Germania, SPD apre al dialogo per Grande coalizione con l’Unione di Angela Merkel

Lo stallo in cui le trattative per la formazione del nuovo governo tedesco parevano essersi arenate potrebbe ora trovare una via d’uscita. Dopo l’iniziale no categorico a una replica della Grande coalizione tra CDU ed SPD, i socialdemocratici fanno un passo indietro e riaprono il dialogo con Angela Merkel.

Dopo otto ore di confronto fra i vertici del partito, il segretario generale della SPD Hubertus Heil ha affermato che «il suo partito non dirà no al dialogo». Non è ancora certo con quali forze politiche abbiano intenzione di negoziare, né se al termine delle consultazioni sia aperta la possibilità di una replica della Große Koalition. Quel che è sicuro è che il Presidente federale Steinmeier ha convocato Angela Merkel (CDU), Horst Seehofer (CSU) e Martin Schulz (SPD) all’inizio della prossima settimana per un colloquio. L’incontro, che si terrà allo Schloss Bellevue, è stato confermato dagli uffici della presidenza. In un tweet Martin Schulz ha definito l’appello di Steinmeier «disperato».

L’esitazione dei socialdemocratici

Dopo aver raccolto il peggior risultato elettorale dal 1949 nelle elezioni del 24 settembre 2017, l’SPD pareva escludere a priori ogni forma di coalizione, tenendo ferma la volontà di mantenersi all’opposizione. Le consultazioni tenutesi ieri con il presidente Steinmeier potrebbero però aver iniziato ad ammorbidire la rigida posizione di Schulz, condivisa con la capogruppo in parlamento Andrea Nahles. Alcuni membri del partito si sono detti aperti a valutare di assecondare la proposta di Steinmeier, che ha chiesto a Schulz di rivedere la propria posizione nell’ottica di un ragionevole compromesso. Tra questi il Ministro degli esteri Sigmar Gabriel, ex presidente della SPD, caldeggia una riedizione della grande coalizione. Come riporta Spiegel Online, Schulz ha dichiarato che se il confronto con CDU e CSU si svolgerà con successo, il suo partito metterà ai voti l’eventuale partecipazione a una coalizione di governo.

Le trattative continuano

Il fallimento delle trattative per la coalizione Giamaica (CSU e CDU/neri + Liberali/gialli + Verdi) comporta il rischio di nuove elezioni, a meno che non si opti per un improbabile governo di minoranza, soluzione sgradita a Merkel e inedita per la Germania. La prospettiva di una nuova coalizione rosso-nera non entusiasma certo l’elettorato, che infatti alle ultime elezioni non ha rinnovato la fiducia alle parti politiche che hanno sostenuto il governo Merkel. Potrebbe però trattarsi dell’unica soluzione per scongiurare l’ipotesi di un governo instabile o di indire nuove elezioni.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply