L’Osseria di Berlino, il posto tipico dove mangiare come nella vecchia Ddr

In quella Ddr che rinominava tutto ciò che era americano con un altro nome, compresi gli hot-dog (che al di là del muro era ketwurst, ovvero würs-tel con ket-chup) e che di certo non brillava per varietà e qualità del cibo a causa delle perenne penuria di molti ingredienti, c’erano anche alcune pietanze buone, o comunque degne di sopravvivere alla caduta del muro. Tra queste c’era senza dubbio “soljanka”, la tipica zuppa d’origine russa comune a tanti altri paesi del blocco socialista normalmente realizzata con tutto ciò che si aveva in frigo, il gulasch (qui a base di wuerstel con buona pace dei tradizionalisti ungheresi), la Pellkartoffel (la patata lessa a cui si spella la buccia), i kapern klopse (gnocconi di capperi) e  le Senfeier (uova sode con senape). Se vi va di provarli e vivere un pasto completamente “ost” il posto giusto in cui andare è l‘Osseria.  “Ossie”, per chi non lo sapesse, è il nomignolo con cui venivano chiamati, anche un po’ dispregiativamente a volte, i cittadini dell’allora Ddr.

Questo ristorante nella zona nord est della città, a Pankow, non è solo interessante per i piatti che offre, ma anche per l’arredo. Ci si trovano poster, dischi, vecchi gadget e memorabilia. Può sembrare un po’ kitsch, e forse lo è, ma la sensazione generale è quella di un posto a suo modo tipico. La cucina, come detto, è tipica Ddr, anche se alcune ricette sono semplicemente tedesche (non è che nella Germania dell’est non si continuasse a mangiare ciò che si mangiava prima della divisione) o sono una rivisitazione “socialista” di altre tradizioni culinarie dei paesi dell’est europa. Di questi tempi (primavera) vale la pena provare tutto ciò che è a base di asparagi (qui nel Brandeburgo vanno quelli bianchi). I prezzi sono contenuti e se vi va di andare la domenica c’è anche la possibilità di fare un brunch (a 8 euro).  Se poi  abitate in zona c’è la possibilità anche di utilizzare il servizio a domicilio. Insomma, è un posto in cui vale la pena andare una volta e farsi un’idea di come si mangiava al di là del muro. Anche il turismo culinario, del resto, è un turismo a cui vale ogni tanto dedicarsi.

Osseria

Langhansstraße 103
13086 Berlin Weißensee (quasi Prenzlauer Berg)

Telefon: 030-960 685

E-Mail: Osseria@Herrmy.de

Sito internet: http://www.osseria.de/

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply