La tragedia di Edipo Re rivive al Deutsches Theater di Berlino

Sabato 29 novembre nuova messa in scena per Ödipus Stadt al Deutsches Theater di Berlino, in una rappresentazione straordinaria e toccante diretta da Stephan Kimmig e presentata in una nuova traduzione e con sottotitoli in lingua inglese.

Le sventure abbatutesi sulla casa dei Labdacidi sono uno dei miti centrali dell’antichità greca – e costituiscono quindi parte delle origini del teatro stesso. Tutti e tre i grandi scrittori della tragedia greca – Sofocle, Eschilo e Euripide – hanno creato delle rappresentazioni intorno a queste figure mitiche, in particolare ‘Edipo Re’, ‘Sette contro Tebe’, ‘Le fenicie’ e ‘Antigone’. Prese nel loro insieme, le piece raccontano la saga familiare di Edipo Re, la rivalità fra i figli Eteocle e Polinice, ed il difficile rapporto fra le sue figlie Antigone e Ismene. Ma si soffermano anche sulla storia della città di Tebe, la cui fortuna politica è strettamente legata a quella della famiglia di Edipo ed al suo destino.
Violenza che genera violenza, paura che alimenta la paura, distruzione e dolore: la storia dell’annientamento di una famiglia è anche un’allegoria in cui si disegna il rapporto dell’individuo con il potere. Persino Creonte, il sovrano saggio che assume il comando nel momento in cui la follia omicida è finalmente giunta a conclusione, cerca di compensare con la durezza la sua presunta debolezza, distruggendo la città che ha lo scopo di proteggere.
Il Deutsches Theater racconta la storia di Tebe e dei suoi governanti in una trilogia. Una marcia inesorabile verso la catastrofe che ci permette di guardare al di là dei singoli eroi tragici e di esplorare le sottili interconnessioni fra umanità, potere e mito.

Ödipus Stadt
con sottotitoli in inglese

Regia – Stephan Kimmig
Scnenografia – Katja Haß
Costumi – Johanna Pfau
Musica – Michael Verhovec
Drammaturgia – John von Düffel

Cast
Ulrich Matthes, Susanne Wolff, Barbara Schnitzler, Bernd Stempel, Katrin Wichmann, Elias Arens, Moritz Grove, Thorsten Hierse, Felicitas Madl

Performance
29. November 2014, 19.30 – 21.50
biglietti da 12 a 48 euro

Deutsches Theater
Schumannstraße 13a
10117 Berlin

Related Posts

  • "Cosa significa essere in esilio a Berlino? Si fugge da ruoli o da regole del proprio paese o da una famiglia in cui non ci si riconosce? Oppure si pensa che la città - questa città - offra la possibiltà di realizzare i propri sogni ed obiettivi? Oppure, si è…
  • Alle orecchie di molti “tango tedesco” appare un ossimoro. Eppure il legame tra questi due elementi è fatto di un filo doppio: non solo la Germania contribuì in maniera determinante allo sviluppo della musica per tango, ma fu proprio in Germania che quest'arte trovò una seconda patria, dopo i bassifondi…
  • E i “fortunati”? Quelli che avevano un passaporto straniero, magari un lavoro di prestigio, e quindi la possibilità di muoversi tra l'Est e l'Ovest di Berlino? Che vita è stata la loro? Questa non è solo la storia di un austriaco nella Repubblica Democratica Tedesca, di un uomo importante, che…
  • “Ripartiamo da battuta 530. Flicorno, prego”. Silenzio. “E il flicorno? Dov’è il flicorno?”. Silenzio. “Non è venuto”. “Che vuol dire non è venuto?” “Il flicorno non è venuto in segno di protesta, d’accordo con il sindacato provinciale….” Tutte le volte che si esibisce una grande orchestra tedesca risuonano, ironicamente, in…
  • Meraviglia della tecnologia: seduti in un cinema di Berlino è possibile assistere alla prima londinese de I due Foscari di Giuseppe Verdi, in diretta dalla Royal Opera House. In maniera informale (e decisamente più economica) si può infatti prendere parte a spettacoli di grande rilievo, alcuni tra i più rinomati…

Leave a Reply