Cinque assurde regole della lingua tedesca che quando riesci a farle tue ti senti felice

Non bastava che fosse una lingua con migliaia di rigide norme grammaticali, con parole dal significato difficile da intuire perché così lontane dal nostro italiano e suoni a volte pressoché impossibili da pronunciare. Il tedesco, nonostante la sua fama di lingua razionale, presenta alcuni casi in cui queste regole non sono proprio razionalmente spiegabili, o portano addirittura a dei veri e propri paradossi. E a noi poveri disgraziati nati sotto un’altra madrelingua, ma che con il tedesco ci dobbiamo convivere, non resta che combattere ogni giorno con queste assurdità.

1. Il genere di alcuni sostantivi

Gonna è maschile, bambino e ragazza sono neutri. Non pretendiamo certo che ogni lingua sia senza generi come l’inglese, in modo da poter liquidare tutti con un anonimo the. Non pretendiamo neanche che in ogni lingua il genere sia facilmente indovinabile come in italiano (tranne poche eccezioni, parola che termina in -a femminile, parola che termina in -o maschile). Ma in tedesco ci sono pochissime ragioni morfologiche per capire il genere di una parola, perché va bene, quelle che terminano in –ung sono tutte femminili, quelle in –er normalmente maschili, ma per la maggior parte dei sostantivi l’articolo deve essere imparato a memoria, perché regole non ce ne sono. Ebbene sì, a memoria, per ogni singolo nome comune di cosa, animale o quello che volete voi esistente. E allora non sarebbe bello che il genere fosse almeno intuibile dal significato della parola? Sì, ma invece no: perché gonna è maschile, bambino e ragazza sono neutri.

Per non parlare poi del caos che si crea con quei concetti forti nell’immaginario collettivo che nel mondo germanico hanno genere – e di conseguenza sesso – opposto a quello italiano. Ecco allora che abbiamo il luna (der Mond), la sole (die Sonne) e il morte (der Tod), come ci insegna la famosa scena della partita a scacchi con la morte in veste di un uomo nel film svedese Il settimo sigillo. Ma questa è un’altra storia…

Il_settimo_sigillo

2. I numeri a due cifre

Contare in tedesco è facile, ma solo fino al 20. Perché dal 21 in poi entra in atto una tremenda regola per cui i numeri si leggono “al contrario“. Non ventuno ma uno-e-venti (einundzwanzig), non ventidue ma due-e-venti, non sessantasette ma sette-e-sessanta. La lettura del numero con la decina prima delle unità presuppone proprio un diverso numero di pensare. Mi ricorderò sempre la mia insegnante di tedesco del liceo che quando doveva scrivere un numero a due cifre alla lavagna, come la data, scriveva sempre prima l’unità e poi la decina, così come si legge. Io, dopo 12 anni di tedesco, credo che ormai non ci riuscirò più a pensare i numeri al contrario. Ma di certo non sono l’unica: nell’azienda dove lavoro, dove un buon 80% dei lavoratori non è tedesco, leggere i numeri in questo modo è assolutamente vietato. La convenzione per leggere i numeri in modo che siano chiari e comprensibili a tutti ha portato ad una sorta di baby talk per il quale bisogna pronunciare ogni cifra alla volta: 83 è otto-tre, 98 è nove-otto… Il problema è quando ti chiama il cliente tedesco e ti snocciola un ordine Amazon di 17 cifre tutto per numeri ribaltati alla velocità della luce. E lì non c’è che da rimboccarsi le maniche…

3. Le date

I problemi con i numeri in tedesco non sono finiti. Per ragioni inspiegabili, questo popolo si è inventato un modo del tutto originale di leggere gli anni nelle date. Per prima cosa le prime due cifre separate dalle seconde due. Fin qui tutto normale però, alla fine anche l’inglese, lingua semplice e pragmatica, per evitare di leggere il troppo lungo millenovecentonovantadue ha creato l’escamotage diciannove-novantadue. Il tedesco invece, in mezzo alle due coppie di numeri, ci ha infilato un hundert (cento). Neunzehnhundertzweiundneunzig. Ma poi perché cento? Forse perché è addirittura sottinteso un conto, 19×100=1900 (che a noi non ci sarebbe mai venuto in mente)? O forse era solo un modo per distinguere i numeri normali dalle date, la scelta però appare discutibile. Meno male che l’alba del nuovo millennio ci ha salvati: dal 2000 in poi si sono rassegnati a leggere zweitausend, zweitausendeins, zweitausendzwei… Duemila, duemilauno, duemiladue…

4. I verbi separabili

L’inglese ha i verbi con preposizione. Il tedesco invece le preposizioni ce le appiccica direttamente al verbo, creando così una miriade di innumerevoli parole diverse da una stessa radice, che vanno a rimpinguare il suo già ben fornito dizionario. E in questo modo lo stesso verbo può arrivare a significare tutto e il contrario di tutto: nehmen (prendere), a seconda del prefisso che ha davanti può voler dire accettare (annehmen), togliere (entnehmen), dimagrire (abnehmen), ingrassare (zunehmen), comportarsi (benehmen)… Questa cosa, unita al fatto che quasi tutti questi prefissi sono separabili dal verbo, e che spesso il prefisso separato deve essere spostato in fondo alla frase, fa sì che non si può mai sapere che cosa voglia dire una persona, finché non ha pronunciato l’ultima parola. Un esempio?

“Ich gebe die Aufgabe… ab.” Consegno il compito.
“Ich gebe die Aufgabe… auf.” Rinuncio al compito.

5. La rigida posizione dei componenti nelle frasi

Ho pensato spesso che scrivere una frase in tedesco sia come giocare a tetris. Sì perché in questa lingua ogni componente della frase ha la sua rigida posizione che deve essere rispettata, che cambia inoltre a seconda del tipo di frase: in domanda il verbo coniugato occupa sempre la prima posizione, in frase positiva principale la seconda, in subordinata l’ultima (e qui si torna al problema di cui sopra, per cui finché una persona non ha pronunciato l’ultima parola, non è dato sapere cosa voglia dire). Ma non solo. Il soggetto occuperà sempre la prima posizione in frase positiva, a meno che, in principale, si voglia iniziare con un avverbio ad esempio, allora bisognerà eseguire un’inversione. E così via. La cosa strana è che questa è una caratteristica delle lingue che non hanno casi, dove quindi il ruolo dei componenti nella farse è affidato alla loro posizione. Il tedesco invece ha deciso di tenerli entrambi: casi e posizioni. Il bello verrà poi quando passerete alle regole di grammatica più avanzate e scoprirete che c’è anche un ordine prestabilito per posizionare i vari complementi. TeCaMoLo si chiama, e no, non è un farmaco di nuova generazione ma la sigla per ricordarsi questo ordine dei complementi: Tempo, Causa, Modo, Luogo.

bleib-ruhig-und-tekamolo

Photo: “Practicing my old school writing for German class” © Alper Çuğun – CC BY SA 2.0

Se vi è venuta voglia di confrontarvi con questa lingua, date un’occhiata ai corsi di lingua tedesca organizzati dalla Berlino Schule di Berlino Magazine. Cliccando sul banner tutti i dettagli.

banner3okok (1)

Related Posts

  • 10000
    Sono sempre più le persone che si trasferiscono in Germania senza sapere niente del tedesco prima di partire e senza impegnarsi ad apprenderlo una volta arrivati. Lavorano da freelancer con commissioni nella propria lingua (o in inglese), oppure sono impiegati presso i dipartimenti relativi alla loro nazione per grandi aziende internazionali. Insomma, ritengono che…
  • 10000
    Probabilmente vi è capitato più di una volta di chiedervi come mai i sostantivi in tedesco si scrivano con la lettera maiuscola. Non ora, ormai ci avete fatto l’abitudine e non ci fate nemmeno più caso, ma quando avete iniziato a fare i conti con questa lingua impossibile. Se lo…
  • 10000
    di Monica Manzoni* Il tandem è una di quelle esperienze con le quali prima o poi bisogna fare i conti, se si è dotati di un minimo di buona volontà linguistica e curiosità. Il principio è semplice: due persone, interessate a imparare meglio l'una la lingua dell'altra, si incontrano periodicamente e…
  • 10000
    Per noi è tutto più semplice: Italia, Italien, Italy, difficile sbagliarsi. Perché invece la Germania ha così tanti nomi diversi? I motivi sono da riscontrare sia nella sue storia che nella sua posizione geografica. Lo stato tedesco infatti, trovandosi al centro dell'Europa, era zona di passaggio a contatto con vari…
  • 10000
    Volete leggere libri in tedesco direttamente senza pagare nulla o rischiare di aver speso qualche euro per testi che non riuscite ancora a comprendere bene a causa della difficoltà della lingua?? Amazon mette a disposizione gratuitamente una lista di romanzi più o meno noti scritti direttamente o tradotti in lingua…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

7 Responses to “Cinque assurde regole della lingua tedesca che quando riesci a farle tue ti senti felice”

  1. Mario

    “Neunzehn-hundert-zwei-und-neunzig” significa “19 centinaia e 92” perché 19×100 fa millenovecento, non ci vuole molto a capirlo

    Rispondi
    • Armand Milieu

      Vero.

      Anche in Inglese si usa, specialmente per la valuta (ma non solo).

      Esempi:
      “Yesterday I got paid a huge lump sum. Some 19 hundred (s) bucks altogether!”

      Ho notato che questo modo di parlare è più frequente se le centinaia sono espresse dai numeri dall’11 al 19 incluso.

      Sicuramente non si usa per le cifre “tonde”: si dice “2 migliaia” e non “20 centinaia”. Per i numeri sopra il 20 non sono sicuro.

      P.S.: la fonte è l’esperienza personale. Infatti vedete che ho messo un plurale tra parentesi — non sono affatto sicuro se quella ‘s’ sia pronunciata o meno.

      Rispondi
  2. Matteo

    Tutto molto vero. Il fatto di avere i verbi separabili ti obbliga ad aspettare la fine della frase, e questo pensandoci bene non può che essere positivo. Poca persone infatti si parlano sopra, c’è un maggior ascolto e per chi deve ancora imparare la lingua al meglio è una gran cosa.

    Rispondi
  3. Armand Milieu

    Riguardo al punto 4, l’articolo ha chiarito quello che, per me che non parlo Tedesco, era un gran mistero.

    Il punto 4 è molto simile all’Inglese. In pratica, si vede che il Tedesco ha quasi solo “phrasal verbs”… con la differenza che la preposizione precede il verbo (anziché seguirlo, come nell’Inglese). Bisognerebbe capire allora se i dizionari riportano solo le radici e poi nella definizione mostrano le varianti oppure se ogni verbo fraseologico va cercato separatamente.

    Come nell’Inglese, la comprensione del significato non è intuitiva:
    “Give up” = abbandonare / lasciar perdere [Inglese]

    Qualcosa di simile accade nel vernacolo italiano.
    “Tirár sú (qualcosa)” = costruire / imbastire (la trad. letterale “pull up” ha un altro significato in Inglese)
    “Tirár xó (qualcosa)” = abbattere / demolire (idem: “pull down” significa altro in Inglese)
    [Fonte: κοινή del Triveneto; non so se verbi come questi si usano in altre regioni]

    Del resto, molti dei nostri verbi italiani sono vecchie forme fraseologiche latine in cui la preposizione precedeva il verbo.
    Avvenire = addivenire = advenio = ad+venio… nel senso originario di “giungere a”, solo che oramai ha il significato di “accadere”.

    P.S.: mi scuso per l’ultimo esempio se non è corretto. Il mio Latino scolastico è da tempo in soffitta.

    Rispondi
  4. Con quale metodo studiare il tedesco? ⎟ Berlin Translate

    […] Se alcune regole risultano difficili da imparare (come quelle più assurde, di cui abbiamo scritto qui), ci sono anche casi in cui questa lingua risulta più facile dell’italiano o anche […]

    Rispondi
  5. Elvis

    A queste cinque regole assurde ne aggiungerei almeno un’altra:
    1) mentre parli devi fare una analisi logica della frase e chiederti se una parola è ad esempio soggetto o complemento oggetto…perchè questo cambia tutte le desinenze. Per non parlare dei, dativi, accusativi etc etc

    Rispondi
  6. silvia

    Mi hai fatto morire dal ridere!! Sto cercando di studiare tedesco da autodidatta e mi sono accorta subito che sarebbe stata un’impresa ardua!! Per riuscire a memorizzare più facilmente, mi sono trovata a italianizzare alcuni sostantivi tedeschi, tipo “il gonno”, “il sero”, “la burra”… almeno la prendo sul ridere!

    Rispondi

Leave a Reply