Germania, funzionario dei servizi era una spia islamista. E un pornoattore gay

Si vanno definendo i contorni di quella che potrebbe essere tranquillamente definita la più bizzarra spy story del dopoguerra tedesco. Come riportano diversi quotidiani tedeschi e il Washington Post, un ex funzionario del Bundesamt für Verfassungsschutz (BfV), l’ufficio federale tedesco per la protezione della costituzione, si è rivelato essere una spia islamista. L’inquietante storia ha poi assunto una piega surreale quando gli agenti, perquisendo l’appartamento del sospetto, hanno rinvenuto del materiale pornografico: si tratterebbe di video risalenti a una precedente fase di vita dell’uomo, in cui lavorava come pornoattore gay.

Le indagini. I filmati hot, non rilevanti ai fini delle indagini, sono stati comunque sequestrati. L’uomo, di origini spagnole e in seguito diventato cittadino tedesco, è padre di quattro figli e aveva nascosto alla famiglia la sua radicalizzazione religiosa. È la prima volta che il BfV scopre una spia islamista tra i suoi funzionari. Secondo alcuni media, tra cui Der Spiegel Die Welt, la sospetta talpa avrebbe fornito informazioni riservate necessarie a organizzare un attentato alla sede BfV di Colonia. Ma una portavoce del BfV ha smentito che attualmente esistano evidenze al riguardo. Fonti interne ai servizi tedeschi affermano che l’uomo potrebbe soffrire di disturbi psichici e probabilmente avere una personalità multipla. In attesa di ulteriori chiarimenti, politica e stampa tedesche si chiedono come l’uomo abbia potuto essere assunto nel bureau che si occupa della sicurezza nazionale e delle minacce terroristiche. Dal ministero degli Interni però provano a far notare che è stato lo stesso BfV a scoprire la falla in quello che ha tutta l’aria – assicurano – di essere un «caso isolato».

Foto di copertina La sede del BfV a Colonia © Bundesamt für Verfassungsschutz

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • 41
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
    Tags: non, è, si, per, in, i, germania
  • 38
    Gli stereotipi sui popoli - come tutte le generalizzazioni - sono sempre imprecisi e a volte irritanti. Eppure, molto spesso, contengono un fondo di verità e possono dire tanto sull'antropologia di una nazione. Soprattutto se si tratta di rappresentazioni in cui si riconoscono i diretti interessati, come nel caso di…
    Tags: per, i, in, non, nel, tedesco, è, si, poi, germania
  • 36
    Per me, a quei tempi, la cioccolata era solo cioccolata. Al latte o fondente. Quella bianca aveva ancora un non so ché di esotico e raro. Ricordo che periodicamente, di tanto in tanto, mia zia ritornava in patria dalla lontana Germania per visitare mia nonna e tutti noi. Ricordo le…
    Tags: non, in, per, era, si, come, i, più, germania
  • 35
    Trovandomi ormai al quarto semestre di un master a Berlino posso tirare le fila di questa esperienza. Lo studio è più leggero che in Italia, i servizi offerti incredibilmente più numerosi e variegati (mai pensato di fare un corso di Irish Dance presente nell’offerta sportiva dell’università?), le tasse un contributo, per…
    Tags: in, per, non, è, i, più, si, tedesco, tedesche, germania
  • 35
    Vivere all'estero ci permette di diventare più elastici, ma a volte le trasformazioni diventano radicali e ci ritroviamo quasi tedeschi di nascita. Ok, ci piace dire che l'Italia, al suo meglio, è il migliore Paese del mondo per qualità e stile di vita. Scherziamo sulle abitudini straniere, ci lamentiamo di…
    Tags: in, non, è, per, quando, si, più, essere, tedesco, tedeschi

Leave a Reply