Guida alla Berlinale 2016: i biglietti, le feste, i 10 film da non perdere e le location

Dall’11 al 21 febbraio avrà vita la 66esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo.

1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI

Si possono comprare  con un anticipo massimo di tre giorni per i film in prima proiezione e quattro per quelli in replica. Le prevendite partono lunedì 8 febbraio (per i film dell’11). Si possono compare:

-online sul sito della Berlinale. Cliccate qui, scegliete il film e la proiezione a cui volete andare.

-all’Arkaden di Potsdamer Platz

-al Kino International (Karl-Marx-Allee 33 – Mitte)

-all’ Haus der Berliner Festspiele, (Schaperstraße 24 – Wilmersdorf).

-direttamente nel cinema poco prima della proiezione sempre che siano rimasti dei biglietti.

2-LE PROIEZIONI SONO TUTTE IN LINGUA ORIGINALE CON SOTTOTITOLI IN INGLESE

Non tutti i film hanno anche i sottotitoli in tedesco.

3-LE PROIEZIONI DI GALA

Le proiezioni serali al Berlinale Palast o all’Admidral-Palast sono sempre accompagnate da almeno un membro del cast e/o dal regista e i biglietti normalmente costano qualcosa in più.

4-I RED CARPET E IL CENTRO OPERATIVO DEL FESTIVAL SONO A MARLENE DIETRICH PLATZ

Ovvero il continuo di Potsdamer Platz. E’ qui che avviene quasi tutto: al Berlinale Palast le proiezioni di ogni film in concorso con tanto di red carpet e sfilata degli invitati, mentre accanto, al Grand Hyatt Hotel, avvengono le conferenze stampa e soggiornano molte delle star invitate. Se avete poco tempo e volete solo gustarvi l’arrivo di attori e attrici di richiamo, fatevi una passeggiata da queste parti. Anche molte delle proiezioni avvengono qui tra Berlinale Palast, CineMaxx e CineStar. Il resto delle location, sparpagliato per tutta la città, è ben riassumibile da questa bella cartina realizzata dalla Berliner Zeitung. Cliccate il tasto destro, sopra l’immagine, per aprire “in un’altra finestra” a risoluzione maggiore.

Mappa della Berlinale

5-IL MERCATO DEL FILM

Si svolge al Martin Gropius Bau che per l’occasione sospenderà la sua solita programmazione di esposizioni di mostre d’arte. Normalmente l’ingresso è solo per chi ha un pass, ma provate a chiedere una cortesia o cercate un amico con il pass che garantisca per voi. Dentro ci troverete i vari stand delle cinematografie di tutto il mondo (anche l’Italia, pronta a vendere anche i suoi peggiori film), tute con il proprio stanzino per le proiezioni private, la scrivania per siglare i contratti e tante locandine. E’ un’esperienza che, chi non ha mai fatto, dovrebbe fare se ama il cinema e vuole vedere/sapere come funziona il dietro le quinte.

6-NON TUTTI I FILM SONO IN ANTEPRIMA MONDIALE

A differenza di Venezia e Cannes, Berlino è un festival che non ci tiene molto a presentare solo film in anteprima mondiale, e molti dei suoi film sono spesso già stati presentati durante il Sundance (il festival del cinema indipendente USA che prende il via proprio in questi giorni) o altri festival.. Poiché la selezione dei film della Berlinale è spesso piuttosto discutibile e non sarebbe una novità avere una lunga serie die film in concorso degni delle migliori dormite (non brutti, ma infinitamente noiosi), è bene cercare di cautelarsi

7-LA GIURIA 2015

Presidente di giuria è quest’anno Meryl Streep. Altri membri: l’attore tedesco Lars Eidinger, il critico inglese Nick James, la fotografa francese Brigitte Lacombe, l’attore britannico Clive Owen, l’attrice italiana Alba Rohrwacher e la regista polacca Malgorzata Szumowska. A loro verrà affidato assegnare l’Orso d’oro al migliore film e ai migliori attori, nonché gli altri premi della competizione principale.

8-I FILM 2016

I 10 più attesi? Ave, Cesare! dei fratelli Coen (peraltro film d’apertura), il fantascientifico Midnight Special di Jeff Nichols, il cybercrime Zero Days di Alex Gibney, Chi-Raq di Spike Lee (fuori concorso), Fuocoammare di Gianfranco Rosi (vincitore a Venezia nel 2013, il drammatico L’avenir di Mia Hanse-Love con Isabelle Huppert, The Commune di Thomas Vinterberg (ex Dogma, autore di Festen), A Quiet Passion di Terence Davies (biopic su Emily Dickenson),  il sentimentale Maggie’s Plan (con Ethan Hawke e Julianne Moore) e il filippino A Lullaby to the Sorrow Mystery di Lav Diaz sulla storia vera del rivoluzionario Andrés Bonifacio y de Castro, 458 minuti in bianco e nero solo per i veri cinefili. Verranno presentati anche i primi due episodi della seconda stagione di Better Call Saul e della prima di The NIght Manager con Hugh Laurie. Grande la presenza italiana con un intero focus sui nostri giovani cineasti nella sezione Talent Campus di cui potete leggere qui.

9-LE FESTE

Quasi ogni film ne organizza una. E non solo loro. Lo fanno le cinematografie di vari paesi (anche l’Italia ha la sua festa), film in produzione, sponsor, sezioni del festival e così via. Come essere invitati? La cosa più semplice e passeggiare per il Martin Gropius Bau e chiedere informazioni su chi fa una festa lo stesso giorno o il giorno precedente e chi la gestisce per chiedere poi il biglietto direttamente a loro. E’ infatti nel giro delle produzioni che girano gli inviti. Se avete un aggancio, non lasciatevelo sfuggire. Le feste sono normalmente open bar (sia che siano after party che cene) ed è questa la ragione per cui di mattina durante la Berlinale succede poco o nulla.

10-PERCHÈ LA BERLINALE È SPECIALE

Perché, a differenza di Venezia o Cannes, qui la città partecipa davvero. Tutti i quartieri si sentono coinvolti sia grazie ad iniziative come Berlinale goes Kiez che per i suoi cittadini, pronti a fare file di ore per accaparrarsi un biglietto qualsiasi e sentirsi parte della manifestazione. Il festival di Berlino è stato fondato nel 1951 nella parte ovest  per ridare vita culturale e fermento ad una città semi-distrutta e spartita in settori. Un tempo sede del festival era la zona del Ku’damm. Lo spostamento a Potsdamer Platz è avvenuto solo negli anni ’90, a muro caduto. Ad oggi è il festival europeo con più crescita per numero di partecipanti sia addetti ai lavori che pubblico. La ragione? Sembra davvero una grande festa popolare.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply