Germania, niente più rifugiati da Algeria, Marocco e Tunisia

Ottenere l’asilo politico in Germania sarà più difficile per marocchini, algerini e tunisini. I deputati tedeschi hanno approvato l’Asylpaket II, un progetto di legge che limiterà drasticamente il numero di coloro che hanno accesso al diritto d’asilo. La proposta ha ottenuto una larga maggioranza: 429 voti a favore, 147 contrari e 4 astenuti, come riportato da Die Zeit.

Paesi sicuri? I tre Paesi del Maghreb, Algeria, Marocco e Tunisia, verranno aggiunti alla lista dei «Paesi sicuri», proprio per limitare gli arrivi da quell’area, molto frequenti in Germania. Una decisione che giunge, non a caso, dopo le violenze di Colonia dello scorso Capodanno, che hanno visto un’alta percentuale di aggressori provenienti da Algeria e Marocco. Definire «sicuri» questi Paesi significa rendere quasi impossibile l’accesso al diritto d’asilo per i maghrebini, poiché una tale indicizzazione implica la possibilità di vivervi in tranquillità, senza guerre né violenze. Solo chi riuscirà a dimostrare di essere personalmente perseguitato potrà ancora ottenere il diritto di asilo. Si tratta di un procedimento che è già stato adottato lo scorso anno per alcuni Paesi dell’area balcanica. Secondo il Ministro degli Interni De Maizière, la disposizione ha permesso di ridurre sensibilmente il numero di migranti in arrivo in Germania.

Ridurre il numero dei migranti. Anche per i rifugiati provenienti da altre regioni del mondo dichiarate sicure la situazione in Germania non sarà rosea. Il testo di legge adottato dal Parlamento prevede un esame estremamente rapido delle domande d’asilo: in pochi giorni, al massimo due settimane, la sorte del richiedente deve essere decisa. I migranti che non possono restare verranno rapidamente espulsi. L’obiettivo è ridurre il numero di rifugiati senza dover chiudere le frontiere. La mancanza di un coordinamento da parte dell’Unione Europea per far fronte all’«emergenza rifugiati» ha pesato sulle decisioni della Merkel, che ha agito facendo sì che delle misure restrittive venissero messe ai voti. Tra i provvedimenti ci sono la limitazione della possibilità di ricongiungere il proprio nucleo familiare, l’accesso negato a chi ha precedenti penali e un generale acceleramento delle procedure di espulsione. Una politica di accoglienza che va facendosi sempre meno generalizzata. «Si tratta di un’emergenza. Limitare il numero degli arrivi rispetto ai mesi passati è necessario, se si vogliono rispettare le possibilità del Paese», ha affermato la deputata CSU Andrea Lindholz.

L’opposizione. La decisione ha ricevuto un’accoglienza fredda da parte degli esponenti dell’opposizione e da parte delle associazioni di aiuto ai rifugiati. Anche una trentina di deputati SPD, Sozialdemokratische Partei Deutschlands, hanno votato contro, pur essendo membri della coalizione di governo della Merkel.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Foto di copertina © en.wikipedia.org CC BY SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    Dopo un mese e mezzo continuano le indagini degli inquirenti sui colpevoli dei furti e delle molestie sessuali durante la terribile notte di Capodanno a Colonia. Negli scorsi giorni il pubblico ministero cittadino Ulrich Bremer ha rilasciato alcuni dati ufficiali: 3 arrestati erano rifugiati siriani o iracheni, di cui solo…
  • 10000
    A una settimana dai drammatici fatti che si sono svolti a Colonia nella notte di Capodanno – uno stupro, decine di casi di molestie sessuali e di furto – attribuiti da vittime e testimoni a circa un migliaio uomini di origine africana e mediorientale, arriva la reazione politica del Ministro…
  • 10000
    Wolfgang Albers, Il Presidente della polizia di Colonia, l'ha definita «una dimensione criminale totalmente nuova». Quel che è certo è che i fatti accaduti a Colonia la notte di San Silvestro, tra la stazione centrale e la splendida Cattedrale, hanno sconvolto la Germania e stanno facendo discutere animatamente le forze…
  • 51
    Lo scorso 25 agosto Angela Merkel ha dichiarato che la Germania accoglierà tutti i rifugiati siriani. Non si può vivere in un Paese in guerra, chi viene dalla Siria può essere sicuro di essere accettato a Berlino,  a differenza di quanto accade per molti altri profughi.  La decisione della cancelliera ha…
    Tags: in, non, si, i, essere, è, germania, per, asilo, richiedenti
  • 47
    di Ubaldo Villani-Lubelli* Un recente film tedesco, Wir sind jung. Wir sind stark (Siamo giovani. Siamo forti) racconta delle violenze dei gruppi tedeschi di estrema destra nei confronti di profughi e immigrati a Rostock nel 1992. Due anni dopo la riunificazione, la ex Germania Est era attraversata da intense forme di intolleranza…
    Tags: germania, per, è, profughi, i, rifugiati, asilo, si, in, violenze

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply