“Il Carattere Italiano”: a Berlino si racconta una grande orchestra italiana

Casualità. In questi giorni di disordini e subbugli nella “Roma musicale” (dopo che il Maestro Muti ha abbandonato l’orchestra dell’Opera di Roma a causa, tra l’altro, di incomprensioni con i sindacati e il conseguente durissimo licenziamento di orchestra e coro) verrà proiettato nella sala Hermann-Wolff-Saal in Philharmonie il film di Angelo Bozzolini “Il Carattere Italiano. La storia di una grande orchestra italiana“. “Il Carattere Italiano” narra le vicende umane e artistiche di una delle più celebri orchestre italiane, l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, attraverso le voci e gli sguardi dei suoi stessi componenti, attraverso squarci di vita quotidiana, attraverso i pensieri e le riflessioni dei suoi musicisti.

Se spesso di un concerto si vede solo il “fuori”, il palco, le mani sugli archetti, i sorrisi tesi e poi lo scioglimento delle tensioni durante gli applausi finali, rimane oscuro per i più tutto quello che accade nei minuti, nei giorni, nei mesi precedenti alla prima nota eseguita davanti al pubblico. Ma cosa c’è prima? “Il Carattere Italiano” fa vedere “da dentro” questa nostra orchestra, ci permette di seguirla passo passo nella costruzione di un concerto, nella ricerca del suono giusto, nella coordinazione dei suoi elementi, nel mettere insieme più o meno 200 mani. Si mette luce sul lavoro del musicista classico, sul suo significato, sul percorso che deve intraprendere, le fatiche e, a volte, le soddisfazioni.

Allo spettatore arriva tutta l’emozione che c’è nelle parole e negli sguardi dei musicisti, attraverso il filtro raffinato dell’occhio registico di Bozzolini.

Ma cos’è il carattere italiano? Possiamo stare tranquilli, almeno in questo caso è qualcosa di cui andare fieri. Per dirla con le parole niente meno di Antonio Pappano – celebre direttore d’orchestra inglese naturalizzato italiano, è “passione, teatralità, nerbo, mistero, determinazione, romanticismo, intimità”.

Dove

Philharmonie, Herbert-von-Karajan-Str. 10785 Berlino. Sala Hermann-Wolff-Saal.

Quando

Mercoledì 15 ottobre 2014, ore 18.00. Il prezzo del biglietto è di 5€ ed è possibile comprarlo anche online (con una prevendita di 2€) qui. Il film verrà proiettato in lingua italiana con sottotitoli in tedesco.

Qui la pagina internet del film e qui la pagina Facebook.

Related Posts

Maria Severini

Maria Severini, laureata in Musicologia, gironzola per le strade di Berlino ormai da qualche anno. L’unico modo che ha trovato per combattere l’astinenza dal sole è fare scorpacciate di concerti.

Leave a Reply