Disastro BASF, chiarite le cause dell’esplosione negli impianti chimici

Errore umano. Sarebbe questa la causa dellesplosione avvenuta lo scorso 17 ottobre nell’impianto del gruppo chimico BASF a Ludwigshafen, in Rheinland-Pfalz. Lo comunicano la procura di Stato di Frankenthal e lo confermano la polizia del Rheinpfalz e Uwe Liebelt, direttore degli impianti. Come riportato da diversi media tedeschi, un operaio di una ditta appaltatrice ha reciso il tubo sbagliato durante i lavori di manutenzione a una pipeline. L’errore ha poi generato una fiammata e la successiva esplosione, in cui sono morte tre persone e altre trenta sono rimaste ferite.

Le indagini. Il presunto responsabile dell’incidente, operaio di una ditta esterna, non può essere al momento interrogato; è infatti ancora ricoverato in ospedali con gravi ustioni. Al momento le indagini, spiega il procuratore capo Hubert Ströber, si concentrano sui criteri per la scelta delle società appaltatrici e sull’adeguatezza delle misure di sicurezza preventive. Liebelt ha difeso sia la condizione degli impianti di Ludwigshafen sia la scelta delle ditte esterne: «Abbiamo rigidi criteri di selezione», ha dichiarato alla Deutsche Presse Agentur.

L’incidente. L’esplosione presso gli impianti chimici BASF, avvenuta nella mattinata di lunedì 17 ottobre, ha causato tre morti e trenta feriti. Nelle prime ore successive al disastro i media tedeschi non escludevano alcuna ipotesi sulle cause e le autorità consigliavano alla popolazione dell’area circostante di restare in casa e di tenere chiuse le finestre per non respirare le sostanze liberatesi nell’aria dopo l’incidente. In seguito i vigili del fuoco e l’ufficio di igiene hanno escluso possibili danni alla salute della popolazione.

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Una duplice esplosione ha colpito l'azienda chimica tedesca BASF. Come riporta SpiegelOnline, si sono verificate questa mattina le gravi deflagrazioni in due stabilimenti del colosso situati nelle città occidentali di Lampertheim (Assia) e Ludwigshafen (Renania-Palatinato), a circa 30 km di distanza l'una dall'altra. Una portavoce della società riferisce che diverse persone sono rimaste ferite, senza precisarne…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • In un momento in cui la tensione in Germania contro il pericolo di attentati terroristici è altissima, diventa anche rilevante il modo in cui viene gestito il terrore nel Paese. Lo scopo è non innescare meccanismi di terrore che sarebbero esattamente la sconfitta rispetto ad ogni strategia terroristica.  Emblematico è il…
  • Ieri mattina un 62enne si è cosparso di benzina e si è dato fuoco nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Francoforte. La Frankfurter Hauptbahnhof in quel momento era molto affollata e sono stati i passanti stessi a soccorrere l'uomo e spegnere il fuoco, prima dell'intervento di polizia e vigili del fuoco. La vittima,…
  • In Germania si reclutano sempre più rifugiati all'interno dei vigili del fuoco. Si tratta di un’iniziativa che vuole rimediare alla carenza di pompieri e, contemporaneamente, offrire ai migranti un'occasione per integrarsi e trovare un’occupazione. Una tradizione tutta tedesca. Silvia Darmstädter, dell’Associazione Vigili del Fuoco tedesca, ha affermato che quest’iniziativa «non risolverà…

Leave a Reply