Come votare all’estero per il referendum abrogativo sui voucher

votare all'estero

Domenica 28 maggio 2017 in Italia si vota per i Referendum relativi all’abrogazione delle disposizioni sul lavoro accessorio (voucher) e delle disposizioni limitative della responsabilità solidale in materia di appalti. Ecco tutte le informazioni per votare all’estero.

Elettori residenti all’estero

Votare è un diritto/dovere che spetta a tutti. Gli italiani residenti all’estero potranno partecipare al voto secondo le modalità descritte sul sito della Farnesina. Gli iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno per il referendum il plico elettorale a domicilio. I residenti all’estero che invece intendessero votare in Italia dovranno far pervenire al consolato (si ricorda di mantenere aggiornato il consolato circa il proprio indirizzo di residenza) un’apposita dichiarazione con nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, comune italiano d’iscrizione all’anagrafe degli italiani residenti all’estero e consultazione per la quale l’elettore intende esercitare l’opzione. La dichiarazione deve essere datata e firmata dall’elettore e riportare in allegato la fotocopia di un documento di identità del richiedente. Può essere inviata per posta, fax, email, oppure consegnata a mano al consolato anche da terzi entro il 25 marzo 2017. A questo link si trova un modello per effettuare la richiesta.

Elettori che si trovano temporaneamente all’estero

Gli elettori che si trovano all’estero per un periodo superiore a tre mesi, nonché i familiari conviventi, possono partecipare al voto attraverso gli uffici consolari. In questo caso è necessario far pervenire una dichiarazione di opzione al comune d’iscrizione delle liste elettorali secondo le stesse modalità (posta, telefax, posta elettronica, di persona oppure tramite persona diversa dall’interessato). Anche in questo caso la richiesta di opzione va firmata e datata e va accompagnata da un documento d’identità del richiedente. Inoltre la richiesta deve contenere l’indirizzo postale estero cui va recapitato il plico elettorale, l’indicazione dell’ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza. Per requisiti si intende l’esistenza di motivi di lavoro, studio o cure mediche per la permanenza in un Paese estero per un periodo di almeno tre mesi oppure lo status di familiare convivente di una persona con tali requisiti. A questo link si trova un modello per effettuare la richiesta.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • di Francesca Parisi Abito a Berlino da 2 mesi grazie al programma Erasmus placement, studio all'università di Foggia, eppure qui in Germania il mio pensiero va ancora alla mia terra, lì dove ci si batte per dire di no al gasdotto nel Salento. Dopo la sentenza approvata dal Consiglio di…
  • Tra i grandi Paesi occidentali la Germania è quella con il più basso tasso di disoccupazione. A marzo 2017 solo il 5.8% dei possibili occupati risulta senza lavoro. Un valore bassissimo, il più basso dai tempi della riunificazione (1990). "Con l'arrivo della primavera Detlef Scheel, capo dell'Arbeitsagentur, l'agenzia federale tedesca…
  • di Stefano Carpani * Il Ministro e l´arte di giocate a calcetto! Il Ministro del Lavoro Poletti torna - dopo le affermazioni sui giovani emigrati non tutti geni del dicembre scorso - a deliziarci con un´altra delle sue massime che potremmo sintetizzare così: in Italia non mandate CV, è meglio farsi una…
  • Volete lasciare il vostro posto di lavoro, ma non desiderate fare di tutto per farvi licenziare. A volte (ma non sempre), l'Aufhebungsvertrag rappresenta una buona alternativa. Per tutti gli stranieri che lavorano in Germania, ecco una breve guida offerta da FragRobin.d che chiarisce tutti i punti principali connessi a un…
  • Berlino è ancora la meta dei creativi e degli aspiranti imprenditori? Sì, ma non è più da sola: Francoforte, Amburgo e Monaco, come racconta The Local, vogliono sottrarle la leadership nel mondo start-up. A quanto pare, in Germania sta nascendo un’altra Silicon Valley delle start-up, lontano da Berlino. Bisogna allontanarsi dalla Sprea…

Leave a Reply