Hatch Sticker Museum, il coloratissimo museo degli adesivi di Berlino

A Berlino c’è un museo completamente dedicato agli appassionati di adesivi ed è un peccato perderselo.

Collocato nel quartiere orientale di Friedrichshain, l’Hatch Sticker Museum è un museo della capitale tedesca che contiene migliaia di adesivi. La maggior parte delle opere esposte è rappresentata da sticker-graffiti, ovvero quegli adesivi che si vedono in giro per le grandi città attaccati alle centraline dell’elettricità, ai vagoni dei treni, sulle porte dei locali. Ma in realtà vi si trovano sticker di vario genere (vedi immagine sottostante). Una delle particolarità della collezione è l’accostamento di sticker d’autore e adesivi pubblicitari. Gli unici a non essere esposti sono gli adesivi per bambini.

Hatch Sticker Museum

La collezione di adesivi dell’Hatch Sticker Museum

Il nucleo della collezione è stato messo insieme da Oliver Baudach, che nel 1983 iniziò a conservare gli sticker in cui si imbatteva. La sua raccolta era talmente immensa che il museo espone soltanto 6000 dei 20.000 pezzi che la componevano in origine, poco più di un quarto. Questo non significa che non ci sia spazio per i nuovi arrivi! Il museo incoraggia le donazioni e riceve continuamente contributi da altri collezionisti o direttamente da artisti che producono adesivi. Se volete disegnare il vostro sticker e inviarlo con la certezza che venga esposto nel museo, cliccate qui! A fianco della mostra permanente sono generalmente organizzate varie esposizioni temporanee che si concentrano su un singolo stile o artista. Il biglietto d’ingresso al museo costa solo 1 euro e permette di visitarle entrambe. Ogni visitatori riceve un adesivo a edizione limitata in omaggio all’ingresso!

Hatch Sticker Museum

Hatch Sticker Museum – Oliver Baudach

Schreinerstr. 10 – 10247 Berlino
Tel. +49 (0)30 – 64 31 91 17
info@hatchkingdom.com
aperto dal giovedì al sabato, 12.00-18.00
Biglietto: 1€

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Immagine di copertina: © Andreas Lehner, CC BY 2.0

Leave a Reply