Germania, attivista colpita alla testa da un estremista di destra. Sviene sul colpo

In Germania le manifestazioni in occasione del Primo Maggio hanno portato con sé anche una lunga scia di violenze. In molte città, Berlino compresa, si sono verificati scontri tra manifestanti e polizia, ma in certi casi anche tra attivisti di sinistra e estremisti di destra. É andata così a Plauen, cittadina della Sassonia, dove nei disordini è rimasta ferita una giovane manifestante, colpita a sangue freddo alla testa da un uomo che, secondo le prime ricostruzioni, potrebbe appartenere alla scena neonazista locale.

La dinamica dell’aggressione. A Plauen, quinto centro più grande della Sassonia dopo Lipsia, Dresda, Chemnizt e Zwickau, i disordini sono partiti nel pomeriggio di domenica, quando gli oltre 1.000 agenti di polizia hanno reagito con gli idranti al lancio di pietre e bottiglie da parte dei manifestanti. Come mostra un video pubblicato da Huffington Post Deutschland, un uomo ha approfittato del caos per colpire una giovane attivista con il treppiedi di una macchina fotografica. La ragazza ha immediatamente perso i sensi e si è accasciata al suolo. I presenti non hanno realizzato immediatamente l’accaduto e l’aggressore ne ha approfittato per dileguarsi.

L’identità della vittima e dell’aggressore. Come ha confermato la polizia di Plauen ieri pomeriggio, la vittima è una ventenne attivista di sinistra originaria di Berlino. É stata ricoverata d’urgenza ma se l’è cavata con una leggera commozione ed è stata dimessa dopo poche ore. Secondo un portavoce della polizia è stata fortunata, considerata la violenza del colpo subito. L’aggressore è invece un 34enne sassone che, secondo informazioni dell’agenzia News 5, sarebbe già da lungo tempo vicino ad ambienti neonazisti. L’uomo è ora indagato per lesioni gravi. La buona qualità del video potrebbe favorire il corso delle indagini.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL VIDEO PUBBLICATO DA HUFFINGTON POST

HEADER-SCUOLA-DI-TEDESCO

Foto di copertina © Huffpost.de-screenshot

Leave a Reply