A Berlino arriva un’eccezionale mostra dedicata a David Bowie

Dal 20 Maggio al 10 Agosto 2014 una delle mostre più spettacolari di tutti i tempi approda sulle rive della Sprea berlinese. Si tratta della prima retrospettiva mai realizzata su David Bowie, che a seguito del grande successo riscosso al Victoria and Albert Museum di Londra, parte per un tour internazionale. Dopo São Paulo del Brasile (e prima di Chicago, Parigi e Groningen), la mostra sarà ospitata infatti, per due mesi e mezzo, dal Martin-Gropius-Bau di Berlino.

I curatori, Victoria Broackes e Geoffrey Marsh, sono riusciti a ideare e realizzare un’esperienza audio-visiva straordinaria attingendo al materiale biografico del David Bowie Archive, per una retrospettiva che ripercorre la carriera e le mutazioni stilistiche di una vera icona del panorama musicale mondiale nell’arco di cinque decenni. Nelle sale del Martin-Gropius-Bau saranno esposti più di 300 oggetti legati alle evoluzioni musicali di David Bowie, cimeli raccolti in unico, grande spazio, per la prima volta nella storia. Il visitatore potrà ammirare ben 60 costumi di scena, tra cui la tuta di Ziggy Stardust disegnata da Freddie Burretti nel 1972; numerose clip estratte dai film interpretati da Bowie e dalle sue apparizioni televisive (The Man Who Fell to Earth, 1976, e Saturday Night Live, 1979); gli stralci dei concerti live, i backstage dei videoclip, i testi manoscritti delle canzoni, le copertine originali degli album, gli allestimenti scenografici delle più famose tournée in giro per il mondo (non ultimo il Diamond Dogs Tour, 1974) oltre a decine di strumenti, disegni, collage e annotazioni personali, selezionati dalla collezione privata dell’artista. Nel prezzo del biglietto sarà compresa l’audioguida, che accompagna l’intero percorso della mostra integrando il materiale audio presente e contribuendo ad un’eccezionale full immersion sonora nell’universo sfaccettato del Duca Bianco.

Considerato il legame affettivo di David Bowie con la città di Berlino, la tappa del Martin-Gropius-Bau sarà una delle più importanti di questa mostra itinerante. La cosiddetta ‘Berlin Trilogy’ – che comprende gli album Low (1977), Lodger (1979) e il capolavoro Heroes (1977) – è stata ispirata dalla capitale tedesca e in parte incisa negli Hansa Studios di Potsdamer Platz durante gli anni di permanenza di Bowie nella sua residenza berlinese di Schöneberg, in Hauptstraße 155. Il connubio Bowie-Berlino continua insomma a risultare vincente,  per gli appassionati e non solo. Save the date.

David Bowie

dal 20 Maggio al 10 Agosto 2014

Martin-Gropius-Bau, Niederkirchnerstraße 7

 

Biglietti già acquistabili su: http://www.davidbowie-berlin.de

Silvia Fistetto

Diplomata in cattiva gestione del tempo, innamorata dei libri e dei gatti, schiva con poca astuzia i tranelli della lingua tedesca. Traduce documentari per Nat Geo, History, La7 D ed è la traduttrice italiana della rivista on line della NATO.

Leave a Reply