12:00

Ricerca a cura di Z.Munizza, responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer che organizza guide tematiche ed esplorazioni urbane. Prossimo appuntamento, in collaborazione con Francesco Somigli, questo sabato, 6 settembre con Berlino e il Cinema, un percorso dedicato ai film per i quali Berlino ha fatto da scenografia.

Foto: Wolfgang Bittner, dal sito stadtentwicklung

Leggi anche Berlino Nascosta: quel gioiello d’architettura chiamato Mies van der Rohe Haus

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

Leave a Reply