A Berlino scoppia un incendio in una casa per anziani di Neukölln: una vittima e alcuni intossicati

Risveglio da paura per i residenti di una casa per anziani di Sonnenallee 47, che questa notte sono stati fatti evacuare dai pompieri a causa di un forte incendio che è divampato in una delle abitazioni, propagandosi velocemente sul tetto e sugli edifici circostanti.
Il Berliner Zeit parla di una vittima, alcune persone rimaste intossicate e di molti anziani costretti a rimanere in strada, per diverse ore, a seguito dell’evacuazione.

All’arrivo dei vigili del fuoco, per un totale di 120 forze di soccorso e 52 camion dei pompieri, la struttura era avvolta dalle fiamme, che sono arrivate fino alle chiome degli alberi attorno. Dopo essersi assicurati che l’incendio fosse sotto controllo, hanno coordinato la situazione di evacuazione delle persone anziane, visibilmente sotto shock, che sono state costrette a lasciare le loro abitazioni nel mezzo della notte e restare per strada lunghe ore, in pigiama e senza alcun effetto personale. La vicina gelateria Jakoub si è occupata degli anziani, offrendo loro sedie, tavoli e del tè. Alcuni degli anziani evacuati erano in possesso di disabilità, fatto che ha reso ancora più urgente la necessità di prestare un’assistenza e immediata e cercare una soluzione tempestiva.

Durante le operazioni di soccorso, che hanno visto coinvolte anche le unità di Pankow e di Köpenick, sono stati portati in salvo i 106 residenti. Due poliziotti hanno riportato un’intossicazione da fumo, e per lo stesso motivo anche una residente della casa è stata portata in ospedale.

A seguito dell’incendio, la casa per anziani non è più accessibile, e tutti i residenti sono stati fatti temporaneamente alloggiare nella palestra della Rütli-Schule.

L’incendio è stato avvistato da diversi punti della città, scatenando una pioggia di tweet. In un primo momento non è stato chiaro alle forze di soccorso se l’incendio fosse partito dal tetto o dall’interno della casa per anziani, ma il tempestivo arrivo dei pompieri dai tetti ha fatto sì che le fiamme fossero presto calmate e l’incendio sotto controllo.

Articolo originale qui

Foto di copertina © Sebastian Rittau Foto

Related Posts

  • 53
    10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
    Tags: non, è, per, in, i
  • 52
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
    Tags: non, è, per, in, i
  • 48
    Il Club der Visionäre, uno dei club più amati di Berlino. E anche uno dei più belli. Situato tra Kreuzberg e Treptower Park, il club colpisce per la sua posizione. Il locale, infatti, si affaccia direttamente sulla Sprea. Noi ci siamo stati e vi raccontiamo come è andata. Una serata al…
    Tags: è, non, in, per
  • 47
    A Berlino la pizza verace napoletana ha finalmente un ambasciatore. Acqua, farina, sale, lievito, pomodori, fior di latte, olio e basilico: gli ingredienti per una margherita sono pochi, eppure è difficile trovare una pizzeria, in Italia e, logicamente, ancora di più all'estero, che faccia venire voglia di tornarvi. Malafemmena è uno…
    Tags: è, per, in, i, non, più
  • 46
    Storia vera. Sono le undici di sera, Gaia ha passato una bella domenica pomeriggio con il suo ragazzo venuto appositamente tre giorni prima dalla Svizzera, è una di quelle relazioni a distanza che si infiammano il weekend quando uno dei due percorre centinaia di chilometri per dimostrare che il proprio amore…
    Tags: è, non, per, in, più, i, casa

Margherita Sgorbissa

Con sempre il solito imbarazzo delle autodescrizioni, mi presento: sono Mag e sono laureata in mediazione linguistica. Finita la vita in Italia, presto sarò a Berlino per iniziare un nuovo capitolo. Un grande legame che mi ha tenuta stretta alla realtà tedesca è stato sicuramente Berlino Cacio e Pepe Magazine, con cui collaboro dal 2011. Inutile citare la mia grandissima passione per la scrittura e il giornalismo!

Leave a Reply