Germania, polizia spara 20 proiettili per abbattere il toro che blocca il traffico

Venerdì, ore 14.15, autostrada B83 tra Espenau-Hohenkirchen, zona Assia della Germania. Un toro scappato da una vicina fattoria di Fuldatal (assieme ad un altro toro poi recuperato e portato dal proprietario) si ferma in mezzo alla carreggiata. Blocca il traffico. Dopo circa un’ora arriva in soccorso la polizia. La soluzione? Sparare una ventina di colpi di 9mm all’animale che, dopo aver resistito ai primi proiettili, finisce per accasciarsi sul ciglio della strada moribondo. Ci vogliono una decina di minuti affinché muoia. L’ultimo proiettile è quello del fucile del secondo poliziotto. L’altro toro era già stato

Il video. È stato realizzato da un autista bloccato in strada. Le immagini hanno attirato l’attenzione della stampa nazionale. La polizia si è giustificata attraverso il proprio portavoce descrivendo come pericoloso l’animale: “Se in una situazione d’emergenza un animale rappresenta un credibile pericolo per l’incolumità delle persone, la polizia è autorizzata ad utilizzare armi da fuoco”. Il toro nel video mostra però una certa docilità (per quanto non si possa sapere come si stesse comportando prima della registrazione. La sua unica colpa sembra il volere rimanere in mezzo alla strada impaurito. Come tale è stata percepita dai lettori e commentatori dei vari articoli apparsi online che hanno visionato il video e che hanno in molti casi descritto il tutto come “crudeltà gratuita”. Secondo il veterinario Elmar Westenberger intervistato dall’Hessische Niedersächsische Allgemeine: «Per casi e animali del genere la polizia dovrebbe utilizzare grossi quantitativi di sedativi e, successivamente, taser immbilizzanti. Pistole di piccolo calibro come quella utilizzata dal poliziotto non hanno quasi nessun effetto». La strada è comunque rimasta parzialmente chiusa al traffico finché il toro non è stato rimosso dalla strada.

ATTENZIONE LE IMMAGINI DEI DUE VIDEO (UNO CONSECUTIVO ALL’ALTRO) POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITA’

Leave a Reply