Obike mette in vendita a 69 euro le biciclette usate per il bike sharing

L’azienda di bike sharing Obike dopo il fallimento vende le proprie biciclette in un magazzino ad Amburgo.

Per un anno più di 10 mila biciclette sono rimaste parcheggiate all’interno di un magazzino a Barsbüttel, alle porte di Amburgo. Il motivo è il fallimento dell’azienda di noleggio Obike. Ora il proprietario deve sbarazzarsi entro il 31 agosto di tutte le biciclette e ha pensato bene di metterle in vendita a soli 69 euro.

Obike – CC0 © Wikipedia

Quante sono le biciclette in vendita

Dopo il fallimento della Obike, i mezzi a due ruote erano stati acquistati dall’azienda svizzera Umzug24. Questa li ha poi vendute a un imprenditore, Osman Tazik, che ora li tiene in magazzino nei pressi di Amburgo. Ma ora il proprietario del deposito, Harald Ploß, vuole sbarazzarsi di tutte le biciclette entro fine mese. Tazik ne ha già vendute 6000 a un cliente norvegese. Delle 4000 rimaste, duecento sono destinate agli alloggi per migranti. Infatti cinquanta di queste sono già state affidate al centro accoglienza a Schkeuditz, vicino Lipsia. Le restanti 3800 sono a disposizione di chiunque le volesse comprare al prezzo di 69 euro. «Se non riuscissi a venderle entro il 31 agosto, dovrò disfarmene da solo», ha affermato Ploß, che vuole chiudere la faccenda il prima possibile.

Il fallimento di Obike

Queste biciclette sono molto facili da usare. Sono adatte alla città. E le ruote hanno pneumatici in gomma piena. A metà del 2017, Obike ha cercato di affermarsi sul mercato tedesco, con scarsi risultati. Strano per un paese dove la bici è uno dei principali mezzi di trasporto. Oltre alle biciclette vicino ad Amburgo, ne restano 20.000 a noleggio in Germania e nei Paesi Bassi, ma non si sa ancora che fine faranno.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply