Germania, arretra la Merkel. La vera vincitrice è la destra anti euro e immigrazione

Poster

Hanno perso il 14% complessivo. I tre partiti al governo durante la scorsa legislatura, ovvero CDU, CSU e SPD arretrano complessivamente di circa 14 punti percentuali.

Una cifra molto vicina a quel 13,5% conquistato da Alternative fuer Deutschland che quattro anni fa, con un solo anno di vita alle spalle, arrivò a poco meno del 5%. È la destra anti-immigrazione ed euroscettica la vera vincitrice di questa tornata elettorale, ma a festeggiare ci sono anche i liberali dell’FDP, rientrati in Parlamento con il 9,9% e i Verdi con il 9,4%. Entrambi, vista l’annunciata decisione dei socialdemocratici di Martin Schulz di rimanere all’opposizione, rappresentano al momento le uniche stampelle per l’Union di Angela Merkel di formare un governo. Si tratterebbe della cosiddetta “coalizione Giamaica” dal colore generalmente assegnato alle tre formazioni: nero per l’Union, giallo per i liberali e verde per i Verdi.

“Vogliamo riconquistare i voti di chi ha scelto Alternative fuer Deutschland”. Con queste parole Angela Merkel si è rivolta alle centinaia di persone che l’hanno attesa all’interno della casa dlla CDU, la Konrad Adenauer Haus a Berlino. “Abbiamo lasciato la questione rifugiati e immigrazione alla destra. E ora dobbiamo cambiare” ha affermato invece Horst Seehofer ai microfoni di ARD. Il leader della CSU, il “cugino” bavarese della CDU di Angela Merkel così ha giustificato il forte arretramento del suo partito, passato dal 49,3% del 2013 all’attuale 38,5%. “Ci impegneremo contro l’estremismo affinché la Germania rimanga Germania”

Queste le proiezione di voto rese note da ZDF alle 18.38

  • CDU/CSU: 33,3 (-8,2)
  • SPD: 20,9 (-4,8)
  • Linke: 9,0 (+0,4)
  • Bündnis 90/Grüne: 9,4 (+1,0)
  • FDP: 9,9 (+5,1)
  • AfD: 13,2 (+8,5)
  • Altri: 4,3 (-2,0)


SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply