Germania, successo per Peppr, l’App per ordinare sesso a domicilio

Si chiama Peppr e arriva direttamente dalla Germania. L’obiettivo? Connettere prostitute e gigolò con potenziali clienti senza allontanarsi da casa.

Come funziona. Discrezione, velocità e dimensione virtuale: Peppr permette di farsi “recapitare” servizi sessuali direttamente a casa. Localizzando gli utenti disponibili nelle vicinanze, è possibile pagare una loro prestazione direttamente online e aspettarla a casa propria o nel proprio hotel, una via di mezzo fra Airbnb (azienda per prenotazione di appartamenti online) e Lieferando, (servizio di consegna di cibo a domicilio).

Come funziona. Si accede al servizio direttamente dall’App o dal sito, confermando la maggior età e inserendo la posizione geografica attraverso il CAP. La piattaforma offre una prima selezione di preferenze: uomini, donne o trans. Dopodiché si approda in una visualizzazione dinamica dei profili  che appaiono in “vetrina” con foto e tariffa oraria. Una volta selezionato l’utente, si accede al profilo completo della prostituta/o, con informazioni personali dettagliate ( età, origine) , l’orientamento sessuale, i servizi erotici offerti, i dati fisici (seno, altezza, peso) e gli interessi personali. Sull’app si possono controllare disponibilità oraria, i prezzi, il tasso di risposta nonché  lasciare una recensione. Le prestazioni più ricercate sono al momento bondage, giochi di ruolo e fetish, ma molto richieste sono anche lepiù caste prenotazioni per avere un accompagnatore o un’accompagnatrice per una cena.

La registrazione e il pagamento. Per prenotare un servizio è necessario inserire il proprio numero di telefono. Si riceve un sms con un codice di conferma che permette di accedere alla seconda fase di registrazione. Inserendo l’indirizzo e-mail si completa l’iscrizione e si possono iniziare a prenotare i servizi. Una volta scelto un profilo e specificato il domicilio, si passa alla fase del pagamento online. L’importo viene addebitato solo se la richiesta viene accettata dall’utente entro 24 ore. Sul sito è inoltre sempre attiva una chat live a cui fare riferimento in caso di problemi tecnici.

I prezzi. Si parte da 150 € per arrivare anche a mille e più a seconda del/la professionista, del tempo e della prestazione richiesta. Peppr trattiene 10 € per la prenotazione, somma divisa tra cliente e professionista.

La privacy. Al momento della registrazione non è richiesto l’inserimento di dati personali. Quelli forniti arrivano esclusivamente a chi si occupa del servizio di pagamento. L’interazione con i Pepprs avviene tramite il numero di telefono inserito al momento dell’iscrizione, attraverso un provider di SMS. Il sistema è programmato per non condividere in nessun modo il numero telefonico e cancellare le informazioni relative alle prenotazioni due settimane dopo l’appuntamento. L’applicazione si avvale di un sistema protetto di navigazione attraverso il protocollo SSL, un protocollo crittografico che permette una comunicazione sicura dalla sorgente al destinatario: tutte le informazioni rimangono segrete e i computer sono certificati e controllati regolarmente per garantire la sicurezza degli utenti.

“Il nostro punto forte non è solo quello di sollevarvi dalla scocciatura di dover prenotare personalmente un appuntamento a sfondo sessuale, ma anche di offrirvi una piattaforma trasparente e di qualità che renda tutto più semplice e sicuro. Da noi la fiducia è garantita: la gestione delle prenotazioni viene effettuata con totale discrezione”

La fondatrice. Peppr appartiene a una donna, Pia Poppenreiter. L’ha fondata nel 2014, a soli 28 anni. «L’idea mi è venuta passeggiando lungo la Oranienburger Strasse, una delle vie più turistiche di Berlino, nel quartiere di Mitte. Ho notato un gruppo di ragazze professioniste lungo i marciapiedi, fuori, per strada e ho pensato che sarebbe stato meglio per loro creare un’applicazione che potesse permetterle di procacciare  clienti in maniera virtuale ».

La prostituzione in Germania e a Berlino. La Germania ha legalizzato la prostituzione con una legge del 2002. Al momento si stima che ci siano circa 400 mila prostitute in attività (l’articolo della BBC qui), ben il doppio rispetto all’entrata in vigore della normativa. Non c’è da stupirsi dunque del successo di Peppr e non stupisce nemmeno che l’idea sia arrivata direttamente dalle strade di Berlino, dove alla norma legale si aggiunge un gusto particolare per la libertà di usi e costumi. Basti pensare a quanto il panorama del porno si stia facendo spazio, una sorta di ritorno all’autenticità e all’importanza del corpo come mezzo di comunicazione per una prospettiva più disinibita. Ne sono un esempio i Pornceptual, le feste a cui accedere completamente nudi che periodicamente vengono organizzate al Prince Charles, i Naked Boys Reading (serata a tema letterario dove i lettori si esibiscono nudi), il Berlin Porn Film Festval, che quest’anno ha festeggiato la decima edizione e locali come il KitKat e il Berghain si inseriscono perfettamente in questa dimensione, due famosi club in cui la vita notturna si trasforma nell’occasione vivere senza inibizioni la propria sessualità.

Related Posts

  • Premessa: sappiamo bene che questo non è un articolo particolarmente profondo, ma pensiamo sia utile ogni tanto offrire anche uno spaccato sull'informazione leggera tedesca e i suoi temi caldi. Raccontano un popolo da una prospettiva sicuramente originale e interessante. ------ SESSO, basta questa semplice parola di cinque lettere ad attirare…
  • "La maggior parte dei problemi matrimoniali vanno così. Quando l'ho sposata era magra e carina, mi diceva cose carine. Ora lei è diventata tutta grasso ed ossa, ha il viso cupo, quando la guardo - Dio mi perdoni - mi sembra Satana in persone. Vorrei non andare mai a casa,…
  • Cord Balthasar e Thorsten Wiese sono gli autori di Warum Kugelschreiber tödlicher sind als Blitze: Verblüffende Statistiken über die Gefahren und Risiken unseres Leben (trad. Perché le penne sono più letali dei fulmini: sorprendenti statistiche sui pericoli e rischi della nostra vita) libro pieno di curiosità e classifiche su vari aspetti della vita…
  • Ok, l'Npd - Nationaldemokratische Partei Deutschlands - nominalmente non è un partito neonazista, ma lo è nei fatti. La decisione di espellere dal suo movimento la pornostar Ina Groll in arte Kitty Blair, ne è l'ennesima conferma. La colpa della ventottenne? Aver fatto sesso sul set di Kitty schluckt Sperma con un attore afroamericano.…
  • Lui le dice ti amo. Lei brontola: «se mi amassi veramente, me lo diresti nella tua lingua! L’amore è molto più spontaneo! Quando ci siamo conosciuti, non avevi avuto bisogno di usare l’inglese o il tedesco per dirmi che ero bellissima!». Ad incarnare la coppia in questione ritroviamo Franziska Endres…

Margherita Sgorbissa

Con sempre il solito imbarazzo delle autodescrizioni, mi presento: sono Mag e sono laureata in mediazione linguistica. Finita la vita in Italia, presto sarò a Berlino per iniziare un nuovo capitolo. Un grande legame che mi ha tenuta stretta alla realtà tedesca è stato sicuramente Berlino Cacio e Pepe Magazine, con cui collaboro dal 2011. Inutile citare la mia grandissima passione per la scrittura e il giornalismo!

One Response to “Germania, successo per Peppr, l’App per ordinare sesso a domicilio”

  1. 1Bambinone

    Male, male, male. I prezzi dicono tutto della gente con cui si ha a che fare. Quando una prostituta paga le tasse e veramente vuole togliersi di mezzo la gente che gli da fastidio non andrà a comportarsi come quando non pagava tasse ed aveva alle spalle un pimp. E la giostra gira e gira e rigira.

    Rispondi

Leave a Reply