Germania, arrivano i semafori per pedoni smartphone-dipendenti

La dipendenza da social network e smartphone è ormai diventata, si sa, un serio problema per tante ragioni. Tra le altre, è fonte di distrazioni non solo quando si è alla guida di un’auto ma anche quando si cammina per strada. Se alzassimo per un attimo lo sguardo dal nostro schermo, potremmo notare che tanti altri passanti sono intenti a controllare i messaggi e le nuove notifiche apparse sullo schermo. Proprio come noi.

La campagna tedesca anti-incidenti. Un tale comportamento, secondo molti esperti, può avere conseguenze pericolose di vario tipo e per questo si dovrebbero incentivare campagne di sensibilizzazione al pericolo della distrazione da smartphone. In Germania, per evitare i sempre più frequenti incidenti stradali causati proprio dai pedoni che attraversano incuranti delle macchine e dei tram che sfrecciano, si è pensato di installare sui marciapiedi delle illuminazioni a led rosse e verdi ben visibili a quanti camminano con il volto rivolto verso la strada, ma chino sui propri dispositivi. Il provvedimento riguarda la città di Augusta in Baviera, ed è stato promosso a seguito del recente tragico incidente accaduto a Monaco, che ha visto protagonista una quindicenne travolta da un tram perché distratta dal cellulare e dalle cuffie.

smombie
Photo © chip.de

Generazione di smombies. Le luci installate al suolo diventano rosse per avvisare dell’arrivo del tram e, stando a quanto dichiarato da Tobias Harms, il consigliere comunale che ha sostenuto il progetto, si è giunti a sperimentare questo nuovo tipo di sicurezza stradale proprio per tutelare i cosiddetti smombies, neologismo coniato dalla crasi di smartphone e zombie e usato per designare le giovani generazioni di dementi digitali (secondo la celebre definizione di un neurologo tedesco, Manfred Spitzer). Questo fenomeno non è affatto sconosciuto anche negli Usa, e nel New Jersey è stata introdotta addirittura una multa di 50 dollari per i pedoni distratti. La Germania ha scelto invece una soluzione più morbida, ma sempre più Stati si trovano a fronteggiare una tendenza preoccupante che colpisce soprattutto gli strati più giovani della popolazione e che ormai è entrata a far parte della nostra quotidianità.

HEADER-SCUOLA-DI-TEDESCO

Foto di copertina © Screenshot YouTube- Augsburger Allgemeine

Related Posts

  • Solo pochi mesi fa WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea più famosa ed utilizzata, ci avvisava con un messaggio dell’introduzione di un nuovo sistema di sicurezza de dati personali, la crittografia end to end, grazie alla quale solo il mittente e il destinatario sono in grado di leggere il contenuto dei messaggi.…
  • Una nuova app sta spopolando a Düsseldorf, in Germania occidentale. Si chiama WelectGo e, una volta scaricata, permette all'utente di viaggiare gratis su bus e metro cittadini. Ad una condizione: che il passeggero, non appena salito a bordo, guardi sul suo smartphone quattro video promozionali della durata di 20 secondi. Gli utenti possono scegliere i…
  • Quattro giorni di concerti imperdibili per tutti gli amanti del jazz con il festival franco-tedesco Jazzdor Strasbourg-Berlin. Dal 30 maggio al 2 giugno presso Kesselhaus all'interno della Kulturbrauerei di Prenzlauer Berg torna Jazzdor, uno dei festival dedicati al jazz francese in Germania più importanti della capitale tedesca. Tra i tanti artisti che si esibiranno…
  • Uno spettro si aggira per la Germania: questa volta non si tratta del terrorismo o dell'immigrazione, ma della memoria di Karl Marx al quale, nell'ex Germania orientale, sono stati dedicati in totale ben 550 nomi di strade, viali e piazze. Niente di nuovo, se non che un membro della CDU, l'Unione cristiano-democratica della Merkel, ha…

Jale Farrokhnia

Classe '91, calabrese di nascita ma apolide di fatto. Ho nutrito sin da piccola una grande passione per la letteratura e per la scrittura, che mi hanno fatto approdare tra i banchi di un liceo classico che ho amato. Nel 2010, tra un viaggio e l'altro, mi sono trasferita a Pisa per studiare Lettere Classiche e per specializzarmi poi in Filologia e Storia dell'Antichità, pur essendo allo stesso tempo un'appassionata di tecnologia,social media e lingue moderne. Dopo la laurea mi sono trasferita a Berlino per un breve e intenso tirocinio e ora, somewhere in Italy, cerco ancora la mia strada con un piede nel mondo accademico e l'altro tra le molteplici alternative.

Leave a Reply