Debutta allo Schaubühne la piece The Past di Constanza Macras

Cosa succede ai nostri ricordi quando i luoghi fisici nei quali quei ricordi esistono vengono distrutti? The Past, di Constanza Macras, in scena al teatro Schaubühne dal 27 novembre, esplora l’arte della memoria, un luogo in cui i pensieri sono associati in maniera prepotente a luoghi fisici, a stanze, appartamenti, architetture. Il punto di partenza è la città, intesa come luogo geografico concreto, una sorta di ancora per la memoria, un’immagine mentale da tenere sempre in primo piano, impossibile da dimenticare.

Constanza Macras è una delle più apprezzate coreografe del teatrodanza contemporaneo europeo, un’artista che con il suo linguaggio irriverente, diretto, spesso polemico e provocatorio, ci parla delle persone, della vita quotidiana, di quello che accade intorno a noi ogni giorno, utilizzando lo strumento della danza. In The Past si crea un collegamento materiale con le antiche tecniche dell’ars memoriae, procedimenti per cui, al fine di ricordare, dobbiamo prima trovare e organizzare le nostre impressioni. Al centro di questa tecnica mnemonica vi è l’orientamento spaziale. Come usiamo le stanze della nostra mente, i nostri luoghi, per ricordare?
La piece esplora i luoghi architettonici trasformandoli in strumenti narrativi della nostra storia personale, una storia che viene riscritta sotto nuove e differenti angolazioni in un processo che ha come approdo finale il superamento del passato, di ciò ce è stato e non tornerà, come momento di passaggio centrale per capire gli eventi contemporanei.

Con musiche originali composte appositamente per la piece da Oscar Bianchi, The Past scava nella memoria collettiva e individuale: i suoni in scena si muovono in un’esplorazione sotterranea, la musica incarna le contraddizioni dei riti di passaggio, la comunicazione e, infine, la memoria. Il risultato è un’atmosfera fisica, la creazione di un luogo della memoria in cui le realtà emotive ed esistenziali trovano una maniera dolce e dolorosa, spesso senza regole, di abbandonarsi.

THE PAST
con sottotitoli in inglese
Regia e Coreografia – Constanza Macras
Musica e Composizione – Oscar Bianchi
Con – Becker, Emil Bordás, Fernanda Farah, Luc Guiol, Miako Klein, Nile Koetting, Johanna Lemke, AnaMondini, Felix Saalmann, Miki Shoji, Michael Weilacher
Musiker Miako Klein / Michael Weilacher

Spettacoli
27.11.2014, ore 20.00 Uhr
29.11.2014, ore 20.00 Uhr
30.11.2014, ore 20.00 Uhr
01.12.2014, ore 20.00 Uhr
29.01.2015, ore 20.00 Uhr
30.01.2015, ore 20.00 Uhr
ticket@schaubuehne.de

Schaubühne am Lehniner Platz
Kurfürstendamm 153
10709 Berlin
Zentrale: Tel +49.30.890020

Related Posts

  • Come possono le persone incapaci di leggere e scrivere trovare un modo alternativo per esprimere il proprio mondo interiore? Un coreografo brasiliano, Clebìo Oliveria, mette sotto una lente di ingrandimento il mondo di quelli che lui definisce "analfabeti". Un mondo che vive nell’anonimato, trascurato e occultato, a detta sua, dalla…
  • Lo Staatballet di Berlino ha deciso di dedicare questo week-end al grande coreografo francese Maurice Béjart: tre serate in cui verranno riproposte alcune tra le sue opere principali. L’artista, marsigliese di nascita, ha viaggiato e vissuto nelle principali città europee per decidere di fermarsi a Losanna, dove ha fondato una…
  • Al via il 24 settembre una rassegna di eventi dedicati al legame tra movimento e spazio. Dancing About Architecture, apre con un lavoro coreografico, MEGALOPOLIS, allo Schaubühne che in collaborazione con la Schering Stiftung e lo spazio ANCB (Aedes Network Campus Berlin) presenta una serie di incontri dal tema, danza…
  • Il linguaggio del corpo interpreta la musica nella performance di danza contemporanea BodieSLANGuage, premiere al Ballhaus Ost l'11 settembre e in programma il 12/13 settembre e il 9/10/11/12 ottobre. Protagoniste assolute dello spettacolo sono le mani degli 8 artisti che, unendo il linguaggio dei segni alla gestualità quotidiana, creano nuovi…

Leave a Reply