East Side Gallery contro i turisti: una ringhiera eviterà scarabocchi e vandalismo

Una recinzione per proteggerla dai vandali: la East Side Gallery, la più lunga galleria del mondo all’aperto situata tra Ostbahnhof e Oberbaumbrücke, nonché più lungo pezzo di muro consecutivo rimasto tuttora in piedi, è dietro le sbarre dallo scorso 4 novembre.

Incidete il vostro scarabocchio, o voi che passate. È chiaro che negli anni le opere all’aperto si deteriorino. Certo oltre ai fattoti atmosferici in questo caso bisogna aggiungere anche altre cause volontarie: c’è chi oramai considera un gesto pressoché scontato e obbligatorio l’avvicinarsi alla East Side Gallery con un pennarello e un cellulare in mano per immortalarvisi. Alcuni blog di viaggio consigliano addirittura vivamente di compiere questo gesto in quanto tradizione immancabile una volta in visita a Berlino. Inconsapevoli probabilmente di adottare un comportamento fuori dalla legalità, il 90% dei turisti firma e scrive messaggi ai posteri sulla East Side Gallery senza rendersi conto di compiere un atto di vandalismo.

Schermata 2015-11-30 alle 10.35.50
il giocatore dell’Hertha Berlino Kalou mentre rovina il muro con uno scalpello immortalato da un turista

Avete mai visto qualcuno che adotta con tale ovvietá lo stesso comportamento al Reichstag o al Memoriale della Shoah? Vi verrebbe mai in mente, per giunta in pieno giorno, di disegnare un cuoricino sul David a Firenze? Di mettere lo smalto colorato all’unghia del suo famoso alluce? Magari scattandovi anche un selfie durante l’atto? Questo è esattamente quello che succede qui a Berlino. Già nel 2004, di fronte a tanto strazio, 150 artisti insieme a cittadini berlinesi e a turistisi si riunirono muniti di spugne e detersivi per pulire le opere più famose come il „Bruderkuss“ (il bacio socialista) di Dimitri Vrubel. L’artista stesso nel 2009 ha poi provveduto a ridipingere il suo motivo che mostra gli ex Capi di Stato Erich Honecker e Leonid Breschnew durante il famoso bacio.

L’East Side Gallery oggi. L’East Side Gallery oggi vanta 1316 metri di opere, 118 artisti, 21 Paesi. I suoi temi: la caduta del Muro, la storia dei tedeschi, il desiderio di pace e di solidarietà tra i popoli. L’idea di trasformare l’ultima parte di muro ancora intatta in una lunga galleria all’aperto risale al 1990. Oggigiorno pulire dagli scarabocchi l’East Side Gallery è una procedura veloce: i pennarelli si tolgono facilmente grazie allo strato di vernice protettiva ricevuto durante la prima grande opera di restauro e ripulitura del 2009, quando tutti gli artisti dipinsero di nuovo le proprie opere. “Purtroppo le tracce lasciate dalle incisioni con la biro, coi sassi e con le chiavi rimangono” conferma Adalbert Maria Klees, il direttore dei lavori. “Così si distrugge l’opera: l’acqua che penetra distrugge l’intera opera e segno la fine del muro”. Ecco la ragione della ringhiera.

Il vallo antiturista. Con quest’allusione alla propaganda usata nella DDR per giustificare in maniera positiva la costruzione del muro – il Vallo Antifascista, Antifaschistischer Schutzwall – si apre l’articolo della rivista Deutschland Funk che continua descrivendo quest’opera di pulizia come una lotta donchisciottesca. Per questo motivo il distretto di Friedrichshain-Kreuzberg si è visto costretto a “proteggere” il muro con una grata provvisoria alta due metri che verrà sostituita entro la fine dell’anno (così sono i pronostici di vari quotidiani berlinesi, basta non pensare al nuovo aeroporto BER…) da una ringhiera possibilmente trasparente, alta 80 cm e a 130 cm di distanza dal Muro, munita di cartelli in diverse lingue (scommetto che saranno tradotti anche in italiano questi…), che costerà la bellezza di 150.000 €. Questo vallo antiturista vuole impedire gli assalti dei vandali e ricordare a quel 90% dei turisti, che ama lasciare la propria pisciatina ovunque vada, che si tratta di un monumento e che, in quanto tale, merita il rispetto dovuto. Infatti, più di una barriera simbolica non sarà, essa contribuirà sì a distanziare il visitatore comune, rendendolo consapevole di trovarsi di fronte a qualcosa degno di rispetto, ma non sarà sufficiente né a proteggerlo dai “Mauerspechte”(coloro che, con un picchetto in mano, aprirono le prime brecce nel Muro di Berlino nel 1989), né a impedire ad alcuni vandali, muniti di bomboletta, di imbrattarne grandi superfici, ricoprendo l’opera d’arte sottostante. Questo specifico vandalismo diminuirebbe soltanto con dei sorveglianti notturni che costerebbero 300.000 € all’anno. Una cifra troppo alta per il distretto di Friedrichshain – Kreuzberg.

Cari amici, ospiti, turisti, nuovi berlinesi: godiamoci la città nelle sue peculiarità. Proteggiamo le sue opere d’arte e le testimonianze storiche. La storia si impara meglio davanti ai monumenti, quando è tangibile. Rispettiamola trattando i monumenti con il dovuto rispetto. Ecco cosa va tramandato ai posteri, non i cuoricini!

©Marta Nimeva Nimeviene CC BY -SA 2.0

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • 10000
    L'East Side Gallery è in continua trasformazione da quando esiste, ovvero dal 1990 quando numerosi artisti da tutto il mondo diedero colore al tratto più lungo rimasto in piedi del muro di Berlino. Ma quello che sta succedendo in quella zona di Friedrichschain a riva della Sprea, è un'impennata immobiliare…
  • 10000
    Non è una novità. L'East Side Gallery e tutti i suoi murales sono nuovamente e pesantemente imbrattati da scritte di vario tipo. Questo tratto del Muro di Berlino, il più lungo ancora in piedi con i suoi 1,3 km di lunghezza, non deve combattere solo con chi vorrebbe abbatterla per fare spazio ad…
  • 10000
    I quasi trent’anni in cui la Germania è stata divisa in due hanno condizionato, e condizionano in maniera evidente tutt’ora, l’identità del popolo tedesco. Berlino, di quel periodo, ne è senza dubbio la città simbolo per eccellenza. Quest’anno ricorre il venticinquesimo anniversario della caduta del muro e saranno molteplici le…
  • 10000
    Da lunedì 7 dicembre la Berlino Schule organizza un nuovo corso intensivo di lingua tedesca (livello A1.2): 5 ore al giorno dal lunedì al venerdì, dalle 9.15 alle 13.30, per due settimane di full immersion a soli 5 € all’ora. Per chi fosse interessato, il corso proseguirà dopo le feste natalizie…
  • 10000
    Hai deciso di fare l’Erasmus? Cosa ti aspetti da un’esperienza lontano da casa? Oltre al miglioramento di una lingua straniera e delle tue conoscenze, avrai sicuramente voglia di scoprire una nuova città. Feste, musei, punti di interesse storico-artistici, scorci memorabili da postare sul tuo profilo Facebook, locali cool? Allora non…

Grazia Orlandini

Sono arrivata a Berlino solo 4 anni fa, ma la città mi aveva conquistato già dopo la prima visita. In Germania ci vivo, e bene, dal 1995. Ho fatto l'Erasmus nel sudovest germanico, a Freiburg, dove poi sono rimasta 18 anni. All'inizio del 2013, poi, la decisione di muovermi a Nordest, Berlino! Ho studiato Lingue a Pisa - Tedesco e Storia dell'arte. Ho un figlio di 16 anni che parla 5 lingue correntemente e ne sono davvero fiera. Vivere a Berlino é una delle esperienze piú belle che si posano fare, se si è spiriti liberi e menti creative.

Leave a Reply