Chi vuole essere volontario? L’esilarante video su chi parte per l’Africa solo per sentirsi cool

Who Wants to be a Volunteer? (Chi vuole essere volontario?) È questo il titolo dell’esilarante video norvegese che, parodizzando la celebre trasmissione Chi vuole essere milionario?, scherza su chi ambisce a partire volontario in Africa solo per vedere crescere la propria popolarità (soprattutto sui social network) anziché spinto da reali propositi umanitari.

Ecco quindi il leggio in legno le foto il legInstragram, l’aiuto “Chiama un bambino africano?” e tanto altro. Il corto è stato realizzato per i The Rusty Radiator Awards, premi che ogni anno si propongono di raccogliere, attraverso una campagna di fundraising per lottare contro la reiterazione dei soliti cliché (povertà, fame, sottosviluppo) che troppo spesso vengono citati quando si parla di Africa. Nel video che segue troverete un falso spot che invita gli africani ad aiutare i norvegesi.

Related Posts

  • Si intitola Wall and Chain: a story of breaking down walls, ed è un carinissimo cortometraggio animato di 75 secondi che Airbnb ha realizzato in occasione del 25esimo anniversario della caduta del muro di Berlino. Il racconto è tratto da una storia vera: nel 2012 una ragazza figlia di un ex…
  • 13 Agosto 1961 - 9 Novembre 1989. Il muro di Berlino ha resistito per ben 28 anni facendo della zona ovest della città, un tempo suddivisa in tre settori d’occupazione (francese, inglese ed americano) un’enclave all’interno dell’intera Germania dell’est, completamente circondati da una fortificazione che negli anni è diventata via…
  • Nonostante i 25 anni trascorsi dalla riunificazione, la presenza del Muro di Berlino si fa tuttora prepotentemente sentire. Ma che fine ha fatto il Mauer? Alcuni blocchi si trovano ancora nella loro città natale, alla Nordbahnhof per esempio, dove è stato allestito un memoriale open-air per commemorare le vittime della…
  • Ogni muro è una porta di Domenico Grimaldi (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”) Fa freddo ed è buio. Siamo in fila stretti tra due lunghe e alte transenne. Nessuno parla. Sappiamo che ci controllano. Ci muoviamo lentamente verso l'edificio minaccioso solo in mezzo alla fanghiglia, spettrale. Un alto parallelepipedo grigio…
  • Dal workshop di scrittura creativa organizzato da Berlino Schule, un racconto che parla del Muro di Berlino. Intitolato «Gli alberi oltre il confine» e scritto da Sibylla Pace. Non sembravano le mani di un vecchio. Quelle del signor Thomas erano forti e grandi; aveva dita robuste come se avesse sempre lavorato la terra,…

Leave a Reply